Doctor Who – Delta and the Bannermen

Doctor Who - Delta and the Bannermen
Doctor Who – Delta and the Bannermen

“Delta and the Bannermen” è un’avventura della ventiquattresima stagione della serie classica di “Doctor Who” trasmessa nel 1987. È composta da tre parti, scritta da Malcolm Kohll e diretta da Chris Clough.

La storia

Gavrok ha guidato i suoi Bannermen al quasi genocidio dei Chimeron ma la regina Delta è riuscita a fuggire con un uovo che rappresenta l’ultima speranza per la sua specie. Arrivata in uno spazioporto, Delta cerca di confondersi con un gruppo di turisti in viaggio verso la Terra del 1959 per una vacanza esotica.

Il Settimo Dottore (Sylvester McCoy) e Melanie Bush (Bonnie Langford) scoprono di aver vinto una vacanza premio al loro arrivo in uno spazioporto. L’astronave camuffata da autobus è diretta a Disneyland ma in orbita si scontra con un satellite sperimentale e finisce nel Galles, dove altri incontri imprevisti attendono i viaggiatori.

Extra

Questo DVD contiene una buona quantità di extra. Sono presenti contenuti tipici come una galleria di immagini tratte da quest’avventura, i sottotitoli della produzione, i Radio Time Billings e un promo dei DVD di “Doctor Who” pubblicati prossimamente.

Sono presenti nella traccia audio alternativa degli episodi commenti all’avventura da parte del protagonista Sylvester McCoy, dell’attrice Sara Griffiths, del regista Chris Clough e dello script editor Andrew Cartmel.

But First This. Un’intervista dell’epoca ai protagonisti di quest’avventura.

Interview Rushes. La versione non montata dell’intervista ai protagonisti di quest’avventura con altri 10 minuti di contenuti.

Wales Today. Un breve servizio dell’epoca su quest’avventura.

Part One: First Edit. La versione originale della prima parte di quest’avventura con alcuni minuti in più rispetto a quella andata in onda.

Hugh and Us. Un’intervista all’attore Hugh Lloyd, che interpreta l’apicoltore Goronwy in quest’avventura.

Clown Court. Uno sketch che include vari blooper con Sylvester McCoy come protagonista.

Stripped for Action: The Seventh Doctor. Un documentario di poco più di 20 minuti sui fumetti con il Settimo Dottore. È l’unico extra prodotto per l’edizione in DVD.

Trails and Continuities. Vari annunci dell’epoca della BBC per quest’avventura.


Lo script editor Andrew Cartmel voleva coinvolgere nuovi autori in “Doctor Who” e decise di contattare alcuni di quelli che avevano partecipato assieme a lui ai workshop gestiti dalla Script Unit della BBC. Tra di essi c’era Malcolm Kohll, un sudafricano che si era trasferito a Londra per entrare nel mondo dello spettacolo. Fu così che venne incaricato di scrivere la sceneggiatura di quella che divenne “Delta and the Bannermen”.

La stagione prevedeva un totale di 14 episodi con la conseguente necessità di produrre almeno un serial con meno delle quattro parti che erano diventate da tempo uno standard per “Doctor Who”. Il produttore John Nathan-Turner considerava i serial composti da sei parti troppo lunghi, d’altra parte gli ultimi da due parti avevano avuto un successo limitato, compreso quello che aveva chiuso la stagione precedente. Alla fine, decise di produrre due serial da 4 parti e 2 da 3 parti.

“Delta and the Bannermen” divenne il primo serial da 3 parti di 25 minuti dagli anni ’60 dopo che venne risolto il problema dell’uscita di scena di Mel e della scelta della nuova compagna del Dottore. Bonnie Langford era insoddisfatta del suo personaggio perciò aveva deciso di lasciare “Doctor Who” e la sua ultima avventura doveva essere anche l’ultima della stagione e la prima della nuova compagna.

Ray era una candidata a diventare la nuova compagna del Dottore perciò l’importanza del suo personaggio nella sceneggiatura venne approvata dal produttore John Nathan-Turner e dallo script editor Andrew Cartmel. Alla fine però i due decisero che Ace sarebbe diventata la nuova compagna, di conseguenza “Delta and the Bannermen” divenne il terzo serial trasmesso nel corso della stagione.

A parte le scene iniziali che presentano la guerra di Gavrok contro Delta e la sua specie e l’arrivo del Dottore e di Mel, “Delta and the Bannermen” è ambientato in Galles nel 1959. La storia cerca di far leva su un effetto nostalgia per quell’epoca ma io sono nato ben più tardi e non ho mai nutrito interesse per quel decennio, soprattutto per la musica di quegli anni ampiamente presente in quest’avventura.

In sostanza, l’inizio di “Delta and the Bannermen” è per me poco interessante ma c’era una trama da sviluppare che invece aveva un notevole potenziale. Il tentativo di genocidio dei Chimeron da parte di Gavrok e dei suoi Bannermen fallisce quando la regina Delta riesce a sfuggire. Si tratta di una storia drammatica che offre punti di riflessione e permette al Settimo Dottore di mostrare per la prima volta il suo lato oscuro. Purtroppo questa parte della trama mi è parsa piuttosto sprecata.

I momenti drammatici di “Delta and the Bannermen” sono tipicamente recitati sopra le righe e sono mescolati ad altre parti con toni da commedia che finiscono a dare a quest’avventura un tono farsesco. L’innocenza che sembra esistere nel 1959 nonostante la Guerra Fredda contrasta con la lotta per la sopravvivenza da parte di Delta ma sembra esserci un tentativo di creare una sorta di fiaba più che una storia con una buona amalgama di dramma e commedia.

La trama include anche la presenza di due agenti americani ed è legata al lancio del satellite sperimentale che si scontra con l’astronave / autobus. In origine c’era più spazio per questa parte della trama ma dovette essere tagliata per motivi di tempo. Alla fine poteva essere tagliata del tutto perché secondo me diventa praticamente inutile e l’umorismo legato ad essa non mi ha divertito per nulla.

In realtà, “Delta and the Bannermen” mi è parso in generale poco divertente ma forse è un problema legato all’ambientazione che per me è noiosa. È un tentativo di produrre qualcosa di diverso ma secondo me non è riuscito e ci sarebbe voluto ancora un po’ di tempo per trovare la formula giusta per le avventure del Settimo Dottore.

Sembra che anche chi ha prodotto l’edizione in DVD avesse un’opinione negativa di “Delta and the Bannermen” perché gli extra sono quasi tutti materiale d’archivio. Negli ultimi anni è diventato normale produrre un documentario sulla produzione di un serial classico pubblicato in DVD e il fatto che in questo caso non sia stato prodotto non è un buon segno. Anche per questo motivo mi sembra un prodotto per chi vuole la collezione completa di DVD di “Doctor Who” e per quelli a cui piace quest’avventura.

1 Comment


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *