Star Trek

Blog che parlano di Star Trek

René Auberjonois nel 2013

Ci ha lasciati nella giornata di ieri, 8 dicembre 2019, l’attore René Auberjonois a causa di un cancro ai polmoni. René Murat Auberjonois nacque il 1 giugno 1940 a New York, negli USA, da una famiglia con un complesso albero genealogico che da parte di madre ha tra gli antenati i reali di Napoli Gioacchino Murat e Carolina Bonaparte, sorella minore di Napoleone.

La carriera cinematografica di René Auberjonois cominciò con un paio di comparsate per poi ottenere il primo ruolo importante nel film “M*A*S*H” del 1970 e lavorare ancora con il regista Robert Altman nei film “Anche gli uccelli uccidono” (“Brewster McCloud”) del 1970 e “I compari” (“McCabe & Mrs. Miller” del 1971. In televisione fu guest star in diversi telefilm nel corso degli anni ’70 ma il suo primo grande ruolo arrivò quando entrò nel cast della serie “Benson” nella seconda stagione per rimanervi fino alla settima e ultima stagione.

René Auberjonois entrò nell’universo di Star Trek con una comparsata nel film “Star Trek VI – Rotta verso l’ignoto” (“Star Trek VI: The Undiscovered Country”) del 1991 ma è conosciuto realmente per il ruolo del mutaforma Odo nella serie “Star Trek: Deep Space Nine”.

Nello scorso decennio René Auberjonois ha interpretato un personaggio regolare nella serie “Boston Legal” e ha continuato a essere attivissimo in produzioni di diverso tipo, lavorando anche come narratore di documentari. Queste attività sono continuate anche in questo decennio mostrando fino alla fine quanto fosse eclettico.

D.C. Fontana nel 2016

Ci ha lasciati nella giornata di lunedi 2 dicembre Dorothy Catherine Fontana. È stata scrittrice, sceneggiatrice e produttrice il cui nome è legato in vari modi alla saga di Star Trek fin dalla serie originale. Conosciuta come D.C. Fontana, è stata una delle persone più importanti nello sviluppo della saga di Star Trek, un lavoro iniziato in un periodo in cui per le donne era difficile scrivere sceneggiature per serie che non fossero soap opera o varietà. Il ricordo di persone che collaborarono con lei sottolinea l’importanza del suo lavoro.

Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) in Un dolore così dolce Parte 2 (Immagine cortesia CBS / Netflix)

“Un dolore così dolce Parte 2” (“Such Sweet Sorrow Part 2”) è il quattordicesimo e ultimo episodio della seconda stagione della serie “Star Trek: Discovery” e segue “Un dolore così dolce”.

La USS Discovery e la USS Enterprise possono contare solo sui loro equipaggi e sulla potenza di fuoco di navette modificate all’ultimo momento per la battaglia contro la flotta guidata da Controllo. La speranza è di guadagnare abbastanza tempo perché il nuovo Angelo Rosso sia pronto per compiere la sua missione.

La guardiamarina Sylvia Tilly (Mary Wiseman), Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) e il Capitano Christopher Pike (Anson Mount) in Un dolore così dolce (Immagine cortesia CBS / Netflix)

“Un dolore così dolce” (“Such Sweet Sorrow”) è il tredicesimo episodio della seconda stagione della serie “Star Trek: Discovery” e segue “Attraverso la valle delle tenebre”.

L’equipaggio della USS Discovery sta abbandonando l’astronave, che dev’essere distrutta per evitare che Controllo si impadronisca delle informazioni che gli permetterebbero di diventare pienamente senziente ma il database ha una forma di autoprotezione e impedisce la distruzione.

Spock (Ethan Peck) e Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) in Attraverso la valle delle tenebre (Immagine cortesia CBS / Netflix)

“Attraverso la valle delle tenebre” (“Through the Valley of Shadows”) è il dodicesimo episodio della seconda stagione della serie “Star Trek: Discovery” e segue “Perpetua Infinità”.

Un nuovo segnale cosmico viene rilevato e anche se la sua origine è ignota è una traccia che non può essere ignorata. Esso porta su Boreth, il pianeta Klingon che ospita un monastero che tra le altre cose custodisce i cristalli temporali. Mentre il Capitano Christopher Pike (Anson Mount) va al monastero, Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) e Spock (Ethan Peck) indagano su un’anomalia legata all’attività di un’astronave della Sezione 31.