Fantasy

Blog che parlano di fantasy

Robert Heinlein nel 1976

Robert Anson Heinlein nacque il 7 luglio 1907 a Butler, nel Missouri. È stato uno dei più grandi scrittori di fantascienza, uno dei primi autori a pubblicare le sue opere in pubblicazioni più prestigiose rispetto alle riviste pulp, che allora godevano di bassa considerazione.

Robert Heinlein ha avuto un’enorme influenza nel campo della fantascienza e fu uno dei primi autori a pubblicare le sue opere in pubblicazioni più prestigiose rispetto alle riviste pulp, che allora godevano di bassa considerazione. È stato anche al centro di tante polemiche, in particolare per le idee contenute in “Fanteria dello spazio”.

Tendeva a sviluppare certe idee in modo abbastanza estremo ma in romanzi diversi si trovano idee diverse perciò ad esempio “Fanteria dello spazio” è stato tacciato di militarismo o addirittura di fascismo mentre “Straniero in terra straniera” divenne un punto di riferimento per gli hippy.

A volte Robert Heinlein si metteva a predicare le idee contenute nelle sue opere ma quando si concentrava sulla storia i risultati erano ottimi. Sua moglie Virginia fondò la Heinlein Society nel 1997 per curare l’enorme eredità dell’autore. Senza di lui la fantascienza sarebbe molto diversa.

Master of the House of Darts di Aliette de Bodard

Il romanzo “Master of the House of Darts” di Aliette de Bodard è stato pubblicato per la prima volta nel 2011. È il terzo della serie “Obsidian And Blood” e segue “Harbinger of the Storm”. È al momento inedito in Italia.

La guerra per l’incoronazione dell’imperatore Tizoc si è rivelata un fallimento con la cattura di pochi prigionieri da sacrificare nel corso delle grandi cerimonie da tenere per celebrare quell’evento. Come se non bastasse, uno dei prigionieri muore improvvisamente e la causa sembra di origine magica.

Il Gran Sacerdote dei Morti Acatl ha già compiuto diverse indagini su delitti connessi alla magia e all’intervento di qualche divinità ma la situazione è davvero delicata. Tizoc è diventato imperatore in circostanze uniche e se non riuscirà ad assicurarsi il favore degli dei le prospettive per il futuro sono di gravi instabilità.

Roger Joseph Zelazny nacque il 13 maggio 1937 a Euclid, nell’Ohio, negli USA. Inizialmente, la sua carriera di scrittore venne portata avanti nel tempo libero scrivendo narrativa breve e solo nel 1965 una versione tagliata del suo romanzo “Io, l’immortale”, conosciuto anche come “Io, Nomikos, l’immortale” (“…And Call Me Conrad”) venne pubblicata sulla rivista “The Magazine of Fantasy and Science Fiction”. Nel 1966 il romanzo venne pubblicato come libro in versione integrale con il titolo “This Immortal”. Il romanzo vinse il premio Hugo.

Nel 1965 Roger Zelazny pubblicò anche il romanzo breve “He Who Shapes”, vincitore del premio Nebula, che venne espanso nel romanzo “Signore dei sogni” (“The Dream Master”) del 1966. Nel 1967 Roger Zelazny pubblicò il romanzo “Il signore della Luce” (“Lord of Light”), che vinse il Premio Hugo.

Nel 1970 Roger Zelazny pubblicò il primo libro del ciclo fantasy delle Cronache di Ambra “Nove principi in Ambra” (“Nine Princes in Amber”). I primi cinque libri, pubblicati nel corso degli anni ’70, descrivono le avventure del principe Corwin di Ambra e sono per questo motivo chiamati anche Ciclo di Corwin.

Roger Zelazny morì il 14 giugno 1995 a causa di un cancro che gli provocò anche disfunzioni renali. Alcune opere vennero pubblicate postume come “Psyconegozio” (“Psycoshop”) nel 1998, un romanzo cominciato da Alfred Bester.

Robert Bloch nel 1976

Robert Albert Bloch nacque il 5 aprile 1917 a Chicago, nell’Illinois, negli USA.

Nel 1934, Bloch pubblicò il racconto “Lilies” sulla rivista semi-professionale “Marvel Tales”. Dopo qualche mese, cominciò a pubblicare racconti anche su “Weird Tales”. Le sue prime storie furono fortemente influenzate da H.P. Lovecraft, tanto che una parte di esse era ambientato nell’universo narrativo dei cosiddetti “Miti di Cthulhu”. La morte di Lovecraft segnò profondamente Bloch, che pian piano spostò i suoi sforzi verso storie diverse e anche verso la fantascienza.

Negli anni ’50, l’attività di Robert Bloch continuò sia nel campo letterario che alla radio e si espanse ulteriormente iniziando a lavorare per produzioni televisive. L’abilità che aveva ormai acquisito nel passare da un genere all’altro si vide nel 1959, quando vinse il premio Hugo per il miglior racconto di fantascienza con “Quel treno per l’inferno” (“That Hell-Bound Train”) e pubblicò il romanzo thriller/horror “Psyco” (“Psycho”), che venne premiato con l’Edgar Allan Poe Award. Il romanzo gli diede grande fama presso il grande pubblico in seguito al suo adattamento nel celeberrimo film diretto da Alfred Hitchcock.

Robert Bloch morì il 23 settembre 1994. Ha lasciato un’eredità di decine di romanzi, sceneggiature e racconti di vari generi. Nel corso della sua vita ricevette molti premi importanti che mostrano l’importanza di quest’autore nel campo della letteratura, del cinema e della televisione.

L'ira del Creatore di Andrea Micalone

Il romanzo “L’ira del Creatore” di Andrea Micalone è stato pubblicato per la prima volta nel 2017. È il quinto volume della saga de “Il Tramonto della Luna” e segue “Il Diadema di Ossa”.

Il Norrendal sembra ormai nella morsa di una tirannia e i pochi che conoscono la verità sul Nemico devono agire in clandestinità rischiando continuamente la vita e pagando un caro prezzo. Ormai anche l’idea di alleanze improbabili e nel passato impensabili rimane tra le poche speranze rimaste.

La scoperta degli ultimi segreti del Nemico e dei suoi reali poteri potrebbe dare un altro colpo ai piani della resistenza. Sarà necessario ricorrere a tutto il coraggio ma anche all’astuzia per impedire al Nemico di ottenere il potere assoluto ma saranno sufficienti contro forze a dir poco soverchianti?