Google

Blog che parlano di Google

Glass Enterprise Edition (Immagine cortesia Google)

Nel corso di questa settimana è stato annunciato un nuovo lancio degli occhiali a realtà aumentata chiamati in origine Google Glass. Annunciati per la prima volta all’inizio dell’aprile 2012, dopo una fase di test sembravano essersi trasformati in uno dei più grossi flop nel campo della tecnologia. La nuova versione però si chiama Glass Enterprise Edition, infatti si tratta di un prodotto aziendale che può essere utile in ambienti in cui cercare informazioni mentre le mani sono occupate senza interrompere il proprio lavoro può costituire un notevole aiuto.

Le holding giapponese delle telecomunicazioni SoftBank Group Corp. ha annunciato di aver raggiunto un accordo con Alphabet Inc., la holding di cui fa parte Google, per acquistare i produttori di robot Boston Dynamics e Schaft per una cifra che non è stata rivelata. Google aveva acquistato le due aziende nel dicembre 2013 come parte di una serie di acquisizioni nel campo della robotica e dell’intelligenza artificiale ma qualcosa non è andato bene nei piani, che sono stati modificati.

Rappresentazione delle traduzioni del sistema GNMT (Immagine cortesia Google)

Poche settimane dopo aver annunciato che il servizio Google Traduttore sarebbe stato aggiornato per usare un sistema di apprendimento automatico chiamato Google Neural Machine Translation (GNMT), gli ingegneri che se ne occupano hanno annunciato che il nuovo sistema ha fatto grossi progressi. In particolare, ha mostrato di poter tradurre da una certa lingua ad un’altra anche senza un addestramento specifico grazie a un’interlingua creata da sé.

Una scheda Tensor Processing Unit (Foto cortesia Google)

Google ha presentato la Tensor Processing Unit (TPU), un circuito integrato creato specificamente (in inglese application specific integrated circuit o ASIC) per l’apprendimento automatico (machine learning). L’azienda sta sperimentando questo tipo di soluzioni nei suoi data center da oltre un anno e ha dichiarato che le prestazioni per watt sono di un ordine di grandezza superiore per quanto riguarda l’ottimizzazione.