SoftBank acquista il produttore di robot Boston Dynamics

Atlas Unplugged (Foto cortesia DARPA. Tutti i diritti riservati)
Atlas Unplugged (Foto cortesia DARPA. Tutti i diritti riservati)

La holding giapponese delle telecomunicazioni SoftBank Group Corp. ha annunciato di aver raggiunto un accordo con Alphabet Inc., la holding di cui fa parte Google, per acquistare i produttori di robot Boston Dynamics e Schaft per una cifra che non è stata rivelata. Google aveva acquistato le due aziende nel dicembre 2013 come parte di una serie di acquisizioni nel campo della robotica e dell’intelligenza artificiale ma qualcosa non è andato bene nei piani, che sono stati modificati.

Boston Dynamics sembrava un’acquisizione chiave da parte di Google perché l’intenzione sembrava quella di metterla al centro dei piani riguardanti il campo della robotica. Assieme alle altre aziende del campo della robotica e dell’intelligenza artificiale acquisite da Google doveva essere inserita in una nuova unità aziendale chiamata Replicant guidata da Andy Rubin, il creatore del sistema operativo Android. Tuttavia, dopo meno di un anno Rubin lasciò Google e il progetto ha cominciato rapidamente ad avere problemi.

Ci sono solo dichiarazioni non ufficiali riguardanti i problemi nella gestione degli sviluppi dei vari robot di Boston Dynamics assieme agli altri di Google, poi diventata Alphabet. Secondo Bloomberg ci sono stati problemi nel lavorare assieme tra gli ingegneri di Boston Dynamics e altri ingegneri di Google/Alphabet e ciò ha contribuito a un isolamento all’interno della holding.

Lo sviluppo dei robot è continuato e ad esempio all’inizio del 2015 c’è stata la presentazione di Atlas Unplugged. Tuttavia, la prospettiva era di dover attendere ancora qualche anno per avere prodotti pronti per la vendita ma dal punto di vista dell’immagine facevano già discutere per qualche somiglianza con Terminator.

Che le voci sui problemi di integrazione all’interno di Alphabet siano reali o meno, nel 2016 la holding ha ufficialmente cominciato a cercare un compratore per Boston Dynamics perciò i suoi robot non facevano più parte dei piani aziendali. Ora ci si chiede che parte avranno nei piani di SoftBank, una holding che si occupa di molti progetti in diversi settori tecnologici e l’anno scorso ha acquistato l’azienda di microprocessori ARM.

SoftBank ha acquistato da Alphabet anche Schaft, un’altra azienda, in questo caso fondata in Giappone, produttrice di robot dotati di gambe. Masayoshi Son, fondatore e amministratore delegato di SoftBank, ha dichiarato il suo interesse nel campo della robotica ritenendo che ci sono problemi per i quali robot intelligenti saranno utili per trovare le soluzioni.

Masayoshi Son ha aperto Vision Fund, un fondo di investimenti tecnologico con un budget da 93 miliardi di dollari. Forse Boston Dynamics e Schaft entreranno a farvi parte in un nuovo sforzo per sviluppare questi robot avanzati. I giapponesi sembrano più abituati degli americani a usare i robot perciò è possibile che SoftBank non si faccia condizionare dal loro aspetto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *