Dinosauri

Blog che parlano di dinosauri

Fossili di Oksoko avarsan

Un articolo pubblicato sulla rivista “Royal Society Open Science” riporta l’identificazione di una nuova specie di dinosauro piumato con alcune caratteristiche simili a quelle dei pappagalli che visse nell’odierna Mongolia circa 68 milioni di anni fa, alla fine del periodo Cretaceo. Un team di ricercatori l’ha chiamato Oksoko avarsan dopo aver esaminato vari esemplari in vari stati di incompletezza. Alcuni degli esemplari erano stati confiscati dalle autorità mongole dopo che erano stati trovati in possesso di contrabbandieri. Questi dinosauri sono stati classificati all’interno della famiglia degli oviraptoridi (Oviraptoridae) ma erano privi di denti e avevano due dita sulle zampe anteriori invece delle tre tipiche dei loro parenti più stretti.

Scheletro di Spinosaurus aegyptiacus

Un articolo pubblicato sulla rivista “Cretaceous Research” riporta la scoperta di centinaia di denti di Spinosaurus aegyptiacus nell’antichissimo sistema fluviale dei Kem Kem Beds, lungo il confine tra gli odierni Marocco e Algeria. Un team di ricercatori ha raccolto circa 1.200 denti fossili in un antico letto fluviale nell’odierno Marocco e l’analisi ha rivelato che quasi la metà di essi erano di Spinosaurus aegyptiacus. La loro conclusione è che si tratta di una prova che circa 100 milioni di anni fa, nel periodo Cretaceo, questo dinosauro era ben adattato alla vita acquatica, una conferma delle tesi sostenuto da un numero crescente di paleontologi.

Embrione fossile di sauropode

Un articolo pubblicato sulla rivista “Current Biology” riporta lo studio di un embrione fossile di titanosauro risalente a circa 80 milioni di anni fa, nel periodo Cretaceo, proveniente dall’Argentina. Un team di ricercatori guidato dal dottor Martin Kundrat ha usato sofisticate tecniche per studiarlo. L’uovo attorno ad esso è stato dissolto applicando con molta cautela un preparato acido e a quel punto l’embrione è stato sottoposto a una scansione alla European Synchrotron Radiation Facility (ESRF) a Grenoble, in Francia, che ha permesso di crearne una riproduzione tridimensionale. L’esame offre nuove informazioni sullo sviluppo dei sauropodi, il grande gruppo di dinosauri erbivori, e in particolare del loro cranio, che indica che almeno i titanosauri avevano una visione stereoscopica e un corno come i rinoceronti che veniva perduto in età adulta.

Silhouette di Lusovenator santosi con le ossa trovate

Un articolo pubblicato sulla rivista “Journal of Vertebrate Paleontology” riporta l’identificazione di un dinosauro carnivoro che visse nell’odierno Portogallo tra 153 e 145 milioni di anni fa, nel periodo Giurassico. Un team di ricercatori guidato dalla dottoressa Elisabete Malafaia dell’Università portoghese di Lisbona l’ha chiamato Lusovenator santosi e l’ha attribuito al gruppo dei carcarodontosauri, a sua volta parte del più vasto gruppo degli allosauri, dinosauri carnivori che erano superpredatori nei loro ecosistemi. Questa specie è molto antica all’interno del suo gruppo e la sua scoperta offre qualche nuova informazione sulla prima fase della diversificazione di questi dinosauri, che al momento è poco conosciuta a causa della scarsità di fossili.

Il fossile di Aratasaurus museunacionali

Un articolo pubblicato sulla rivista “Scientific Reports” annuncia la scoperta di una nuova specie di dinosauro piumato carnivoro che visse nell’odierno Brasile circa 104 milioni di anni fa, nel periodo Cretaceo. Un team di paleontologi l’ha chiamato Aratasaurus museunacionali e l’ha attribuito al gruppo dei celurosauri. L’esame delle poche ossa disponibili dell’esemplare scoperto indica che non aveva ancora completato la sua crescita ma la sua lunghezza superava già i tre metri. Una conclusione interessante è che la nuova specie secondo i ricercatori è stretta parente dello Zuolong salleei, un dinosauro che visse nell’odierna Cina circa 160 milioni di anni fa, nel periodo Giurassico.