Contatti / About

NetMassimo è un mio alter-ego nato nel 2007 quando cominciai a frequentare regolarmente alcuni forum dedicati all’informatica ma il nome scritto sui miei documenti è Massimo Luciani.

Lavoro nel campo dell’informatica dal 1991 e nel 1998 ho cominciato ad utilizzare Linux facendolo parte della mia attività come si può vedere sul sito della mia azienda.

Sono presente su vari social network e siccome sono un open networker le richieste di contatto sono gradite. Chi fosse interessato ad avere pubblicità su questo blog, a recensioni (oneste!) dei propri romanzi o ad altre forme di collaborazione può contattarmi su questi social media oppure scrivendo un commento qui in fondo.

Google+

Massimo Luciani | Crea il tuo badge

Instagram


View Massimo Luciani's profile on LinkedIn

Visible.me

Xing

The Twitter Guide and Follower Exchange

ViralNetworkers

Iscriviti a Viadeo, il business social network scelto da Massimo Luciani e più di 30 milioni di professionisti

I miei account su vari social media sono:

StumbleUpon

Twitter

FriendFeed

Digg

Reddit

Sono presente anche su vari forum dedicati all’informatica con il nickname NetMassimo (a partire da quelli che frequento più assiduamente, non c’è alcuna valutazione sulla qualità):

Forum PCTrio

Forum Hardware Upgrade

Forum GT

OpenArena Forums

Xonotic Forums

Su Gallifrey Base uso come alias semplicemente il mio nome Massimo:

Sul Forum TorchWho sono presente con l’alias maxgo70 perché il mio nome era già “impegnato”.

Massimo Luciani partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.co.uk/Amazon.com/Amazon.ca/Amazon.it.

2 Comments


  1. Ho letto l’articolo su San Leibowitz. Bello. Ho anche letto il romanzo. Interessante, un po’ pesantuccio, ma che non delude. Cito: <> Il virgolettato viene dal blog di Urania. Dunque, se fosse stato per lo staff mondadoriano, quel romanzo non l’avremmo mai letto! Siamo alla serata del dilettante? Un grazie a Luigi Cozzi che l’ha pubblicato e tradotto e a te che l’hai degnamente recensito.

    Reply

  2. Eccolo qui il commento incriminato. …L’opera di una vita, cui stava per dare un seguito quando morì nel 1996. Poco dopo un altro romanziere, Terry Bisson, avrebbe dato alle stampe una propria versione del romanzo che Miller non era riuscito a completare, ma che aveva già abbozzato e a cui mancava la parte finale: si tratta di Saint Leibowitz and the Wild Horse Woman, lunghissimo seguito del capolavoro originale. In Italia, vista la sua mole debordante e la natura sempre un po’ spuria di certe operazioni editoriali, è parso IMPUBBLICABILE; ma il lettore può consolarsi andando a leggere i racconti del nostro geniale autore…

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *