Rodi - il sorriso del Colosso di Andrea Guido Silvi

L’antologia “Rodi – il sorriso del Colosso” di Andrea Guido Silvi è stata pubblicata per la prima volta nel 2020 da Italian Sword&Sorcery Books nel n. 4 di “Polifemo”.

Nel 226 a.C. l’isola di Rodi è un importante centro commerciale per l’intero Mar Mediterraneo. Ciò la rende cosmopolita ma allo stesso tempo al centro di scontri tra diverse fazioni che derivano da varie etnie e a volte anche da diverse interpretazioni religiose. Gli scontri avvengono a volte usando armi tradizionali, a volte usando invenzioni straordinarie e letali, spesso usando magia o alchimia e perfino facendo appello a qualche divinità.

Andrea Guido Silvi si rifà alla vera storia di Rodi per creare una serie di racconti fantasy. L’isola ha una storia molto lunga e complessa ma spesso viene ricordata solamente per il Colosso, la statua del dio Elio considerata una delle sette meraviglie del mondo antico. I racconti sono accompagnati da note che includono qualche commento sulle ispirazioni dietro di essi e offrono qualche dettaglio storico riguardante il periodo in cui sono ambientati. L’autore non cerca di emulare Alberto Angela ma certamente ciò permette di unire l’utile al dilettevole.

Un momento del lavoro sugli E. coli (Foto cortesia Rensselaer Polytechnic Institute)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Communications” riporta la produzione di condroitina solfato tramite biosintesi grazie a batteri del tipo Escherichia coli geneticamente modificati. Un team di ricercatori ha utilizzato una variante delle varie tecniche di modifica genetica CRISPR chiamata CRISPRi (CRISPR interference) per ottenere quello che, associato alla glucosamina, è considerato un integratore valido nel trattamento di alcune forme di artrosi. La condroitina solfato viene normalmente ottenuta dalle cartilagini di animali come le mucche perciò la possibilità di generarla usando batteri offrirebbe un’alternativa etica e sostenibile.

L'undicesimo comandamento di Lester del Rey

Il romanzo “L’undicesimo comandamento” (“The Eleventh Commandment”) di Lester del Rey è stato pubblicato per la prima volta nel 1962. In Italia è stato pubblicato dalla Casa Editrice La Tribuna nei nn. 41 e 230 di “Galassia” e dall’Editrice Nord nel n. 190 di “Cosmo Oro” nella traduzione di A. Del Prato e da Mondadori nel n. 218 di “Urania Collezione” nella traduzione di Andrea Tortoreto.

Boyd Jensen è arrivato sulla Terra come studente per uno scambio culturale. Sa che la situazione sul pianeta è molto diversa da quella esistente su Marte perché nel 2190 la Terra sta ancora subendo le conseguenze della guerra atomica di due secoli prima. La situazione per il ragazzo diventa ben più complicata quando scopre che in realtà è stato esiliato da Marte.

Costretto a reinventarsi una vita in una società molto diversa da quella marziana, Boyd Jensen riesce comunque a sfruttare i suoi studi scientifici ed essere assunto in un laboratorio di ricerche biologiche. Le ricerche sono supervisionate da sacerdoti della Chiesa Cattolica Eclettica Americana, una chiesa scismatica che detiene anche il potere temporale e ha imposto l’undicesimo comandamento che impone di essere fecondi e moltiplicarsi.

Schema dell'evoluzione di mani e piedi negli ominini

Un articolo pubblicato sulla rivista “Science Advances” riporta uno studio delle mani dell’Ardipithecus ramidus, un ominino che visse circa 4,4 milioni di anni fa. Thomas Cody Prang, professore di antropologia alla Texas A&M University, e alcuni colleghi hanno esaminato le mani fossili dell’esemplare soprannominato Ardi, particolarmente ben conservate. Un confronto con le mani di esseri umani moderni e di scimmie ha fornito nuove informazioni sulla loro evoluzione e sul collegamento con la loro locomozione mostrando una correlazione tra l’evoluzione delle caratteristiche di mani e piedi.

Paradox Lost di George Mann

Il romanzo “Paradox Lost” di George Mann è stato pubblicato per la prima volta nel 2011. È inedito in Italia.

Il Tardis sembra improvvisamente preso dalla frenesia di raggiungere la sua destinazione. Quando si materializza, l’Undicesimo Dottore, Amy e Rory si trovano nella Londra nel 2789, dove scoprono un gruppo di persone che sta recuperando un androide dal Tamigi. Incuriosito, il Dottore riesce a farsi passare per un ispettore e a esaminare l’androide, che risulta essere antico di secoli pur essendo stato costruito usando le tecnologie più avanzate di quel periodo.

Il Dottore riesce a riattivare l’androide che, prima di esaurire tutta la sua energia residua, gli rivela di averlo atteso per oltre un millennio e lo avverte che gli Squall stanno arrivando e che la navicella temporale di Gradius ha causato un buco nel tempo. Per risolvere il mistero, il Dottore deve andare nel 1910 dove ottiene l’aiuto del professor Angelchrist mentre Amy e Rory continuano le loro indagini sulle origini dell’androide nel 2789.