Il pezzo d'ambra con la coda di dinosauro (Foto cortesia Ryan McKellar, Royal Saskatchewan Museum)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Current Biology” descrive lo studio della coda di un piccolo dinosauro piumato risalente a circa 99 milioni di anni fa conservata nell’ambra. Un team di ricercatori guidato dal paleontologo Lida Xing della China University of Geosciences di Pechino ha esaminato il fossile, il primo conservato in questo modo direttamente associabile a un dinosauro.

John Glenn riceve dal presidente Barack Obama la medaglia presidenziale della libertà (Foto NASA/BILL INGALLS)

Ci ha lasciati nella giornata di ieri John Glenn, il primo americano a compiere un volo orbitale. Era stato ricoverato in ospedale oltre una settimana fa ma non erano state fornite informazioni sui suoi problemi di salute. Tuttavia, una fonte legata alla famiglia aveva rivelato che le sue condizioni erano serie e i parenti erano da lui in ospedale.

Il 20 febbraio 1962, John Glenn fu il primo americano a compiere un volo orbitale sulla navicella Friendship 7. Immediatamente, divenne un eroe nazionale e venne onorato con la NASA Distinguished Service Medal, che gli venne consegnata direttamente dall’allora presidente degli USA John F. Kennedy.

Quando era ancora senatore, John Glenn tornò nello spazio come parte dell’equipaggio dello Space Shuttle Discovery, lanciato il 29 ottobre 1998 per la missione STS-95 della durata di 9 giorni. Glenn stabilì il record come l’essere umano più anziano ad aver viaggiato nello spazio avendo all’epoca ben 77 anni. Durante e dopo la missione, venne sottoposto a una serie di esami per uno studio geriatrico sulle reazioni di una persona anziana a una missione nello spazio.

Il romanzo “I tesori di Tschai”, conosciuto anche come “I tesori del pianeta Tschai”, (“The Dirdir”) di Jack Vance è stato pubblicato per la prima volta nel 1969. È il terzo romanzo della quadrilogia di Tschai e segue “Le insidie di Tschai”. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nel n. 567 di “Urania”, all’interno del n. 1 di “Biblioteca di Urania”, all’interno del n. 16 de “I Massimi della Fantascienza”, nel n. 108 di “Oscar Fantascienza”, nel n. 253 dei “Classici Urania”, all’interno del n. 1 di “Urania Le Grandi Saghe” e all’interno del n. 167 di “Urania Collezione” nella traduzione di Beata Della Frattina.

I tentativi di Adam Reith di trovare un’astronave per tornare sulla Terra e per lasciare il pianeta Tschai hanno suscitato l’attenzione dei Dirdir, una delle specie che abita il Tschai. Assieme ai suoi compagni di viaggio, riesce a eliminare il primo gruppo inviato per catturarlo e ucciderlo ma sa che altri seguiranno.

Reagire alle minacce e ad altri eventi non è più sufficiente perciò Adam Reith decide che è giunto il momento di ribaltare la situazione. Su Tschai ci sono le tecnologie per costruire una nuova astronave ma sono necessari davvero molti soldi. Per procurarseli, il terrestre deruba i Dirdir.

Anthony Hopkins nel 2010

Il 4 dicembre (il 5 dicembre in Italia) è terminata la prima stagione della serie “Westworld – Dove tutto è concesso”.

La serie è ispirata al film “Il mondo dei robot” (“Westworld – Dove tutto è concesso”) del 1973, scritto e diretto da Michael Crichton. La storia era basata sul tema già classico allora della macchina che si ribella agli esseri umani, in questo caso in un parco dei divertimenti futuristico.

Nel frattempo, è uscito “Blade Runner”, che ha cambiato completamente questo tipo di storia rendendo il confine tra esseri umani e artificiali molto più vago. Oggi sarebbe impensabile riproporre una trama come quella del film del 1973 e già nel decennio scorso la nuova versione di “Battlestar Galactica” ha assimilato la lezione di “Blade Runner”.

Pianeta senza scampo di Robert Silverberg

Il romanzo “Pianeta senza scampo” (“The Longest Way Home”) di Robert Silverberg è stato pubblicato per la prima volta nel 2002. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nei nn. 1493 e 1637 nella traduzione di Fabio Feminò.

Joseph Keilloran è un adolescente erede di una Grande Casa dei Padroni che governano Patria ma tutto cambia per lui mentre è ospite di un’altra Grande Casa, a migliaia di chilometri da casa sua. Una notte, una ribellione del Popolo rovescia il governo dei Padroni e Joseph riesce a malapena a fuggire.

Falliti i tentativi di comunicare con l’esterno, Joseph può solo fuggire per evitare di essere ucciso. Non sa quanto sia diffusa la ribellione e potrebbe essere costretto a percorrere migliaia di chilometri per tornare a casa sua. Gli rimane solo la speranza che la sua famiglia sia ancora viva e deve affidarsi all’aiuto degli Indigeni e di altre specie di native di Patria come gli strani Noctambuli.