Ha avuto successo la raccolta fondi per il videogioco Descent: Underground

Schermata dall'originale videogioco Descent

Schermata dall’originale videogioco Descent

Qualche giorno fa si è conclusa la campagna di raccolta fondi per “Descent: Underground”, un videogioco di tipo first-person-shooter (FPS), reboot del classico videogioco “Descent”. La raccolta è stata condotta usando il metodo del crowdfunding sul celebre sito Kickstarter. Per poter procedere con il finanziamento era necessario raccogliere 600.000 dollari, ne sono stati raccolti 601,773.

L’originale “Descent” era un gioco per MS-DOS sviluppato da Parallax Software e pubblicato da Interplay a partire dal 1994. La sua particolarità rispetto ad altri videogiochi FPS era che nel giocare c’erano sei gradi di libertà. Ciò significa che i giocatori potevano controllare i loro movimenti non solo nelle direzioni avanti-indietro e destra-sinistra ma anche alto-basso.

In “Descent”, il giocatore viene assunto come mercenario per eliminare minacce in miniere su vari pianeti il cui controllo è stato preso da un virus per computer che ha infettato macchine e robot usati per le operazioni minerarie. Il gioco è ambientato in tunnel e ambienti vari all’interno delle miniere che hanno forme irregolari creando un labirinto tridimensionale. È per questo motivo che il giocatore deve potersi muoversi in tutte le direzioni.

Alcuni giocatori avevano lamentato di aver sofferto di nausea a causa del tipo di movimenti del giocatore. Personalmente non ho mai avuto questo tipo di problema ma dopo aver provato la versione shareware dell’originale “Descent” avevo lasciato perdere per un motivo pratico: facevo troppa fatica a gestire i comandi con la sola tastiera.

“Descent” era un gioco dei suoi tempi, con tutte le limitazioni del caso. Nel corso degli anni è stato portato in altre piattaforme, comprese varie console per videogiochi. Grazie al suo successo sono stati creati parecchi expansion pack e i sequel “Descent II” e “Descent 3″. Questo videogioco ne ha anche ispirato altri simili.

Le capacità grafiche dei computer sono cambiate enormemente nei 20 anni trascorsi dall’uscita del videogioco originale. “Descent: Underground” utilizzerà Unreal Engine 4 come motore grafico per creare un videogioco che abbia una qualità adeguata e per farlo girare sotto Windows, Linux e Mac OS X. Descendant Studios, che sta sviluppando questo nuovo videogioco, sta continuando a raccogliere fondi direttamente sul proprio sito web per aggiungere altre caratteristiche.

Descendant Studios ha un accordo con Interplay per usare legalmente gli elementi base della saga di Descent ma non tutti. Per questo motivo, “Descent: Underground” sarà un po’ diverso dai videogiochi precedenti. Questo può essere un bene per evitare di creare una copia dell’originale che ha solo una grafica moderna. Per i fan di questa saga si tratta di un videogioco da tenere d’occhio.



Posted in Tecnologia | Tagged , , | Leave a comment

Al via i playoff NBA 2015



Domani, sabato 18 aprile 2015 cominciano i playoff NBA 2015. In questa stagione gli infortuni hanno pesantemente condizionato il rendimento di alcune squadre. Il risultato è che tre delle quattro finaliste di Conference di un anno fa, Oklahoma City Thunder, Indiana Pacers e Miami Heat, non hanno raggiunto i playoff. Invece, tutte le squadre della Shouthwest Division li hanno raggiunti, un segno del livello altissimo della Western Conference.

Diamo un’occhiata alle serie del primo turno dei playoff e alle possibilità che hanno le varie squadre di andare avanti.

Eastern Conference

(1) Atlanta Hawks – (8) Brooklyn Nets

Gli Atlanta Hawks hanno fatto un deciso passo avanti confermando i progressi del progetto dell’allenatore capo Mike Budenholzer, che è arrivato dai San Antonio Spurs. Ciò vuol dire che la squadra ha migliorato soprattutto in difesa. Ora la squadra deve dimostrare di poter competere ai massimi livelli e lì l’esperienza è limitata. Secondo me vinceranno facilmente il primo turno contro i Brooklyn Nets, che hanno abbandonato l’idea di vincere con i veterani e stanno ricostruendo la squadra perciò hanno raggiunto i playoff solo grazie alla debolezza della Eastern Conference. Per gli Hawks il difficile arriverà nei turni successivi ma secondo me possono raggiungere le finali di Conference.

(2) Cleveland Cavaliers – (7) Boston Celtics

I Cleveland Cavaliers hanno faticato a trovare la chimica di squadra ma per LeBron James si è trattato di un percorso che ha già compiuto con i Miami Heat. Ora la squadra sembra pronta per i playoff e l’unico dubbio riguarda la salute di Kyrie Irving, che ultimamente ha avuto qualche problema all’anca destra. I Boston Celtics, che stanno seguendo un nuovo progetto con un allenatore capo giovane non sembrano in grado di creare problemi ai Cavaliers ma possono guardare al futuro. Non sono certo che i Cavaliers siano pronti per vincere il titolo NBA ma secondo me potrebbero arrivare comunque alle finali NBA.

(3) Chicago Bulls – (6) Milwaukee Bucks

I Chicago Bulls sono una squadra davvero buona anche se Derrick Rose non sarà al meglio ma non mi danno l’impressione di poter andare avanti nei playoff. Perfino i dirigenti sembrano avere dubbi, soprattutto sull’allenatore capo Tom Thibodeau. I Milwaukee Bucks sono tornati ai playoff con Jason Kidd come allenatore capo ma non credo che possano battere i Bulls. Secondo me, Chicago vincerà il primo turno ma poi perderà la semifinale di Conference.

(4) Toronto Raptors – (5) Washington Wizards

Questa è una serie interessante che potrebbe andare anche a gara 7. I Toronto Raptors hanno vinto le tre partite di stagione regolare contro i Washington Wizards ma i playoff sono un’altra cosa. I Raptors rimangono i favoriti ma una vittoria degli Wizards non sarebbe per me una sorpresa enorme. In ogni caso, penso che i vincitori perderanno la semifinale di Conference.

Western Conference

(1) Golden State Warriors – (8) New Orleans Pelicans

Nelle scorse stagioni, i Golden State Warriors avevano un attacco formidabile, in questa stagione hanno migliorato la difesa e questo può fare la differenza nei playoff. È il motivo per cui quest’anno mi convincono davvero. I New Orleans Pelicans hanno ottenuto un grande risultato raggiungendo i playoff nella durissima Western Conference ma rischiano perfino il 4-0 in questa serie. Secondo me, gli Warriors sono contendenti per raggiungere almeno le finali NBA e potrebbero perfino vincere il titolo.

(2) Houston Rockets – (7) Dallas Mavericks

Gli Houston Rockets hanno avuto una grande stagione nonostante l’infortunio di Dwight Howard, che ha dichiarato che giocherà al servizio della squadra. Credo che per loro sia l’anno decisivo dopo stagioni buone ma con playoff deludenti. I Dallas Mavericks sono una squadra esperta ma non credo che possano battere i Rockets. Per Houston, i problemi verranno nei turni successivi e secondo me perderebbero un altro derby texano se sarà contro i San Antonio Spurs.

(3) Los Angeles Clippers – (6) San Antonio Spurs

I Los Angeles Clippers hanno terminato un’eccellente stagione dopo la burrascosa fine dell’era Sterling ma questo primo turno è davvero duro per loro. I San Antonio Spurs hanno terminato una stagione complicata a causa di qualche infortunio e l’allenatore capo Gregg Popovich ha adottato una strategia a lungo termine accettando di perdere partite per avere le sue stelle sane per i playoff. I Clippers sono davvero forti ma secondo me non sono abbastanza costanti mentre gli Spurs soprattutto nei playoff sono ottimi perciò penso che vinceranno questa serie. Il problema per gli Spurs è che nelle prossime serie non avranno il fattore campo a favore perciò sarà difficile vincere ancora il titolo NBA. Secondo me possono comunque arrivare almeno alle finali di Conference.

(4) Portland Trail Blazers – (5) Memphis Grizzlies

I Portland Trail Blazers hanno la posizione 4 perché hanno vinto la Northwest Division ma i Memphis Grizzlies hanno un record migliore perciò avranno il vantaggio del fattore campo. È una regola che genera confusione perciò spero che la NBA la abolisca considerando solo il record per le posizioni nei playoff. Le due squadre hanno uno stile di gioco ben diverso: più veloce quello dei Blazers, più controllato quello dei Grizzlies. Entrambe le squadre hanno avuto qualche problema durante la stagione regolare e non hanno convinto delle loro possibilità. Secondo me i Grizzlies vinceranno questa serie ma perderanno la semifinale di Conference.

Posted in Sport | Tagged , | Leave a comment

Nokia acquista Alcatel-Lucent per 15,6 miliardi di Euro

Rrajeev Suri (foto cortesia Nokia. Tutti i diritti riservati)

Rrajeev Suri (foto cortesia Nokia. Tutti i diritti riservati)

Nokia ha annunciato di aver raggiunto un accordo per acquistare Alcatel-Lucent per 15,6 miliardi di Euro in uno scambio di azioni. Alla fine gli azionisti di Alcatel-Lucent possiederanno il 33,5% del capitale azionario combinato mentre gli azionisti di Nokia ne possiederanno il 66,5%. L’azienda coinvolta è la “vera” Nokia, non la divisione Devices & Services venduta a Microsoft nel 2013.

Rajeev Suri, nominato presidente e amministratore delegato di Nokia quasi un anno fa, ha dichiarato che assieme Alcatel-Lucent e Nokia intendono guidare la prossima generazione di tecnologia e servizi di connettività. È questo il campo su cui l’azienda ha deciso di concentrare i suoi sforzi dopo la cessione della divisione che si occupava di dispositivi mobili.

Entrambe le aziende hanno compiuto importanti ristrutturazioni negli ultimi anni vendendo intere divisioni. Assieme, potranno fornire un’ampia serie di prodotti e servizi di connettività sia su reti fisse che mobili. Secondo Michel combes, l’amministratore delegato di Alcatel-Lucent, la nuova azienda potrà offrire un’opportunità unica di creare un campione europeo in questi campi.

Alla fine, si tratta di due aziende che hanno passato anni difficili e, seguendo la tendenza di questi tempi, hanno deciso di concentrarsi su alcune attività abbastanza specifiche cedendone alcune altre. A questo proposito, Nokia ha anche emesso un comunicato stampa in cui annunciava una revisione delle opzioni strategiche riguardanti HERE, l’unità appartenente a Nokia che si occupa delle mappe. Insomma, è in vista un’altra possibile cessione.

Certamente, l’unione tra Nokia e Alcatel-Lucent permetterà di ottimizzare la gestione dei costi. Tuttavia, lo scopo principale di quest’operazione è quello di creare un gigante in grado di competere con colossi come Ericsson, Huawei e ZTE. Nel mercato americano, potrebbe essere avvantaggiata sulle aziende cinesi, spesso nell’occhio del mirino dell’intelligence per le accuse di spionaggio a favore del governo cinese.

Il dubbio in quest’operazione veniva invece del governo francese, che avrebbe potuto opporsi per il timore di licenziamenti in massa del personale Alcatel-Lucent. Martedi scorso, gli amministratori delegati delle due aziende hanno incontrato il presidente francese Holland. Non ci sono commenti ufficiali sull’incontro ma evidentemente è stato positivo perché è arrivato l’annuncio dell’accordo e tanto ottimismo sul futuro nella nuova azienda.

Posted in Tecnologia | Tagged , | Leave a comment

IBM aumenta il suo impegno nel campo medico on il progetto Watson Health

Leanne LeBlanc, manager del progetto IBM Watson, guarda un'alasi di dati relativi all'assistenza sanitaria (Foto cortesia Jon Simon/Feature Photo Service for IBM. Tutti i diritti riservati)

Leanne LeBlanc, manager del progetto IBM Watson, guarda un’alasi di dati relativi all’assistenza sanitaria (Foto cortesia Jon Simon/Feature Photo Service for IBM. Tutti i diritti riservati)

Il sistema di cognitive computing IBM Watson è già stato impiegato negli ultimi anni in progetti legati alla salute. Nei giorni scorsi, IBM ha annunciato un nuovo impegno in questo campo con la creazione dell’unità aziendale Watson Health dedicata allo sviluppo di soluzioni per migliorare la qualità e l’efficacia dell’assistenza sanitaria personalizzandola secondo le esigenze individuali.

Il sistema IBM Watson lavora generalmente in un sistema cloud perciò IBM ha creato la piattaforma Watson Health Cloud per raccogliere e gestire in maniera sicura le informazioni sulla salute degli utenti necessarie a medici ma anche ad assicurazioni. Ciò permetterà di avere a disposizione tutti i dati necessari a diagnosi e per trovare soluzioni individuali per l’assistenza sanitaria.

Grazie alle nuove tecnologie, già oggi è possibile raccogliere enormi quantità di informazioni sulla salute di una persona. Si stima che usando apparecchiature di vari tipi nel futuro prossimo la persona media genererà oltre un milione di gigabyte di dati connessi alla salute nel corso della sua vita. Il progetto Watson Health ha lo scopo di gestire in maniera utile moli così enormi di informazioni.

Il sistema IBM Watson è in grado di analizzare enormi quantità di dati in pochissimo tempo e può essere addestrato per riconoscere i dati significativi riguardanti la salute di una persona. In questo progetto, IBM collaborerà con partner di altissimo profilo come Appe, Johnson & Johnson e Medtronic.

Apple sta lavorando da tempo ai sistemi di sviluppo di applicazioni legate al campo medico ResearchKit e HealthKit. La possibilità di utilizzare dispositivi mobili per rilevare dati sulla salute degli utenti complementa molto bene il progetto di IBM. Sarà infatti possibile creare applicazioni che si integrino nel Watson Health Cloud.

La collaborazione tra Johnson & Johnson e IBM ha lo scopo di usare analisi avanzate dei dati raccolti nel Watson Health Cloud per sviluppare soluzioni personalizzate connesse alla salute delle persone. Verrà anche usata la collaborazione con Apple per creare nuove applicazioni per dispositivi mobili connesse al campo della salute.

Medtronic è un’azienda leader nel campo della tecnologia medica e la collaborazione con IBM riguarderà in particolare i trattamenti del diabete. Lo scopo è di usare la piattaforma Watson Health Cloud per sviluppare trattamenti personalizzati per le persone malate di diabete basate sull’analisi dei dati raccolti.

Nei giorni scorsi, IBM ha anche annunciato l’acquisizione di Explorys e Phytel, due aziende specializzate in software nel campo medico e dell’assistenza sanitaria. Ciò permetterà di migliorare le capacità di analisi dei dati raccolti nel Watson Health Cloud per fornire soluzioni migliori.

La nuova unità aziendale ingloberà Smarter Care e Social Programs, creati negli anni scorsi dopo l’acquisizione di Curam Software, un fornitore di soluzioni informatiche connesse alla salute e a programmi sociali. Tutto ciò mostra come IBM stia lavorando molto seriamente al progetto Watson Health. I progressi nel campo della medicina e dell’assistenza sanitaria sono potenzialmente enormi.

Posted in Tecnologia | Tagged , , | Leave a comment

Un progetto per portare on line gli scritti di Abraham Lincoln

La home page del sito del progetto The Papers of Abraham Lincoln

La home page del sito del progetto The Papers of Abraham Lincoln

Il progetto “The Papers of Abraham Lincoln” è nato nel 1985 ma all’inizio di questo mese ha ottenuto un notevole contributo che permetterà di supportare la digitalizzazione degli scritti di Abraham Lincoln. Iron Mountain Incorporated, un’azienda che si occupa di gestione delle informazioni, ha annunciato una collaborazione con il progetto fornendo i suoi servizi per potenziare l’archivio da rendere disponibile on line.

Proprio oggi cade il 150° anniversario dell’uccisione di Abraham Lincoln. Si tratta di uno dei politici più celebri della storia americana ed è stato il presidente in carica durante la Guerra di Secessione perciò c’è molto interesse attorno ai suoi scritti. Nel 1985, venne creato il progetto “Lincoln Legal Papers” con lo scopo di identificare e pubblicare gli scritti di Lincoln. Nel 2001, il progetto cambiò nome in “The Papers of Abraham Lincoln”.

Questo progetto è amministrato attraverso l’Abraham Lincoln Presidential Library and Museum, una divisione della Illinois Historic Preservation Agency. È sponsorizzato dal Center for State Policy and Leadership at the University of Illinois Springfield e dalla Abraham Lincoln Association.

I documenti sono divisi in tre tipi: la prima serie riguarda il periodo in cui Abraham Lincoln ha praticato l’attività legale tra il 1836 e il 1861, la seconda serie riguarda documenti non connessi all’attività legale tra il 1809 e il 1861 e la terza serie riguarda il periodo in cui Lincoln era presidente degli USA.

Per gli americani, gli scritti di Abraham Lincoln costituiscono un’eredità importante legata anche a un periodo particolarmente critico della loro storia. Il progetto “The Papers of Abraham Lincoln” vuole mantenere quell’eredità per le future generazioni e oggi Internet permette di raggiungere molte più persone di qualsiasi libro cartaceo.

Il progetto “The Papers of Abraham Lincoln” ha già localizzato quasi 200.000 documenti legati ad Abraham Lincoln. La loro digitalizzazione e la loro pubblicazione su Internet accompagnata da annotazioni è un lavoro enorme. La collaborazione con Iron Mountain può fornire almeno le risorse informatiche per permette a persone di tutto il mondo di saperne di più su questo importante personaggio storico.



Posted in Tecnologia | Tagged , | Leave a comment