Urania

Blog che parlano della collana Urania

Rito di passaggio di Alexei Panshin (edizione americana)

Il romanzo “Rito di passaggio” (“Rite of Passage”) di Alexei Panshin è stato pubblicato per la prima volta nel 1968. Ha vinto il premio Nebula come miglior romanzo dell’anno. In Italia è stato pubblicato da Fanucci nel n. 6 di “Orizzonti. Capolavori di Fantasia e Fantascienza” e da Mondadori nel n. 184 di “Urania Collezione” nella traduzione di Alfredo Pollini.

Per Mia Havero è arrivato il momento di cominciare ad addestrarsi per la Prova, il rito di passaggio che ogni abitante della Nave deve affrontare al compimento dei 14 anni. Assieme a un gruppo di coetanei, verrà lasciata per un mese su un pianeta-colonia, dove dovrà sopravvivere per un mese grazie alle sue abilità. I sopravvissuti verranno considerati adulti.

Nel corso di due anni, Mia e i suoi coetanei devono continuare a frequentare le normali lezioni ma cominciano anche a imparare tutto ciò che sarà loro utile per sopravvivere nel corso della Prova. Per ragazzini cresciuti su una Nave, l’idea di trascorrere un mese su un pianeta abitato da quelli che per loro sono “Mangiafango” è piuttosto sconvolgente e quando partecipa a una missione commerciale assieme a suo padre la sua opinione sui coloni non migliora.

Inferno di Mike Resnick

Il romanzo “Inferno” (“Inferno”) di Mike Resnick è stato pubblicato per la prima volta nel 1993. È il terzo libro della serie della Commedia Galattica e segue “Purgatorio: storia di un mondo lontano”. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nei nn. 1257 e 1654 di “Urania” nella traduzione di Maura Arduini.

Sul pianeta Faligor una specie senziente ha sviluppato una civiltà pre-tecnologica in cui tra le varie tribù si è instaurato un certo equilibrio. Le interferenze della Repubblica nella storia di altre specie più primitive ha portato a risultati catastrofici perciò stavolta gli esseri umani che arrivano sul pianeta cercano di avere un atteggiamento più amichevole verso i nativi.

Attraverso Arthur Cartright del Dipartimento di Cartografia e alcuni altri umani rappresentanti della Repubblica, viene portato avanti un tentativo di preparare i nativi a contatti con altri pianeti che possono includere rapporti commerciali. Nonostante la buona volontà, l’equilibrio su Faligor viene distrutto.

Coyote - Estrema frontiera di Allen Steele (edizione britannica)

Il romanzo “Coyote – Estrema frontiera” (“Coyote Frontier”) di Allen Steele è stato pubblicato per la prima volta nel 2005. È il terzo romanzo della serie Coyote e segue “Coyote Rising”. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nel n. 2 di “Urania Jumbo” nella traduzione di Fabio Feminò.

Quando un’astronave dell’Alleanza Europea raggiunge Coyote, i suoi abitanti si preparano al peggio. Sono passati vent’anni dalla ribellione ma Carlos Montero non ha dimenticato quel difficile periodo perciò è pronto a tutto anche se il Capitano Anastasia Tereshkova ha comunicato che le sue intenzioni sono pacifiche e anzi intende aprire una nuova via di comunicazione tramite un portale.

Per gli abitanti Coyote la situazione è completamente nuova. Le apparecchiature disponibili sono vecchie e pian piano si stanno guastando, ottenere nuove forniture permetterebbe di migliorare la vita di tutti. La priorità però è mantenere la propria indipendenza ma nell’instaurare rapporti commerciali con la Terra c’è il rischio di ripetere gli errori commessi sul pianeta madre.

Cosmocopia di Paul Di Filippo

Il romanzo “Cosmocopia” (“Cosmocopia”) di Paul Di Filippo è stato pubblicato per la prima volta nel 2008. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nel n. 1653 di “Urania” nella traduzione di Marcello Jatosti.

Frank Lazorg è un artista specializzato in disegni per fumetti e illustrazioni che è stato molto famoso ma dopo aver avuto un ictus non riesce più a riprendere la sua attività. La sua situazione è resa ancor peggiore dal fatto che il suo grande rivale Rokesby Marrs ha tratto vantaggio dalle sue sventure e sta sfornando una gran quantità di opere che imitano lo stile di Lazorg.

Tutto sembra perduto quando Frank Lazorg riceve un pacchetto inviato da uno stregone contenente una polvere molto particolare con la promessa di effetti positivi. L’uomo comincia a prendere una quantità crescente della polvere e la sua salute sembra migliorare notevolmente. La sua vecchia modella Velina Malaspina risponde al suo invito ma le cose non vanno come Lazorg sperava e la sua reazione lo porta a commettere l’irreparabile. In un caos emotivo, finisce in un altro universo dove incontra Grucciasentina e tutto cambia.

Il mondo dei Berserker di Fred Saberhagen

Il romanzo “Il mondo dei Berserker” (“Berserker”) di Fred Saberhagen è stato pubblicato per la prima volta nel 1967. È il risultato dell’unione di vari racconti brevi pubblicati negli anni precedenti. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nel n. 1152 di “Urania” e nel n. 133 di “Urania Collezione” nella traduzione di Maura Arduini.

Nel corso di un’antichissima guerra spaziale due specie si scontrarono fino a causare la reciproca estinzione. Di quella guerra sono rimaste solo astronavi gestite da intelligenze artificiali dotate di armi potentissime, della capacità di autoripararsi dopo aver subito danni in battaglia e di costruire altre astronavi con le caratteristiche necessarie alla guerra.

La fine della guerra per cui queste macchine robotiche sono state costruite non ferma la loro attività, che si sposta verso altre specie con lo scopo di portare anch’esse all’estinzione. Tra le specie senzienti, i discendenti dei terrestri sembrano gli unici in grado di combattere questi nemici, a cui hanno dato il nome di Berserker.