Urania

Caccia alla fenice di Michael Swanwick

Il romanzo “Caccia alla fenice” (“Chasing the Phoenix”) di Michael Swanwick è stato pubblicato per la prima volta nel 2015. Fa parte della serie di Darger e Surplus. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nel n. 1664 di “Urania” nella traduzione di Enzo Verrengia.

Sir Blackthorpe Ravenscairn de Plus Precieux detto Surplus arrivò alla città cinese di Broccato portando con sé il cadavere del suo amico Aubrey Darger alla ricerca del Medico Infallibile, l’unico in grado di farlo tornare in vita. Assistito da Servitore Efficiente, che ha incontrato nella città, riesce nel suo intento ma il loro arrivo ha attirato su di loro l’attenzione del Re Occulto, il sovrano di quella regione.

Portati al cospetto del Re Occulto, Darger e Surplus usano i loro sotterfugi per farsi accettare come suoi consiglieri, diventando lo Stratega Perfetto e il Nobile Cane Guerriero. Secondi solo a Locomotore Potente e Burrasca Bianca, impiegano ogni inganno a cui riescono a pensare per ingraziarsi il sovrano aiutandolo a conquistare i regni circostanti. Il loro problema maggiore sembra arrivare dalle complicazioni sentimentali che si sviluppano nell’enturage reale.

Gravità zero di Lois McMaster Bujold

Il romanzo “Gravità zero” (“Falling free”) di Lois McMaster Bujold è stato pubblicato per la prima volta nel 1988. Ha vinto il premio Nebula come miglior romanzo dell’anno. In Italia è stato pubblicato dall’Editrice Nord nel n. 208 di “Cosmo Argento” e nel n. 182 di “Cosmo Oro” e da Mondadori nel n. 194 di “Urania Collezione” nella traduzione di Maria Cristina Pietri.

Leo Graf è un ingegnere che si occupa del controllo di qualità negli habitat spaziali. Lavorando per la GalacTech, un’azienda molto importante nel campo spaziale, sul loro habitat Cay viene incaricato di addestrare un gruppo di Quad, il frutto dell’ingegneria genetica applicata agli esseri umani per renderli adatti a vivere perennemente e a lavorare in condizioni di microgravità.

I Quad non hanno alcuna tutela giuridica ma di fatto sono una proprietà della GalacTech perché legalmente sono il frutto di un loro esperimento biologico. Per Leo Graf non è facile lavorare in quella situazione ed è molto disturbato dall’idea che i Quad vengano considerati un prodotto da usare e vendere ad altri habitat spaziali. La situazione diventa più spinosa quando arriva la notizia dell’invenzione di un generatore artificiale di gravità, una tecnologia che renderà obsoleti i Quad come forza lavoro negli habitat spaziali.

Strisciava sulla sabbia di Hal Clement

Il romanzo “Strisciava sulla sabbia” (“Needle”) di Hal Clement è stato pubblicato per la prima volta nel 1949 sulla rivista “Astounding” e nel 1950 come libro. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nei nn. 287 e 600 di “Urania”, nel n. 40 dei “Classici Urania” e all’interno del n. 83 di “Millemondi” nella traduzione di Andreina Negretti.

Il Cacciatore sta inseguendo il fuggitivo nello spazio per assicurarlo alla giustizia sul loro pianeta ma le loro astronavi naufragano sulla Terra, nell’Oceano Pacifico. Entrambi appartengono a una specie di simbionti che vivono all’interno di ospiti appartenenti ad altre specie. Raggiunta la spiaggia, il Cacciatore trova Bob Kinnaird, un ragazzo di quindici anni, e approfitta del fatto che è addormentato per entrare nel suo corpo.

Per il Cacciatore prendersi cura del proprio ospite e non fargli del male è una delle leggi più importanti ma gli umani sono per lui una specie sconosciuta e deve procedere con cautela. Lentamente impara abbastanza sul suo ospite da stabilire una forma di contatto con lui, fondamentale per poter cominciare la ricerca del fuggitivo, che potrebbe essere entrato nel corpo di qualunque organismo terrestre abbastanza grande.

Scontro finale di Ted Reynolds

Il romanzo “Scontro finale” (“The Tides of God”) di Ted Reynolds è stato pubblicato per la prima volta nel 1989. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nei nn. 1121 e 1663 di “Urania” nella traduzione di G.L. Staffilano.

Una spedizione è partita dalla Terra su un’astronave ottenuta grazie a un accordo con i Kroceri, una specie aliena che collabora con gli esseri umani. Sono stati i Kroceri ad avvertire i terrestri del pericolo rappresentato da un’entità che si sta avvicinando al sistema solare e potrebbe avere un’influenza negativa sulle menti umane, come già è successo nel passato quando si era già avvicinata, quando alcuni popoli terrestri l’avevano chiamata Dio.

L’accordo con i Kroceri è stato preciso: hanno fornito un’astronave in grado di compiere viaggi interstellari ma gli umani devono uccidere l’entità. L’equipaggio è pronto a compiere la propria missione per impedire che una nuova età oscura colpisca la Terra a causa dell’irrazionalità provocata dal nemico negli umani ma quando l’astronave comincia ad avvicinarsi ad esso la sua influenza si insinua nelle menti degli umani a bordo.

Engine City di Ken MacLeod

Il romanzo “Engine City” (“Engine City”) di Ken MacLeod è stato pubblicato per la prima volta nel 2003. È il terzo libro della trilogia delle Macchine della Luce e segue “Luce nera”. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nel n. 1549 di “Urania” e nel n. 193 di “Urania Collezione” nella traduzione di Marcello Iatosti.

Antichi cosmonauti hanno ridato agli esseri umani la possibilità di volare tra le stelle senza dover ricorrere ai servizi di sauri e kraken e sono riusciti anche a comunicare per conto loro con uno degli dei. Hanno anche ricevuto un avvertimento riguardante nemici che vogliono sconvolgere un equilibrio che esiste da un tempo lunghissimo.

Varie specie di ominidi sono state trasportate nella Seconda Sfera e hanno costruito nuove città su vari pianeti. Nova Babylonia è la più grande tra queste città e diventa il centro di una nuova serie di cambiamenti che seguono sia interventi umani che quelli di una nuova specie aliena che sembra avere molto da offrire.