Recensioni

Blog recensioni

Doctor Who - The Creature from the Pit

“The Creature from the Pit” è un’avventura della diciassettesima stagione della serie classica di “Doctor Who” trasmessa nel 1979. Segue “City of Death” ed è composta da quattro parti, scritta da David Fisher e diretta da Christopher Barry.

Dopo aver intercettato un segnale di soccorso, il Quarto Dottore (Tom Baker) porta il Tardis sul pianeta Chloris, dove i metalli sono rari. Al loro arrivo, lui e Romana II (Lalla Ward) scoprono i resti di un enorme uovo nella giungla ma non hanno il tempo di studiarlo perché vengono catturati da abitanti locali.

I due viaggiatori scoprono che gli abitanti senzienti del pianeta Chloris sono governati dalla crudele Lady Adrasta, che controlla l’estrazione del pochissimo metallo esistente. Gli oppositori vengono gettati nel Pozzo, dove vive un’enorme Creatura.

La guerra dei mondi di H.G. Wells

Il romanzo “La guerra dei mondi” (“The War of the Worlds”) di H.G. Wells è stato pubblicato per la prima volta nel 1897 a puntate su “Pearson’s Magazine” e nel 1898 come libro. In Italia è stato pubblicato in una serie di edizioni in diverse traduzioni.

Quando esplosioni vengono osservate sul pianeta Marte, diventano una curiosità nella comunità scientifica ma il fenomeno non sembra andare oltre. Tuttavia, mesi dopo un oggetto precipita vicino a Londra e le persone nell’area che vanno a indagare nell’area del cratere si rendono conto che si tratta di un qualche tipo di macchina che trasporta esseri che ricordano piovre giganti che poco dopo uccidono uno dei malcapitati con un raggio di calore.

L’esercito britannico raggiunge l’area mentre atterra un’altra macchina aliena e comincia una battaglia che i marziani combattono usando il raggio di calore e un fumo nero. Si tratta solo dell’inizio di un’avanzata aliena verso Londra, supportata anche da altre macchine che nel frattempo sono state assemblate in enormi tripodi mentre la popolazione civile cerca di sfuggire.

Il racconto “Gli osservatori di animali” di Chen Qiufan è stato pubblicato per la prima volta nel 2012. In Italia è stato pubblicato da “Future Fiction” all’interno della seconda edizione dell’antologia “L’eterno addio” nella traduzione di Alessandra Cristallini.

Lu-Se fa parte di un gruppo virtuale di persone amanti degli animali che risponde a un messaggio di ricerca di volontari per testare un non specificato prodotto bionico. Incontrano un rappresentante dell’azienda che intende condurre il test e tra le domande del questionario c’è la qualità degli animali che sceglierebbero, se potessero averla. La risposta data è molto più importante di quanto pensino.

Killing Titan di Greg Bear

Il romanzo “Killing Titan” di Greg Bear è stato pubblicato per la prima volta nel 2015. È il secondo libro della trilogia War Dogs e segue “War Dogs”. È al momento inedito in Italia.

Dopo una missione su Marte nel corso della guerra contro gli alieni conosciuti come Antag (Antagonisti), Michael Venn è in isolamento in una sorta di quarantena perché gli viene detto del timore che lui e altri Skyrine (Sky+marine) siano stati contaminati. Dopo essere stato interrogato su ciò che hanno trovato su Marte, teme che il futuro non gli riservi nulla di buono.

Quando si sta aspettando il peggio, Michael Venn viene liberato da una donna che gli spiega che ci sono umani che non accettano ciò che è stato detto loro dagli alieni conosciuti come Guru. Per sperare di scoprire la verità sulla guerra in atto nel sistema solare, Venn dovrà tornare su Marte ma stavolta quella è solo una tappa di un viaggio più lungo.

L'eterno addio di Chen Qiufan

Il racconto breve “Il fiore di Shazui” di Chen Qiufan è stato pubblicato per la prima volta nel 2012. In Italia è stato pubblicato da “Future Fiction” all’interno della seconda edizione dell’antologia “L’eterno addio” nella traduzione di Alessandra Cristallini.

Il villaggio di Shazui era abitato da pescatori finché i profondi cambiamenti avvenuti in Cina non hanno spinto l’urbanizzazione con la conseguenza che molti nuovi edifici sono continuamente in costruzione lì e in altri villaggi vicini. Anche l’uso di tecnologie modernissime si diffonde nell’area attorno alla baia di Shenzhen e un uomo che si sta nascondendo può confondersi nella crescente popolazione di migranti che arrivano a Shazui.