October 2017

Einstein perduto di Samuel R. Delany e Chi di vampiro ferisce

Il romanzo “Einstein perduto”, conosciuto anche come “Una favolosa tenebra informe”, (“The Einstein Intersection”) di Samuel R. Delany è stato pubblicato per la prima volta nel 1967. Ha vinto il premio Nebula come miglior romanzo dell’anno. In Italia è stato pubblicato dalla Casa Editrice La Tribuna nel n. 147 di “Galassia” e all’interno del n. 43 di “Bigalassia” nella traduzione di Maria Teresa Guasti, da Fanucci nel n. 11 di “Collezione Immaginario. Solaria” nella traduzione di Paolo Prezzavento e da Mondadori all’interno del n. 79 di “Millemondi”.

Lo Lobey è un alieno che sta cercando di conoscere l’antica cultura della Terra dopo che è stata abbandonata dagli esseri umani. È parte di un’ondata di colonizzatori alieni che hanno preso possesso del pianeta e dei tanti apparecchi elettronici lasciati indietro e ancora funzionanti.

In questa situazione, Lo Lobey va alla ricerca della sua amata Friza per riportarla in vita come un novello Orfeo. Nel corso della sua quest incontra altri alieni che hanno preso qualcosa dall’antica cultura umana assumendo i ruoli di personaggi mitologici. I rapporti non sono facili e a volte si arriva allo scontro.

Ash Tyler (Shazad Latif) e Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) in Toglie di senno fin anche i più saggi (Immagine cortesia CBS / Netflix)

“Toglie di senno fin anche i più saggi” (“Magic to Make the Sanest Man Go Mad”) è il settimo episodio della serie “Star Trek: Discovery” e segue “Lete”.

Nota. Quest’articolo contiene parecchi spoiler su “Toglie di senno fin anche i più saggi”.

C’è una festa sulla USS Discovery e la cadetta Sylvia Tilly (Mary Wiseman) cerca di spingere Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) a ballare con il tenente Ash Tyler (Shazad Latif) ma tutto viene rovinato da Harry Mudd (Rainn Wilson).

Alcuni microfossili della formazione Khesen (Immagine cortesia Università di Yale)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Geology” descrive una ricerca su microfossili in eccellente stato di conservazione scoperti nella Mongolia del nord che potrebbero aiutare a capire l’evoluzione dai microbi agli animali. Un team di ricercatori guidati dall’Università di Yale ha studiato questi fossili con un aspetto simili a embrioni scoperti in quella che è stata chiamata formazione Khesen risalenti a circa 540 milioni di anni fa, nel corso del periodo Ediacarano.

Doctor Who - Delta and the Bannermen

“Delta and the Bannermen” è un’avventura della ventiquattresima stagione della serie classica di “Doctor Who” trasmessa nel 1987. È composta da tre parti, scritta da Malcolm Kohll e diretta da Chris Clough.

Gavrok ha guidato i suoi Bannermen al quasi genocidio dei Chimeron ma la regina Delta è riuscita a fuggire con un uovo che rappresenta l’ultima speranza per la sua specie. Arrivata in uno spazioporto, Delta cerca di confondersi con un gruppo di turisti in viaggio verso la Terra del 1959 per una vacanza esotica.

Il Settimo Dottore (Sylvester McCoy) e Melanie Bush (Bonnie Langford) scoprono di aver vinto una vacanza premio al loro arrivo in uno spazioporto. L’astronave camuffata da autobus è diretta a Disneyland ma in orbita si scontra con un satellite sperimentale e finisce nel Galles, dove altri incontri imprevisti attendono i viaggiatori.

Il romanzo “L’isola del Dottor Moreau” (“The Island of Dr. Moreau”) di H.G. Wells è stato pubblicato per la prima volta nel 1896. In Italia è stato pubblicato da Società Editrice Nazionale (con il titolo “L’isola delle bestie”), da Sonzogno nel n. 11 de “Il Romanzo d’Avventure” (con il titolo “L’isola del terrore”), da Alberto Corticelli Editore (con il titolo “L’isola del Dr. Moreau”), da Parenti Editore nel n. 10 de “La Giraffa” (con il titolo “L’isola del terrore”), da Rizzoli nei nn. 2089/2090 di “Biblioteca Universale Rizzoli”, da Gherardo Casini nel n. 54 de “I libri del Sabato”, da Mursia all’interno de “I Grandi Scrittori di Ogni Paese”, nel n. 81 de “Collana ‘Corticelli'”, nel n. 3 dei “Tascabili Mursia” e all’interno de “I Grandi Scrittori di Ogni Paese”, da Mondadori all’interno del n. 89 di “Oscar Fantascienza”, da Newton nel n. 7 de “Il Fantastico Economico Classico” (con il titolo “L’isola del Dr. Moreau”), da Newton Compton all’interno del n. 575 di “Classici Newton” e all’interno del n. 579 di “Classici Newton” in una serie di traduzioni. La versione originale del romanzo è liberamente disponibile sul sito del Progetto Gutenberg.

La nave su cui Edward Prendick sta viaggiando sull’Oceano Pacifico naufraga con la conseguente morte di quasi tutto l’equipaggio e dei passeggeri. L’uomo viene salvato all’ultimo momento da una piccola nave di passaggio, dove incontra Montgomery, accompagnato da M’ling, uno strano servitore che presenta varie deformità fisiche.

Edward Prendick sta appena cominciando a riprendersi dall’ordalia quando viene lasciato su un’isola su cui Montgomery è sbarcato assieme al suo servitore. Lì vengono accolti da altri uomini che mostrano strane caratteristiche fisiche e successivamente incontra il Dottor Moreau, che sembra dirigere la piccola comunità che vive sull’isola.