Einstein perduto o Una favolosa tenebra informe di Samuel R. Delany

Einstein perduto di Samuel R. Delany e Chi di vampiro ferisce
Einstein perduto di Samuel R. Delany e Chi di vampiro ferisce

Il romanzo “Einstein perduto”, conosciuto anche come “Una favolosa tenebra informe”, (“The Einstein Intersection”) di Samuel R. Delany è stato pubblicato per la prima volta nel 1967. Ha vinto il premio Nebula come miglior romanzo dell’anno. In Italia è stato pubblicato dalla Casa Editrice La Tribuna nel n. 147 di “Galassia” e all’interno del n. 43 di “Bigalassia” nella traduzione di Maria Teresa Guasti, da Fanucci nel n. 11 di “Collezione Immaginario. Solaria” nella traduzione di Paolo Prezzavento e da Mondadori all’interno del n. 79 di “Millemondi”. Quest’ultima edizione è disponibile anche in formato Kindle su Amazon Italia e Amazon UK.

Lo Lobey è un alieno che sta cercando di conoscere l’antica cultura della Terra dopo che è stata abbandonata dagli esseri umani. È parte di un’ondata di colonizzatori alieni che hanno preso possesso del pianeta e dei tanti apparecchi elettronici lasciati indietro e ancora funzionanti.

In questa situazione, Lo Lobey va alla ricerca della sua amata Friza per riportarla in vita come un novello Orfeo. Nel corso della sua quest incontra altri alieni che hanno preso qualcosa dall’antica cultura umana assumendo i ruoli di personaggi mitologici. I rapporti non sono facili e a volte si arriva allo scontro.

Il titolo voluto da Samuel R. Delany per questo romanzo era “A Fabulous, Formless Darkness” (da cui quello dell’edizione Fanucci) ma l’editore decise di cambiarlo in “The Einstein Intersection”. L’autore si ispirò al film “Orfeo negro” di Marcel Camus del 1959, a sua volta ispirato al mito di Orfeo.

“Einstein perduto” venne scritto da uno scrittore davvero unico dato che tra le altre cose è un afroamericano bisessuale durante un viaggio in Europa negli anni ’60, in un momento storico importante per le contestazioni studentesche e la controcultura sviluppata dalle nuove generazioni. Nel campo della fantascienza era in fase di nascita il movimento della New Wave. Si tratta di circostanze fondamentali perché il romanzo è fortemente il prodotto di quell’autore e di quel momento storico e ciò va sempre tenuto presente per riuscire a capirne il senso.

Gli alieni che hanno occupato la Terra del lontano futuro dopo che essa è stata abbandonata dagli esseri umani hanno tre sessi. Un tema legato alla loro procreazione è quello delle mutazioni, una metafora sull’essere diversi come doveva sentirsi Samuel R. Delany. Anche il protagonista Lo Lobey si sente in qualche modo diverso e quando la sua amata Friza viene uccisa intraprende un viaggio per riportarla in vita.

Fin dall’inizio del romanzo il lettore può vedere l’importanza dei miti degli antichi umani e per gli alieni che in quel futuro abitano la Terra i miti non sono solo quelli di Orfeo e simili ma anche quelli raccontati in storie come ad esempio quella di Billy the Kid. Negli anni ’60 i giovani erano quasi alieni per le generazioni precedenti e dopo aver rotto con le tradizioni preesistenti in qualche modo crearono nuovi miti.

In quest’ambientazione particolare, il protagonista Lo Lobey è l’equivalente di un giovane campagnolo che va a vivere in una grande città ma questa sorta di storia di maturazione è sviluppata attraverso i suoi incontri e i confronti con altri individui della sua specie e non solo. La trama in realtà è alquanto vaga perché procede soprattutto attraverso dialoghi tra Lo Lobey e gli altri personaggi e ciò costituisce uno dei problemi per il lettore.

Nonostante i riferimenti ad Einstein e Gödel, a mutazioni genetiche e a tecnologie varie, “Einstein perduto” non è un romanzo di fantascienza “hard” e gli elementi fantascientifici sono usati per raccontare una storia molto umanistica. I capitoli iniziano con citazioni da fonti molto diverse confermando le intenzioni di Samuel R. Delany ma allo stesso tempo diminuendo ulteriormente la già scarsa connessione tra le varie parti.

Onestamente faccio spesso fatica a leggere opere legate alla New Wave per gli stili tendenti allo sperimentalismo che ne rendono difficile la lettura. Oggi sembrano tremendamente invecchiati ma il mio problema è anche dovuto al fatto che spesso i temi non sono quelli che cerco in storie di fantascienza. “Einstein perduto” non fa eccezione, un romanzo che per me è molto diseguale nel suo livello: a volte mi è sembrato davvero bello e perfino poetico ma altre volte mi è parso un guazzabuglio senza senso.

Si tratta di un romanzo davvero breve anche per gli standard dell’epoca ma è molto denso di contenuti con significati e perfino metasignificati. Il fatto che la trama sia vaga può lasciare il lettore perplesso e l’impressione quasi onirica che può dare per alcuni può essere fastidiosa. Ciò è dovuto al fatto che la trama, come anche i personaggi, servono a sviluppare i vari elementi legati ai miti e altro ancora.

Per alcuni versi “Einstein perduto” risente dell’età, per altri la lettura può essere dfficile a causa dei tanti elementi inseriti in maniera a volte caotica. Per questi motivi, lo consiglio a chi apprezza questo tipo di romanzo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *