I parassiti della mente di Colin Wilson

I parassiti della mente di Colin Wilson
I parassiti della mente di Colin Wilson

Il romanzo “I parassiti della mente” (“The Mind Parasites”) di Colin Wilson è stato pubblicato per la prima volta nel 1967. In Italia è stato pubblicato da Fanucci nel n. 32 di “Futuro. Biblioteca di Fantascienza” e da Mondadori nel n. 177 di “Urania Collezione” nella traduzione di Alfredo Pollini. Quest’ultima edizione è disponibile anche in formato Kindle su Amazon Italia e Amazon UK e in formato ePub su IBS.

Quando il dottor Gilbert Austin scopre che il suo amico Karel Weissman si è suicidato ne rimane sconvolto. Non può credere che un uomo che lui conosceva bene potesse compiere un gesto del genere ma la questione diventa ancora più sconvolgente quando Austin comincia a leggere i documenti che Weissman gli ha lasciato e scopre che l’amico era convinto che l’umanità è sotto l’attacco di una sorta di cancro mentale.

Quegli eventi influenzano profondamente anche le ricerche archeologiche di Gilbert Austin, che scopre l’esistenza dei resti di una civiltà talmente antica da essere ormai sepolta a una profondità mai vista nel sottosuolo. Assieme ad altri colleghi, Austin cerca di studiare quelle antichissime rovine ma con sua sorpresa quando tenta di trovare tracce di qualche memoria dei loro costruttori le scopre nelle opere letterarie dello scrittore H.P. Lovecraft.

Colin Wilson era diventato diventato famoso con un testo filosofico e aveva continuato a scrivere ma nel corso degli anni aveva espanso il suo lavoro alla letteratura, scrivendo soprattutto gialli per arrivare a un certo punto alla fantascienza. Aveva scoperto casualmente le opere di H.P. Lovecraft ma inizialmente non ne aveva ricevuto una grande impressione, criticandolo in un suo libro. Entrato in corrispondenza con August Derleth, scrittore lui stesso ma anche curatore delle opere di Lovecraft, era stato sostanzialmente sfidato a scrivere un’opera lovecraftiana meglio di Lovecraft.

“I parassiti della mente” fu la risposta di Colin Wilson alla sfida di August Derleth ma non è certo un’opera lovecraftiana “ortodossa”, nel senso che contiene elementi dei Miti di Cthulhu ma venne sviluppata principalmente attorno alle idee tipiche di Wilson. In sostanza, come i saggi ma anche vari romanzi e racconti dell’autore, la storia esplora una serie di capacità mentali latenti in quasi tutti gli esseri umani, in questo caso in relazione all’esistenza di misteriosi parassiti della mente collegati alla mitologia lovecraftiana.

La struttura del romanzo è una variante del classico manoscritto che qualcun altro porta all’attenzione del pubblico tempo dopo essere stato scritto. Nel caso de “I parassiti della mente” si tratta di una raccolta di scritti ma anche di trascrizioni di nastri registrati dal protagonista Gilbert Austin, che di conseguenza racconta in prima persona le sue scoperte e la sua lotta contro i parassiti della mente.

Alla fine, l’originalità de “I parassiti della mente” sta nel modo in cui Colin Wilson ha mescolato una serie notevole di elementi eterogenei che presi singolarmente erano già triti e ritriti. L’autore cita scienziati realmente esistiti e artisti vari e a ciò aggiunge molte speculazioni che sono ben lontane da essere scientifiche. A Wilson non interessa la verosimiglianza bensì trovare gli ingredienti giusti per un “minestrone” e pazienza se qualcuno di esso non aveva senso neppure quando scrisse il romanzo.

La cosa migliore de “I parassiti della mente” secondo me è che Colin Wilson è riuscito a scrivere anche una storia, non solo una catena di speculazioni e una serie di citazioni. Non è certo un romanzo d’azione ma almeno l’inizio innesca una catena di eventi e la scoperta dei parassiti della mente con un crescente scontro tra di essi e i protagonisti crea una certa tensione. Certo che a volte comunque l’autore si lascia andare a lunghi brani riguardanti molti dettagli delle sue speculazioni.

Per questi motivi, il ritmo del romanzo tende a essere lento e i personaggi sono poco sviluppati, funzionali alla trama. Molti fan di Colin Wilson considerano “I parassiti della mente” il suo capolavoro, purtroppo il suo stile tende a rendermi difficile la lettura delle sue opere, soprattutto perché i suoi protagonisti tendono a essere incredibilmente prolissi nei loro racconti.

Ho trovato questo romanzo decisamente migliore de “Specie immortale“, in cui ripropone i temi delle capacità mentali con un elemento lovecraftiano ma con un ritmo ancor più lento. Complessivamente, mi è parso anche migliore de “I vampiri dello spazio“, dove ripropone i concetti di Forza Vitale e di parassitismo.

Se per voi non è un problema che un romanzo sia quasi un saggio con una trama usata per sviluppare dettagliate riflessioni più o meno filosofiche senza verosimiglianza scientifica, “I parassiti della mente” vi potrebbe piacere.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *