Star Trek: Discovery – Scegli il tuo dolore

Il dottor Hugh Culber (Wilson Cruz) e Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) in Scegli il tuo dolore (Immagine cortesia CBS / Netflix)
Il dottor Hugh Culber (Wilson Cruz) e Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) in Scegli il tuo dolore (Immagine cortesia CBS / Netflix)

“Scegli il tuo dolore” (“Choose Your Pain”) è il quinto episodio della serie “Star Trek: Discovery” e segue “Il coltello del macellaio non si cura del pianto dell’agnello“.

Nota. Quest’articolo contiene parecchi spoiler su “Scegli il tuo dolore”.

Al Capitano Gabriel Lorca (Jason Isaacs) vengono chiesti progressi riguardo alla propulsione a spore ma il tardigrado usato come pilota sembra in sofferenza dopo gli ultimi balzi. Mentre sta tornando sulla Discovery, Lorca viene rapito dai Klingon, che vogliono scoprire come faccia ad apparire sul campo di battaglia all’improvviso.

“Scegli il tuo dolore” mi sembra un passo indietro rispetto all’episodio precedente. Il Capitano Lorca rapito dai Klingon mi ha ricordato subito i tanti, troppi, episodi della serie “Star Trek: Enterprise” in cui il Capitano Archer veniva rapito dagli alieni di turno. Ironicamente, Archer viene citato assieme a Philippa Georgiou e ai Capitani Robert April e Christopher Pike dell’Enterprise della serie originale.

In sostanza, gran parte dello sviluppo della trama mi è parsa prevedibile e quindi poco interessante. Nella prigione in cui viene rinchiuso Lorca c’è anche il tenente Ash Tyler (Shazad Latif), che per parecchio tempo ha condiviso la cella con Harry Mudd (Rainn Wilson), un personaggio ben conosciuto dai fan della serie originale.

Saranno stati contenti gli spettatori a cui non piacciono le scene parlate in Klingon ma in quest’episodio questi nemici sono totalmente imbarazzanti, dei bulli spaziali che picchiano i loro prigionieri quando possono minacciarli con le armi ma in uno scontro corpo a corpo vengono facilmente battuti anche da un umano che riesce a malapena a stare in piedi. Insomma, una situazione davvero umiliante per quelli che dovrebbero essere forti guerrieri che invece si rivelano pure fragili fisicamente.

Quest’episodio funziona molto meglio per quanto riguarda i rapporti tra i personaggi. Il tardigrado è in sofferenza e Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) deve salvarlo ma si scontra con Saru (Doug Jones), al comando della Discovery in assenza di Lorca. C’è spazio anche per l’ufficiale scientifico Paul Stamets (Anthony Rapp) e per il dottor Hugh Culber (Wilson Cruz), sia per quanto riguarda i loro compiti che il rapporto tra i due.

Alla fine, “Scegli il tuo dolore” serve a portare avanti lo sviluppo della storia della propulsione a spore sperando che continui con qualcosa di originale. In quest’episodio il momento più sorprendente è stato l’uso di una parolaccia: nelle serie precedenti ne erano state usate un paio in lingue diverse dall’inglese (“Merde” da Picard e “Che cazzo…” da un Leonardo da Vinci olografico) ma neppure nel film “Rotta verso la Terra” erano state usate metafore così colorite. Mi aspetto altra sostanza oltre al linguaggio.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *