Star Trek: Discovery – Il coltello del macellaio non si cura del pianto dell’agnello

Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) in Il coltello del macellaio non si cura del pianto dell'agnello (Immagine cortesia CBS / Netflix)
Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) in Il coltello del macellaio non si cura del pianto dell’agnello (Immagine cortesia CBS / Netflix)

“Il coltello del macellaio non si cura del pianto dell’agnello” (“The Butcher’s Knife Cares Not for the Lamb’s Cry”) è il quarto episodio della serie “Star Trek: Discovery” e segue “Il contesto è per i re“.

Nota. Quest’articolo contiene parecchi spoiler su “Il coltello del macellaio non si cura del pianto dell’agnello”.

Finalmente la serie sembra trovare il suo ritmo dopo gli episodi introduttivi. Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) deve contribuire allo sforzo bellico ma sembra l’unica interessata a capire il misterioso “tardigrado” gigante trovato sulla USS Glenn piuttosto che usarlo semplicemente per uccidere i klingon.

Ne “Il coltello del macellaio non si cura del pianto dell’agnello” succedono molte cose riguardanti la guerra contro i klingon sia dal punto di vista dell’equipaggio della USS Discovery che da quello dei seguaci di T’Kuvma, ora guidati da Voq (Javid Iqbal). Secondo me riesce a mantenere un buon equilibrio tra le varie sottotrame, includendo il testamento del Capitano Philippa Georgiou (Michelle Yeoh).

La “ricetta” giusta per la salsa di funghi è difficile da trovare ma è necessario correre a difendere una fondamentale riserva di dilitio. Avevo paragonato le spore ai midi-chlorian ma oggi vedo che ci sono anche somiglianze con la spezia del ciclo di Dune, in questo caso con un pilota davvero improbabile.

La propulsione è al centro della trama sulla USS Discovery e a quanto pare nel futuro Elon Musk verrà ricordato a fianco dei fratelli Wright e di Zefram Cochrane. Questa trama sembra divergere totalmente dalla storia all’interno della saga di Star Trek ma per il momento sono curioso più che altro riguardo agli sviluppi che avrà all’interno di “Star Trek: Discovery”.

Per molti “Star Trek: Discovery” non è Star Trek a causa della guerra e dei toni cupi. Finora non mi sembra che si discosti molto dalle ultime stagioni di “Star Trek: Deep Space Nine” e il problema principale è inserirla nella storia della saga. Iniziare la serie con una guerra è una scelta che può essere discutibile ma al quarto episodio si vede della sostanza che può darle un senso.

L’episodio permette di sviluppare anche qualche protagonista, da Voq al Capitano Gabriel Lorca (Jason Isaacs) ma soprattutto Michael Burnham. Offre un contributo importante e questo era abbastanza scontato ma deve anche ascoltare le parole registrate dal Capitano Georgiou in un finale di episodio agrodolce.

Complessivamente l’episodio è quello che finora mi ha lasciato maggiormente soddisfatto. Era risaputo che la serie sarebbe stata sviluppata con un arco narrativo perciò i singoli episodi ne rappresentano solo una parte e dopo aver avuto un po’ di pazienza forse i risultati cominciano ad arrivare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *