Ritorno dall’esilio di Ben Bova

Trilogia degli Esiliati di Ben Bova (edizione britannica)
Trilogia degli Esiliati di Ben Bova (edizione britannica)

Il romanzo “Ritorno dall’esilio” (“End of Exile”) di Ben Bova è stato pubblicato per la prima volta nel 1975. È il terzo libro della trilogia degli Esiliati e segue “L’astronave dei 20.000“. In Italia è stato pubblicato da Mondadori all’interno del n. 9 di “Biblioteca di Urania” nella traduzione di Beata Della Frattina.

Quando Peta causa un danno che riduce notevolmente la produzione di cibo, la punizione severa è inevitabile. Il suo amico Linc cerca di intercedere per lui ma non riesce a salvarlo perché il messaggio proveniente da Jerlet tramite la sua sacerdotessa Magda non mostra cambiamenti nelle leggi che regolano la difficile vita della comunità. Linc vorrebbe cercare di ripristinare la produzione di cibo ma ha vietato di usare le macchine perciò è impossibile riparare qualsiasi cosa sia rotto.

Nonostante quella legge, Linc riesce a scoprire come far funzionare una delle apparecchiature per la riparazione ma ciò lo mette nei guai con Monel, che vuole prendere il potere nella comunità. L’unica speranza per Linc è cercare Jerlet per avere il suo appoggio e per chiedergli cosa sia la stella che sta diventando sempre più grande.

“Ritorno dall’esilio” è ambientato molto tempo dopo “L’astronave dei 20000”, forse anche parecchie generazioni. Ormai solo una piccola parte dell’astronave è ancora abitabile e l’equipaggio è formato solo da poche decine di ragazzi che vivono senza sapere nulla della loro storia né delle loro origini. Peggio ancora, non sono in grado di usare le macchine ancora funzionanti perché il divieto di usarle è tra le leggi date loro da Jerlet, un personaggio inizialmente misterioso che da anni vedono solo in un video riprodotto dalla sacerdotessa.

Anche per chi non ha letto i romanzi precedenti della trilogia, diventa rapidamente chiaro che i personaggi vivono su un’astronave generazionale a malapena funzionante. A parte il misterioso Jerlet sono tutti ragazzi, i quali hanno scarsissime competenze e vivono una una società al limite della barbarie. In sostanza, ancora una volta Ben Bova cambia totalmente lo scenario da un romanzo della trilogia al successivo fornendo solo informazioni molto vaghe su ciò che è successo nel frattempo perciò il lettore si sente un po’ come i ragazzi.

All’epoca Ben Bova scriveva romanzi che erano piuttosto brevi anche per gli standard di quegli anni perciò la trama di “Ritorno dall’esilio” viene sviluppata rapidamente, incentrata sulle dinamiche tra i personaggi più importanti. Tra di essi, Linc è quello che mostra ancora qualche barlume di intelligenza superiore perciò vuole capire cosa stia succedendo a lui e agli altri ragazzi, incontrare Jerlet per ottenere spiegazioni sulle sue regole e sapere perché una delle stelle che ha visto sta diventando sempre più grande.

A causa della lunghezza limitata, il ritmo della storia è rapido ma lo sviluppo dei personaggi è limitato. Pochissimi hanno una personalità definita ed essa è funzionale alla trama. L’intelligenza di Linc non è stata spenta dalle condizioni in cui è cresciuto ma ciò lo porta a scontrarsi con altri membri della comunità. Monel è sostanzialmente un bullo che cerca di conquistare il potere sulla comunità e di controllare la sacerdotessa Magda, che vuole solo seguire le leggi dettate da Jerlet.

“Ritorno dall’esilio” può ricordare “Universo” di Robert A. Heinlein ma nel romanzo di Ben Bova sull’astronave generazionale è rimasto solo un piccolo gruppo di ragazzi e un uomo anziano, Jerlet, il cui ruolo viene spiegato nel corso del romanzo. Complessivamente è inferiore al classico di Heinlein ma secondo me è migliore de “L’astronave dei 20000”.

Alla fine, “Ritorno dall’esilio” rappresenta una conclusione discreta alla trilogia degli Esiliati ma non è nulla di speciale. La storia è talmente staccata da quelle dei romanzi precedenti che può essere letto anche autonomamente. Può interessare ai fan di Ben Bova, agli appassionati del sottogenere astronavi generazionali e a chi vuol finire la trilogia.



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *