Star Trek: Discovery – Il contesto è per i re

Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) in Il contesto è per i re (Immagine cortesia CBS / Netflix)
Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) in Il contesto è per i re (Immagine cortesia CBS / Netflix)

“Il contesto è per i re” (“Context Is for Kings”) è il terzo episodio della serie “Star Trek: Discovery” e segue “La battaglia delle stelle binarie“.

Nota. Quest’articolo contiene parecchi spoiler su “Il contesto è per i re”.

Come avevo facilmente previsto, Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) non rimane moltissimo in prigione. Dopo 6 mesi viene trasferita assieme ad altri prigionieri ma lo shuttle su cui viaggiano viene intercettato dall’astronave USS Discovery. Lì il Capitano Gabriel Lorca (Jason Isaacs) assegna Burnham alla sezione ingegneria, dove scopre che c’è un progetto segreto in fase di sviluppo.

La storia è stata scritta da Bryan Fuller, Gretchen J. Berg e Aaron Harberts e sviluppata nella sceneggiatura finale da Gretchen J. Berg, Aaron Harberts e Craig Sweeny. Si potrebbe dire che si tratta di un secondo episodio pilota che rappresenta per Michael Burnham un nuovo inizio.

Ho trovato “Il contesto è per i re” un episodio piuttosto standard nel senso che per la maggior parte gli elementi della trama sono piuttosto ovvi. Tornano alcune facce conosciute come Saru, trasferito sulla USS Discovery, e vengono presentati alcuni nuovi personaggi, con la cadetta Sylvia Tilly (Mary Wiseman) che sembra l’elemento da commedia che alleggerisce un po’ un’atmosfera altrimenti assai pesante.

La sorpresa è nella ricerca segreta portata avanti sulla USS Discovery, che riguarda i midi-chlorian 😀 o almeno il concetto sembra ispirato ad essi. Nel corso dell’episodio viene data qualche spiegazione ma vengono anche mostrati alcuni dettagli che indicano che c’è ancora parecchio da rivelare.

La trama con elementi da film fanta-horror permette a Michael Burnham di mostrare che può ancora essere utile nonostante i suoi sensi di colpa. Da questo punto di vista era tutto molto prevedibile ma almeno è utile a presentare i nuovi personaggi e soprattutto gli elementi della storia che verranno sviluppati nei prossimi episodi.

Molte cose sono cambiate rispetto nei 6 mesi trascorsi dagli eventi di “Un saluto vulcaniano” perciò complessivamente “Il contesto è per i re” mi è parso non solo utile ma anche abbastanza intrigante. Avrei preferito che la trama contenesse meno cliché ma almeno contiene un po’ di sostanza. Da questa partenza vedremo se finalmente gli sceneggiatori riusciranno ad arrivare là dove nessuno è mai giunto prima.

Il Capitano Gabriel Lorca (Jason Isaacs) in Il contesto è per i re (Immagine cortesia CBS / Netflix)
Il Capitano Gabriel Lorca (Jason Isaacs) in Il contesto è per i re (Immagine cortesia CBS / Netflix)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *