Il viaggio dello Star Wolf di David Gerrold

Il viaggio dello Star Wolf di David Gerrold
Il viaggio dello Star Wolf di David Gerrold

Il romanzo “Il viaggio dello Star Wolf” (“Voyage of the Star Wolf”) di David Gerrold è stato pubblicato per la prima volta nel 1990. Fa parte del ciclo Star Wolf. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nei nn. 1182 e 1647 di “Urania” nella traduzione di Marco Pinna. Quest’ultima edizione è disponibile anche in formato Kindle su Amazon Italia e Amazon UK e in formato ePub su IBS.

L’astronave LS-1187 non ha un nome perché esso va conquistato in battaglia. Viene assegnata alla flotta che ha il compito di proteggere la rotta commerciale interstellare conosciuta come Via della Seta e i pianeti sulla rotta da possibili attacchi della Solidarietà Morthan.

Contro ogni previsione, la flotta viene attaccata da astronavi Morthan con una potenza di fuoco complessiva molto superiore e l’esito È disastroso. L’astronave LS-1187 rimane gravemente danneggiata e finisce alla deriva nello spazio, con pochissime probabilità per i membri dell’equipaggio che non sono rimasti uccisi nell’attacco di sopravvivere. Il comandante in seconda Jonathan Thomas Korie deve prendere il comando per portare l’astronave alla salvezza ma le cose cominciano ad andare male.

David Gerrold ha accumulato parecchia esperienza scrivendo sceneggiature per varie serie della saga di “Star Trek” e romanzi ad essa collegati. Questo celeberrimo universo narrativo gli ha fornito varie ispirazioni per creare un suo ciclo di romanzi che contengono elementi diversi da “Star Trek” come l’uso normale dell’ingegneria genetica.

Il primo romanzo del ciclo fu “L’ombra dell’astronave” (“Yesterday’s Children” del 1972, successivamente espanso e ripubblicato come “Star Hunt” nel 1985), in cui appare per la prima volta il personaggio di Jonathan T. Korie (uno degli omaggi a Star Trek…). È però con “Il viaggio dello Star Wolf” che l’autore sviluppa davvero il suo universo narrativo.

Nella serie Star Wolf, l’ingegneria genetica è stata praticata per molti secoli, tanto che a un certo punto un gruppo di umani geneticamente modificati si stacca dalla specie originale per formare un gruppo separato i cui membri chiamano se stessi Morthan. I più aggressivi tra di essi hanno creato una loro società separata da quella umana, la Solidarietà Morthan, fino a diventare nemici dei loro “cugini”.

Questo concetto è quello che mi ha creato le maggiori perplessità nella lettura de “Il viaggio dello Star Wolf”. Più volte i Morthan vengono descritti come superiori anche dal punto di vista intellettuale rispetto agli umani non modificati eppure sembrano più che mai schiavi dei più bassi istinti umani essendo molto tribali e tendenzialmente aggressivi. La Solidarietà Morthan rappresenta un pericolo per la potenza di fuoco delle sue astronavi, che però armi a parte sono arretrate tecnologicamente.

Tutto ciò mi è parso un po’ contraddittorio: i Morthan sembrano strateghi raffinatissimi, molto superiori ai più grandi condottieri della storia umana, eppure non sembrano molto bravi nello sviluppo tecnologico. La loro superiorità intellettuale ribadita più volte senza specificare nulla sembra invece limitata ad alcuni campi ristretti. Curiosamente, sembra che siano in grado di rubare la tecnologia altrui comprendendone il funzionamento ma sembrano troppo impegnati a uccidere il proprio prossimo per sviluppare le loro tecnologie.

Perplessità sulla società Morthan a parte, “Il viaggio dello Star Wolf” mi è parso un romanzo costruito su una serie di crisi affrontate dall’equipaggio dell’astronave LS-1187. La prima parte è sostanzialmente la storia del tentativo dei sopravvissuti all’attacco Morthan di tornare alla base più vicina nonostante i danni riportati. Il viaggo è reso più difficile dal rischio di essere individuati da un’astronave nemica per la quale costituirebbero un facile bersaglio.

In tutto il romanzo ma in particolare in questa prima parte c’è una notevole attenzione di David Gerrold al lato psicologico dei personaggi. Solo alcuni protagonisti sono ben sviluppati, soprattutto Jonathan T. Korie, e per qualche personaggio l’autore ricorre a qualche cliché ma almeno hanno una loro personalità che consente di raccontare le loro reazioni alla situazione estrema in cui si trovano dopo che la flotta umana è stata distrutta dai Morthan.

Secondo me questa è la caratteristica migliore perché a volte la trama è prevedibile e in alcuni momenti mi ha lasciato perplesso. Ad esempio Jonathan T. Korie ha problemi a prendere formalmente il comando dell’astronave LS-1187 quando il capitano rimane gravemente ferito perché il sistema di intelligenza artificiale Harlie è stato danneggiato e non può registrare quell’atto. Insomma, sembra che un corpo militare non abbia un regolamento che preveda quel tipo di evenienza creando una situazione ambigua nella catena di comando in un momento critico.

La parte successiva del romanzo è sostanzialmente una storia di seconde possibiilità in cui Jonathan T. Korie e gli altri memebri dell’equipaggio della LS-1187 sopravvissuti devono imparare a credere in se stessi. Alla fine sembra che un capitano poco competente sia stato alla base di tutti i loro problemi e con un atteggiamento diverso le cose possano migliorare.

Alla fine, “Il viaggio dello Star Wolf” con i suoi pregi e difetti mi ha dato sensazioni ambivalenti. Secondo me è un tipo di romanzo che può piacere ai fan della fantascienza militare e in generale dell’avventura spaziale.

2 Comments


  1. Recensione che condivido in pieno, sia nelle perplessità che nel giudizio.
    Per gli amanti di military SF sono interessanti anche i due seguiti del romanzo

    Reply

    1. Vedremo se Urania ristamperà anche “Le ultime ore di Shaleen” e pubblicherà “Blood and Fire”, finora inedito in Italia.

      Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *