Star Trek: Discovery – La battaglia delle stelle binarie

Sarek (James Frain) e Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) ne La battaglia delle stelle binarie (Immagine cortesia CBS / Netflix)
Sarek (James Frain) e Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) ne La battaglia delle stelle binarie (Immagine cortesia CBS / Netflix)

“La battaglia delle stelle binarie” (“Battle at the Binary Stars”) è il secondo episodio della serie “Star Trek: Discovery” e segue “Un saluto vulcaniano“.

Nota. Quest’articolo contiene parecchi spoiler su “La battaglia delle stelle binarie”.

L’episodio è la diretta continuazione del precedente, con la situazione che rapidamente precipita tra le astronavi klingon e quelle della Federazione arrivate dopo l’allarme lanciato dal Capitano Philippa Georgiou (Michelle Yeoh) della USS Shenzhou.

Secondo me “La battaglia delle stelle binarie” rappresenta un netto passo indietro rispetto al primo episodio. Il mio problema è che sostanzialmente la trama è basata su un susseguirsi di colpi di scena che però mi sono sembrati banali e quindi non mi hanno trasmesso un reale senso di tensione.

Innanzitutto speravo che ci fosse un minimo di approfondimento sulle motivazioni di Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) per il suo ammutinamento ma sono rimasto deluso. La sostanza è che che l’unica logica alla base delle sue azioni è quella del fine che giustifica i mezzi. Secondo me è decisamente troppo poco.

In particolare, il piano per catturare T’Kuvma (Chris Obi), il leader klingon che vuole usare una guerra con la Federazione per far rinascere l’impero, mi è sembrato senza senso. Dalla Shenzhou inviano la testata di un siluro fotonico sul cadavere di un klingon per farla esplodere nell’astronave di T’Kuvma senza alcuna garanzia che lui non resti ucciso. A quel punto, il Capitano Georgiou si fa teletrasportare sull’astronave klingon per cercare di catturarlo di persona accompagnata solo da Michael Burnham, che poche ore prima aveva rinchiuso in cella per ammutinamento.

È tutt’altro che sorprendente che il piano fallisca miseramente. Forse anche nel 2017 pensano che Star Trek non debba essere troppo intellettuale: nella serie originale inserivano qualche scazzottata per aggiungere un po’ d’azione agli episodi, oggi c’è un budget maggiore perciò è possibile creare qualcosa di più sofisticato ma se vogliono usare quel tipo di scene per creare momenti drammatici dovrebbero farlo meglio.

Il finale dell’episodio, con Michael Burnham di fronte alla corte marziale, è quello che mi ha lasciato maggiormente perplesso. Lo stile delle immagini, con i volti dei giudici al buio, è del tipo che ci si aspetta quando la storia è ambientata in una dittatura. La cosa è ancora peggiore perché Burnham viene condannata all’ergastolo ma è stata presentata come la protagonista della serie perciò è palese che non rimarrà molto in galera. Insomma, tanto rumore per nulla.

Mi aspettavo meglio dato che la storia è stata scritta da Bryan Fuller, anche se poi la sceneggiatura è stata sviluppata da Gretchen J. Berg & Aaron Harberts. Ovviamente spero di vedere di meglio nei prossimi episodi!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *