Star Trek: Discovery – Un saluto vulcaniano

Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) in Un saluto vulcaniano (Immagine cortesia CBS / Netflix)
Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) in Un saluto vulcaniano (Immagine cortesia CBS / Netflix)

“Un saluto vulcaniano” (“The Vulcan Hello”) è l’episodio pilota della serie “Star Trek: Discovery”, che segna il ritorno della storica saga di Star Trek sul piccolo schermo, anche se in maniera aggiornata essendo disponibile negli USA sulla piattaforma di streaming CBS All Access e in molte altre nazioni su Netflix.

Confesso che sono arrivato a questa serie con preoccupazione: le ultime serie televisive avevano mostrato secondo me un netto calo di qualità e ciò, unito anche a un paio di brutti film, ha finito per lasciare Star Trek nelle grinfie di J.J. Abrams, il cui reboot mi ha disgustato profondamente. L’idea di un altro prequel mi lasciava freddo dopo che Enterprise era andata stancamente là dove tutti erano già giunti prima ma la presenza di Bryan Fuller come showrunner mi dava qualche speranza, peccato che la sua presenza al timone non sia durata molto.

In “Un saluto vulcaniano”, l’equipaggio dell’astronave della Federazione USS Shenzhou scopre un oggetto non identificato durante una missione che dovrebbe essere di riparazione di un sistema di comunicazione interstellare e il Primo Ufficiale Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) deve indagare.

Il sospetto è che qualcuno abbia danneggiato volontariamente il sistema di comunicazione, infatti Burnham trova un klingon che la attacca ed è costretta ad ucciderlo. Nell’affrontare le conseguenze di quella scoperta, il Primo Ufficiale si trova in disaccordo con il capitano Philippa Georgiou (Michelle Yeoh).

“Un saluto vulcaniano” serve a iniziare una trama che non termina in quest’episodio perciò per il momento posso solo offrire qualche impressione e non un giudizio completo. La funzione di un episodio pilota è quella di presentare i protagonisti della serie e una storia che potrebbe essere sviluppata in un arco narrativo.

In quest’inizio si vede la volontà degli autori di richiamarsi a elementi già visti in Star Trek e la presenza di Sarek, il padre di Spock, per creare una rapida familiarità nei vecchi fan. Nel 2017 sarebbe assurdo usare monitor a tubo catodico come nella serie originale ma ci sono tanti dettagli che mostrano l’attenzione posta a rispettare il passato della saga.

Proprio per questo motivo continuo a rimanere perplesso dalla decisione di pasticciare ancora con l’aspetto dei klingon: la differenza tra i klingon “mongoli” della serie originale e quelli a “testa di tartaruga” dei film e delle altre serie televisive era dovuta a questioni di budget, ulteriori cambiamenti mi sembrano dannosi.

C’è di buono che l’episodio offre protagonisti che hanno le loro personalità e ci vengono fornite anche informazioni sul passato di Michael Burnham. Ciò è importante per la sua connessione con Sarek e con i klingon in un nuovo contatto che potrebbe sfociare in una guerra.

Complessivamente, secondo me “Un saluto vulcaniano” ha più pregi che difetti. La storia è stata scritta da Bryan Fuller ed Alex Kurtzman perciò non ne sono molto sorpreso, resta da vedere se nei prossimi episodi la serie riuscirà a fare meglio delle due precedenti ciò che ci si aspetta quando si usa il nome Star Trek: andare là dove nessuno è giunto prima.

Philippa Georgiou (Michelle Yeoh) in Un saluto vulcaniano (Immagine cortesia CBS / Netflix)
Philippa Georgiou (Michelle Yeoh) in Un saluto vulcaniano (Immagine cortesia CBS / Netflix)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *