Ashes of Candesce di Karl Schroeder

Ashes of Candesce di Karl Schroeder
Ashes of Candesce di Karl Schroeder

Il romanzo “Ashes of Candesce” di Karl Schroeder è stato pubblicato per la prima volta nel 2012. È il quinto romanzo della serie di Virga e segue “The Sunless Countries“. È al momento inedito in Italia.

Leal Hieronyma Maspeth, assieme ad altre persone arrivate da Virga, è finita su Aethyr, una sfera attaccata a Virga, e tornare indietro è vitale non solo per la loro salvezza. Su Aethyr incontrano Keir Chen, un post-umano che non ha piani di distruzione e decide di unirsi agli umani nella difesa del loro pianeta artificiale cavo.

Per affrontare la minaccia, Leal, Keir, Antaea Argyre e Hayden Griffin possono solo rivolgersi a Venera e Chaison Fanning ma anche su Virga ci sono diverse fazioni e i nemici esterni hanno trovato alleati in alcune di esse. La situazione diventa sempre più complessa e nello scontro finale diventa difficile capire quali siano gli alleati e quali i nemici.

“Ashes of Candesce” riprende la storia dov’era terminata in “The Sunless Countries”, con il quale forma sostanzialmente un romanzo diviso in due libri. Ritornano anche Venera e Chaison Fanning, i protagonisti dei primi tre romanzi della serie di Virga perciò è necessario leggere tutti i romanzi precedenti per capire gli eventi di quest’ultimo.

In “Ashes of Candesce” c’è la crescente sensazione che Karl Schroeder abbia deciso di dare alla serie una conclusione che mette assieme tutti gli elementi importanti inseriti nei vari romanzi e soprattutto i loro protagonisti. Questa scelta determina la creazione di un gran finale ma crea anche qualche problema a quest’ultimo romanzo.

Nel corso dei vari romanzi della serie di Virga, Karl Schroeder aveva fornito una quantità di informazioni sulla natura di quel pianeta artificiale cavo e anche alcune sui post-umani che vivono fuori da esso. Sulla minaccia proveniente da una parte di quei post-umani chiamata Natura Artificiale l’autore sviluppa gli eventi che portano allo scontro finale ma lo fa lentamente.

La prima metà circa di “Ashes of Candesce” è la storia dei vari incontri tra i protagonisti dei romanzi precedenti assieme all’introduzione di alcuni nuovi personaggi importanti, soprattutto il post-umano Keir Chen. La conseguenza è che quella parte è costituita sostanzialmente da viaggi e da conversazioni tra i personaggi che si incontrano con un ritmo piuttosto lento.

Ciò permette anche all’autore di dare profondità a Keir Chen e ai lettori di farsi un’idea di come vivano almeno alcuni post-umani. È un protagonista di “Ashes of Candesce” e il suo punto di vista è importante nel romanzo, una scelta che aiuta a capire le differenze tra lui e gli umani normali oltre alle sue motivazioni e alla sua storia.

Questi sviluppi rendono la prima parte interessante almeno in parte ma ci vuole un po’ di pazienza in attesa della seconda metà, quando il ritmo accelera decisamente e comincia il grande scontro finale tra le varie fazioni. Il suo esito determinerà non solo il destino di Virga ma avrà conseguenze anche sui futuri sviluppi della civiltà post-umana.

In questo finale i protagonisti hanno la possibilità di mettersi in mostra alla grande ed è qui che è maggiormente necessario conoscere quelli vecchi dai precedenti romanzi per capire il senso delle loro decisioni. Più che mai Karl Schroeder mescola gli elementi dal sapore steampunk riguardanti gli abitanti di Virga e la loro tecnologia limitata con quelli molto più avanzati dei post-umani.

Il risultato finale è un romanzo che non è molto omogeneo e fa affidamento sul “technobabble” in alcuni punti chiave riguardanti la volontà di Natura Artificiale di distruggere Virga. Questo è un problema anche per almeno parte delle discussioni filosofiche presenti nel romanzo sull’umanità e sul suo possibile futuro.

Nonostante questi difetti, secondo me Karl Schroeder riesce comunque a mettere in risalto gli elementi positivi che hanno caratterizzato una serie molto intrigante come quella di Virga. Per questo motivo, tutto sommato il finale è per me soddisfacente e mi convince ancora a consigliare di leggere tutta la serie.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *