I trilobiti primitivi avevano già sistemi digerenti complessi

Palaeolenus lantenoisi (Immagine cortesia Hopkins et al)
Palaeolenus lantenoisi (Immagine cortesia Hopkins et al)

Un articolo pubblicato sulla rivista “PLOS ONE” descrive una ricerca su trilobiti primitivi con la scoperta del più antico sistema digerente consistente sia di ghiandole digerenti che di un gozzo. Un team di ricercatori guidato da Melanie Hopkins, assistente curatore nella Divisione di paleontologia del Museo Americano di Storia Naturale, ha esaminato 270 esemplari dei quali la maggioranza è stata scoperta nella provincia cinese di Yunnan, dove vissero oltre 500 milioni di anni fa, scoprendo che almeno le specie Palaeolenus lantenoisi e Redlichia mansuyi avevano uno stomaco.

Precedenti ricerche suggerivano che l’apparato digerente dei trilobiti fosse composto da un tubo che percorre la lunghezza del corpo dell’animale con ghiandole digerenti laterali oppure da uno stomaco espanso, quello che tecnicamente viene chiamato gozzo, che conduce a un tubo semplice senza ghiandole laterali. Finora solo il primo tipo di apparato digerente era stato trovato in trilobiti primitive perciò molti paleontologi pensavano che il gozzo si fosse evoluto successivamente.

Il problema in questo tipo di ricerca è dato dal fatto che i tessuti molli raramente si fossilizzano perciò le nostre conoscenze anatomiche dei trilobiti è limitata nonostante l’enorme quantità di fossili di questi animali trovata, proprio perché di solito solo i loro esoscheletri si fossilizzano. Per la maggior parte delle specie di trilobiti sono disponibili solo gli esoscheletri.

In alcuni casi però condizioni favorevoli hanno permesso ai tessuti molli di non decomporsi perciò hanno potuto fossilizzarsi anch’essi. Ciè è successo solo per una piccola parte delle specie di trilobiti conosciute, a volte solo in un esemplare di una specie, e tracce dell’apparato digerente sono state trovate solo in 42 specie, ma nella formazione di Wulongqing nella provincia di Yunnan la conservazione degli esemplari si è rivelata davvero straordinaria, del tipo che si può trovare nell’Argillite di Burgess.

Molti fossili di trilobiti vennero disseppelliti dalla formazione di Wulongqing tra la primavera del 2014 e l’autunno del 2015. I ricercatori hanno trovato due zone separate nei 40-50 metri di terreno scavati: nella parte superiore sono stati trovati gli esemplari di Palaeolenus lantenoisi e nella parte inferiore esemplari di Redlichia mansuyi. I 270 totali sono stati esaminati al microscopio elettronica a scansione e con uno spettrometro a raggi X fotografandoli con un sistema microfotografico.

Le immagini mostrano esemplari di Palaeolenus lantenoisi e Redlichia mansuyi con le concentrazioni di ferro e ossido di ferro rivelate dagli esami ed evidenziate nei riquadri. Quelle sono le aree in cui c’erano le parti dell’apparato digerente di questi trilobiti con gozzo e ghiandole digerenti.

Questi esemplari di trilobite eccezionalmente conservati e gli esami molto sofisticati effettuati su di essi stanno permettendo di capire meglio l’evoluzione di animali che sono esistiti per un tempo lunghissimo e anche qualcosa della loro dieta. Sono tutti dettagli che aggiungono informazioni su un’epoca remota che hanno già riservato qualche sorpresa.

Redlichia mansuyi (Immagine cortesia Hopkins et al)
Redlichia mansuyi (Immagine cortesia Hopkins et al)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *