Il Siphusauctum lloydguntheri era uno strano animale che visse mezzo miliardo di anni fa

Siphusauctum lloydguntheri (Foto cortesia Julien Kimmig | KU News Service)
Siphusauctum lloydguntheri (Foto cortesia Julien Kimmig | KU News Service)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Journal of Paleontology” descrive l’identificazione di un animale che visse nel Cambriano medio, tra 513 e 501 milioni di anni fa circa. Chiamato Siphusauctum lloydguntheri, è stato studiato grazie a un esemplare scoperto anni fa nello Utah. Secondo i ricercatori che l’hanno studiato si tratta del più antico animale che si nutriva tramite filtraggio scoperto in Nord America.

L’esemplare di Siphusauctum lloydguntheri è stato scoperto in quella che viene chiamata Spence Shale, un’area in cui le condizioni erano molto favorevoli alla fossilizzazione, anche di tessuti molli. L’ha trovato il cacciatore di fossili Lloyd Gunther, che l’ha donato all’Istituto per la Biodiversità dell’Università del Kansas assieme a migliaia di altri fossili.

Le condizioni favorevoli della Spence Shale hanno permesso di scoprire fossili di qualità straordinaria che hanno fornito molte informazioni sugli organismi vissuti nel periodo Cambriano. Spesso essi erano molto diversi da quelli odierni e quindi difficili da classificare nei gruppi tassonomici esistenti.

Anche nel caso del Siphusauctum lloydguntheri c’è un problema di classificazione. Quest’animale aveva un corpo che sembrava un tulipano con una sorta di stelo con cui si ancorava ai sedimenti e una parte superiore, chiamata calice, che aveva tutto dal tratto digestivo al meccanismo di alimentazione. Viveva in sedimenti morbidi, ancorato nel sedimento, filtrando particelle di cibo. Julien Kimmig, il primo autore dell’articolo, l’ha definito piuttosto primitivo e bizzarro, aggettivi che vengono spesso associati a organismi di quel periodo.

Nel 2012 era stato identificato un altro animale con caratteristiche simili nell’Argillite di Burgess, uno dei depositi di fossili più celebri del mondo. Era stato chiamato Siphusauctum gregarium ma in questo caso ne sono stati scoperti oltre mille esemplari. Ciò però non ha facilitato la sua classificazione e le affinità sono talmente dubbie che all’epoca i ricercatori decisero di creare un’intera nuova famiglia tassonomica che chiamarono Siphusauctidae.

I ricercatori che hanno studiato l’esemplare di Siphusauctum lloydguntheri hanno notato le somiglianze con il Siphusauctum gregarium ma hanno ritenuto che vi fossero differenze tali che si tratti di una specie diversa seppur parte dello stesso genere. Il nome della nuova specie è stato scelto in onore dello scopritore e donatore dell’esemplare.

Avendo a disposizione un solo esemplare che potrebbe essere incompleto è complesso per i ricercatori fornire certezze anche solo sulle sue caratteristiche. Si tratta di un problema comune con molti organismi del Cambriano, intriganti per le loro strane forme ma proprio per quello a volte difficili da studiare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *