Trovati tessuti molli e lipidi in un uccello fossile di 48 milioni di anni fa

L'uccello fossile del Pozzo di Messel. L'uropigio è indicato nel quadrato (Foto cortesia Sven Traenkner/ Senckenberg)
L’uccello fossile del Pozzo di Messel. L’uropigio è indicato nel quadrato (Foto cortesia Sven Traenkner/ Senckenberg)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences” descrive la scoperta di un uccello fossile di 48 milioni di anni fa in cui si è conservato l’uropigio, una ghiandola che secerne un liquido oleoso che gli uccelli si spalmano sulle ali. L’esame ha mostrato che esso conteneva ancora lipidi, i più antichi mai trovati nei resti di un vertebrato.

Il fossile di uccello esaminato è stato scoperto nel cosiddetto Pozzo di Messel, un sito nel Circondario di Darmstadt-Dieburg, in Germania, incluso tra i Patrimoni dell’umanità dall’UNESCO proprio grazie alla notevole quantità e varietà di fossili scoperti in quell’area. Un team di ricercatori guidato dal dottor Gerald Mayr della sezione di ornitologia dell’Istituto di ricerca di Senckenberg ha studiato questo fossile di uccello di 48 milioni di anni fa scoprendo un livello di conservazione tale da riservare sorprese.

La maggioranza dei fossili di vertebrati è costituita solo da ossa perché i tessuti molli tendono a decomporsi molto prima di riuscire a fossilizzarsi. Tuttavia, ci sono circostanze ambientali in cui i tessuti molli vengono almeno in parte conservati per un tempo sufficiente da diventare anch’essi fossili. La conseguenza è che abbiamo pochi fossili di uccelli che comprendono piume e tessuti molli ma il Pozzo di Messel è uno dei luoghi in cui le condizioni hanno permesso la fossilizzazione di parte di essi.

Nel caso specifico, una ghiandola chiamata uropigio si è conservata e i ricercatori hanno potuto analizzarla per cercare di ottenere maggiori informazioni su quegli antichi uccelli. I lipidi sono composti particolarmente stabili e l’analisi chimica dettagliata effettuata dai ricercatori mostra che in questo caso hanno mantenuto la loro composizione chimica almeno in parte nel corso di 48 milioni di anni. I lipidi contenuti nell’uropigio fossile possono essere chiaramente distinti dai composti presenti nella roccia attorno al fossile.

Lo studio di questo fossile è particolarmente interessante per questa scoperta e i ricercatori si sono chiesti se vi sia una connessione tra la componente antibatterica del liquido oleoso prodotto dall’uropigio e la sua conservazione. I batteri sono fondamentali nella decomposizione dei tessuti perciò la presenza di un antibatterico può aumentare le possibilità di fossilizzazione.

Il dottor Gerald Mayr ha dichiarato che sarebbe interessante scoprire se i dinosauri piumati avessero già l’uropigio e se usassero il liquido oleoso che secerne per lisciarsi le piume come fanno i loro “cugini” odierni. Come spesso succede nel campo della paleontologia, la scoperta fortunata di un fossile e il suo esame con tecnologie moderne può rivelare informazioni davvero importanti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *