Ossa fossili di Danuvius guggenmosi offrono indizi sull’evoluzione della postura bipede

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” riporta uno studio sui fossili di una specie di scimmia che è stata chiamata Danuvius guggenmosi che visse circa 11,6 milioni di anni fa, durante il periodo Miocene, nell’odierna Baviera. Un team di ricercatori guidati dalla professoressa Madelaine Böhme della Eberhard-Karls-Universität di Tubinga ha esaminato ossa appartenenti ad almeno quattro individui che combinano gli adattamenti dei bipedi e delle scimmie che si sospendono sugli alberi. Ciò suggerisce che gli antenati degli esseri umani e delle scimmie antropomorfe odierne avessero quel tipo di caratteristiche e la locomozione bipede si è evoluta in specie che ancora vivevano almeno parzialmente sugli alberi.

Tra il 2015 e il 2015 varie ossa risalenti al periodo Miocene sono state scoperte in un pozzo argilloso vicino alla città di Pforzen, in Baviera. Sono state attribuite ad almeno quattro individui della stessa specie di scimmia estinta, uno scheletro parziale mostrato nell’immagine in alto (Cortesia Christoph Jäckle. Tutti i diritti riservati) e vari denti e ossa isolati. L’esame ha portato a identificare un maschio alto circa un metro per un peso di circa 31 kg e due femmine che pesavano circa 18 kg. Ciò significa che erano piccole rispetto alle scimmie antropomorfe odierne.

Il ritrovamento di arti, vertebre e ossa delle dita di mani e piedi ha permesso ai ricercatori di ricostruire il modo in cui la specie che hanno chiamato Danuvius guggenmosi si muoveva nel suo ambiente. La professoressa Madelaine Böhme ha spiegato che per la prima volta hanno potuto indagare su molte importanti articolazioni funzionali, inclusi gomiti, anche, ginocchia e caviglie, in un singolo scheletro fossile del Miocene. Lo stupore è arrivato vedendo quanto certe ossa fossero simili a quelle degli umani rispetto a quelle delle grandi scimmie.

Le caratteristiche del Danuvius guggenmosi suggeriscono che esso potesse camminare su due gambe e anche arrampicarsi come una scimmia. La combinazione delle sue caratteristiche anatomiche davano a questa specie una postura e un modo di muoversi unico tra i primati combinando la bipedalità dominata dagli arti posteriori degli umani con l’arrampicata dominata dagli arti anteriori tipica delle scimmie odierne. L’esemplare maschio ha proporzioni anatomiche simili a quelle dei moderni bonobo e un alluce opponibile che gli permetteva di impugnare i rami degli alberi.

La storia dell’evoluzione degli ominidi è legata soprattutto all’Africa ma il Danuvius guggenmosi viveva in Europa. Un articolo pubblicato nel settembre 2019 sulla rivista “Journal of Human Evolution” riportava lo studio di un osso iliaco di Rudapithecus hungaricus, un’altra specie che visse in Europa nel Miocene che offre indizi sull’evoluzione della postura bipede. Capire quell’evoluzione è reso più difficile dal fatto che pochi milioni di anni dopo le scimmie sparirono dall’Europa. Si tratta di un periodo della storia degli ominidi su cui i paleontologi continueranno a indagare.

Ricostruzione artistica di Danuvius guggenmosi (Immagine cortesia Velizar Simeonovski)
Ricostruzione artistica di Danuvius guggenmosi (Immagine cortesia Velizar Simeonovski)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *