Lo studio del bacino di un Rudapithecus hungaricus offre indizi sull’evoluzione della postura bipede

Un articolo pubblicato sulla rivista “Journal of Human Evolution” riporta lo studio di un osso iliaco di Rudapithecus hungaricus, un ominide che visse circa dieci milioni di anni fa, nel periodo Miocene, nell’odierna Ungheria imparentato sia con le scimmie africane odierne che con gli esseri umani. Un team di ricercatori guidato da Carol Ward dell’Università del Missouri ha analizzato quell’osso fossile concludendo che la postura bipede degli esseri umani ha origini più antiche di quanto si pensasse.

Durante il periodo Miocene, in Eurasia c’erano varie specie di scimmie antropomorfe raggruppate nella tribù tassonomica dei Dryopithecini. Le scoperte di fossili, tipicamente incompleti, compiute nel corso dei decenni hanno portato a varie modifiche all’interno di questa tribù e anche l’esistenza del genere Rudapithecus è stata oggetto di varie discussioni. La specie Rudapithecus hungaricus è stata identificata nel 1969, dopo che i primi fossili vennero scoperti nel 1966 nell’area di Rudabánya, nell’odierna Ungheria. Vari scienziati hanno ritenuto che questa specie sia troppo simile al Dryopithecus brancoi per costituire un genere separato. Gli autori dell’articolo pubblicato su “Journal of Human Evolution” riconoscono invece la specie Rudapithecus hungaricus.

Un osso iliaco può fornire molte informazioni interessanti ma raramente si conserva perciò la scoperta di uno di essi è davvero preziosa per i paleontologi, che sono abituati a dover esaminare scheletri incompleta se non poche ossa isolate e magari pure frammentate. L’osso iliaco oggetto di questo studio (foto cortesia Carol Ward et. al. Tutti i diritti riservati) venne scoperto da David Begun, professore di antropologia all’Università di Toronto, che aveva lavorato su altre ossa e denti. Le sue analisi avevano prodotto prove che il Rudapithecus hungaricus era un parente delle scimmie africane odierne e degli esseri umani parte del gruppo degli ominidi, una conclusione sorprendente per una specie che viveva in Europa.

I ricercatori hanno confrontato le ossa iliache e in generale tra il bacino e la parte inferiore della schiena di Rudapithecus hungaricus, scimmie africane moderne ed esseri umani moderni. Questo confronto mostra una serie di differenze tra le varie specie e alcune similitudini tra quelle di Rudapithecus hungaricus e di umani. Ciò suggerisce che la postura bipede si sia evoluta da specie più simili al Rudapithecus hungaricus perché le scimmie africane moderne hanno un bacino lungo e una parte inferiore della schiena corta tipicamente camminano a quattro zampe quando sono al suolo mentre gli umani hanno un bacino più corto e una parte inferiore della schiena più lunga e flessibile, più adatti alla postura bipede.

Carol Ward ha dichiarato che il prossimo passo della ricerca consisterà nel condurre un’analisi tridimensionale di altre parti fossile del Rudapithecus hungaricus per avere un’idea più completa di come si muovesse. È una ricerca che fa parte di quella più ampia riguardante l’evoluzione degli esseri umani, in questo caso in particolare della postura bipede, e dei tempi relativi alla diversificazione rispetto alle scimmie antropomorfe.

Ricostruzione artistica di Rudapithecus hungaricus (Immagine cortesia John Siddick)
Ricostruzione artistica di Rudapithecus hungaricus (Immagine cortesia John Siddick)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *