Fantasy

Blog che parlano di fantasy

George R. R. Martin nel 2017

George Raymond Martin, questo è il suo nome di nascita, è nato il 20 settembre 1948 a Bayonne, nel New Jersey, negli USA. Aggiunse anni dopo il nome Richard, che scelse come nome di cresima.

Fin da quand’era bambino, George R. R. Martin mostrò la sua voglia di scrivere racconti e in quegli anni lesse moltissime storie di fantascienza, fantasy e horror degli anni precedenti diventando anche fan dei fumetti Marvel. Attraverso le lettere dei lettori pubblicate sui fumetti, entrò in contatto con il fandom e con varie fanzine, dove pubblicò una serie di racconti.

Dopo anni passati a lavorare soprattutto per la televisione, anche con vari progetti non andati a buon fine, George R. R. Martin si stufò, anche per i limiti imposti da budget e dalla lunghezza rigida degli episodi televisivi. All’inizio degli anni ’90 cominciò a scrivere una saga fantasy che in origine era una trilogia ma successivamente venne espansa per sviluppare meglio la storia: nel 1996 venne pubblicato “Il gioco del trono” (“A Game of Thrones”), il primo romanzo della saga che ha aumentato enormemente la fama dell’autore.

Tim Burton nel 2012

Timothy Walter Burton è nato il 25 agosto 1958 a Burbank, in California, negli USA.

Appassionato di cinema fin da quand’era bambino, Tim Burton cominciò ben presto a sperimentare con le animazioni e con una telecamera a 8 millimetri. Per imparare i segreti della regia guardava molti film di vari generi ma in particolare guardava horror come quelli della Hammer e adattamenti delle storie di Edgar Allan Poe, un autore che gli piaceva molto, interpretati da Vincent Price.

Tim Burton è un regista con uno stile unico con storie fantastiche che hanno protagonisti tipicamente disadattati ed eccentrici spesso tra la vita e la morte raccontate da prospettive davvero speciali.

The Terror, conosciuto anche come La scomparsa dell'Erebus, di Dan Simmons

Il romanzo “The Terror”, conosciuto anche come “La scomparsa dell’Erebus” (“The Terror”) di Dan Simmons è stato pubblicato per la prima volta nel 2007. In Italia è stato pubblicato da Mondadori come “La scomparsa dell’Erebus” in “Omnibus” e come “The Terror” in “Oscar fantastica” nella traduzione di G.L. Staffilano.

Nell’ottobre 1847 le navi britanniche HMS Erebus e HMS Terror, salpate nel 1845 per una spedizione che si propone di essere la prima ad attraversare l’ultimo tratto del passaggio a Nord-Ovest, sono bloccate nei ghiacci artici. A causa del tempo più freddo del normale, nel corso dell’estate non hanno potuto muoversi e la prospettiva è quella di dover trascorrere un altro inverno nella stessa situazione.

Le insidie nell’artico sono molte e i marinai cominciano a morire per cause da accertare. Oltre alle minacce dovute alle condizioni ambientali naturali, qualcos’altro ha cominciato ad attaccare gli equipaggi, una strana creatura che sembra un orso polare gigante ma dimostra un’intelligenza superiore.

Robert Sheckley

Robert Sheckley nacque il 16 luglio 1928 a Brooklyn, New York, negli USA.

Dopo essersi laureato alla New York University nel 1951, Robert Sheckley riprese a fare vari lavori, anche per mantenere la famiglia nata dopo il suo primo matrimonio e la nascita del figlio Jason. Cominciò anche a fare lo scrittore di fantascienza vendendo il suo primo racconto, “Il giudizio universale” (“Final Examination”), alla fine del 1951 alla rivista “Imagination”.

L’umorismo di Robert Sheckley, con forti elementi di satira, lo resero celebre fin dall’inizio della sua carriera, anche grazie al fatto che nei racconti riusciva a sfruttarli con maggiore intensità. Vari suoi racconti sono stati adattati in maniera più o meno fedele per radio, televisione e cinema. È un autore che è stato famoso tra i lettori e ha anche ispirato autori di generazioni successive.

Il racconto breve “Il trattamento etico della carne” (“The Ethical Treatment of Meat”) di Claude Lalumière è stato pubblicato per la prima volta nel 2003. In Italia è stato pubblicato da Future Fiction all’interno dell’antologia in italiano e inglese “Other Persons – Altre persone” nella traduzione di Fiorella Moscatello.

Raymond e George pensano che adottare un ciccioso possa essere una buona idea per la loro famiglia. Non è una scelta facile dato che sono i primi a farlo nel loro vicinato. Quella moda crescente porta però anche qualche problema sociale perché le persone più radicali non ritengono giusto mangiare il cervello di un ciccioso quando è cresciuto.