Ultima genesi di Octavia Butler

Ultima genesi di Octavia Butler
Ultima genesi di Octavia Butler

Il romanzo “Ultima genesi” (“Dawn”) di Octavia Butler è stato pubblicato per la prima volta nel 1987. È il primo libro della trilogia della Xenogenesi. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nel n. 1058 di “Urania” e nel n. 202 di “Urania Collezione” nella traduzione di Gaetano Staffilano.

Quando Lilith si risveglia in quella che sembra la cella di una prigione, pensa che sia passato poco tempo dalla guerra atomica che ha devastrato la Terra. Una voce le fa domande che a volte le sembrano senza senso e la cosa va avanti per un tempo che non riesce a valutare. La confusione sfocia nel panico quando viene visitata di persona da un essere chiaramente non umano.

A Lilith viene spiegato che la guerra atomica ha portato l’umanità sull’orlo dell’estinzione ma gli Oankali, come gli alieni chiamano se stessi, sono riusciti a salvare una piccola quantità di umani portandoli sulla grande astronave aliena, dove Lilith è rimasta per 250 anni in animazione sospesa. Gli umani ritenuti adatti verranno addestrati e riportati sulla Terra per farla rinascere ma i loro figli saranno in parte alieni.

Tra gli anni ’70 e ’80 Octavia Butler aveva scritto i romanzi del ciclo dei Patternisti in cui sviluppava una serie di temi che andavano da quelli sociali legati a sesso e razza ad altri legati a modifiche degli esseri umani tramite biotecnologie per esplorare la natura umana con una serie di problemi etici e morali. L’autrice riprese parecchi di quei temi sviluppandoli da premesse ben diverse in quello che divenne la trilogia della Xenogenesi, in cui l’umanità si è quasi autodistrutta in una guerra atomica e i pochi superstiti sono alla mercé degli alieni che li hanno salvati.

Gli Oankali sono realmente alieni non solo per le differenze nel loro aspetto ma anche perché hanno tre sessi – maschio, femmina e ooloi – e una psicologia diversa da quella umana. Si tratta di uno dei problemi che i personaggi umani devono affrontare nei loro rapporti con questi alieni. Essi sono maestri nelle biotecnologie e quando incontrano specie primitive ne assorbono alcune caratteristiche genetiche. Nel loro intervento sulla Terra salvano la specie umana dall’estinzione ma intendono modificare gli umani prima di permettere loro di tornare sulla Terra.

Il progetto degli Oankali non tiene conto dei desideri degli umani superstiti e il problema della comunicazione tra le due specie permea tutto il romanzo. L’isolamento iniziale di Lilith viene visto come un imprigionamento e gli alieni vengono visti più come rapitori che come salvatori dagli umani, che sono costretti ad adattarsi se vogliono tornare sulla Terra.

Il cambiamento è un elemento chiave di “Ultima genesi”. Gli Oankali cambiano se stessi in continuazione assorbendo certe caratteristiche di altre specie che incontrano. Gli esseri umani, anche dopo essere arrivati sull’orlo dell’estinzione, sembrano voler continuare sulla stessa strada che li ha portati in quella situazione.

“Ultima genesi” è un romanzo molto introspettivo in cui, soprattutto attraverso la storia di Lilith, vengono esaminate le emozioni umane e le loro reazioni nei rapporti tra esseri umani e con gli Oankali. Per questo motivo il ritmo è generalmente lento ma può raggiungere notevoli picchi di intensità emotiva. Il ritratto del genere umano che ne viene fuori non è molto positivo, anche per il punto di vista esterno che viene espresso dagli Oankali. Octavia Butler mette brutalmente in risalto certi difetti degli umani che portano al rischio di autodistruzione.

“Ultima genesi” ha un finale aperto perché Octavia Butler ha continuato la storia nei seguiti, in cui sviluppa ulteriormente i vari temi. È un romanzo relativamente breve ma le pagine sono davvero piene di sostanza. Non è una lettura facile perché è complesso e certe descrizioni dei rapporti tra esseri umani e tra umani e Oankali possono disturbare. Se la prospettiva di dover leggere i seguiti per completare la storia non è un problema e non avete paura di affrontare i lati oscuri dell’umanità ne raccomando la lettura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *