Doctor Who – Attack of the Cybermen

Doctor Who - Attack of the Cybermen
Doctor Who – Attack of the Cybermen

“Attack of the Cybermen” è la prima avventura della ventiduesima stagione della serie classica di “Doctor Who” trasmessa nel 1985. Segue “The Twin Dilemma” ed è composta da due parti, scritta da Paula Moore e diretta da Matthew Robinson.

La storia

Il Sesto Dottore (Colin Baker) si è più o meno ripreso dalla rigenerazione e ha deciso di riparare il “circuito camaleonte” del Tardis. Il primo risultato però è che il Tardis si comporta in maniera anomala. Il Dottore riesce comunque a guidarlo verso la Terra del 1985 e a mostrare a Peri (Nicola Bryant) la cometa di Halley nel periodo in cui sta passando vicino al Sole.

Sulla Terra, l’ex mercenario Lytton si è dato alle rapine e ha trovato dei complici per rubare diamanti per un valore di vari milioni di sterline. Il piano è di entrare nella banca in cui i diamanti sono custoditi passando per le fogne ma trovano qualcosa di ben diverso da ciò che cercavano. Lytton attiva un trasmettitore che emette un segnale che viene captato dal Tardis e il Dottore decide di andare a investigare.

Extra

Questo DVD contiene una buona quantità di extra. Sono presenti contenuti tipici come una galleria di immagini tratte da quest’avventura, i sottotitoli della produzione, i Radio Time Listings e un promo dei DVD di “Doctor Who” pubblicati prossimamente.

Sono presenti nella traccia audio alternativa degli episodi commenti all’avventura da parte dei protagonisti Colin Baker e Nicola Bryant e degli attori Terry Molloy e Sarah Berger.

The Cold War. Un documentario di quasi 28 minuti sulla produzione di quest’avventura.

The Cyber Story. Una storia dei Cybermen nella serie classica di “Doctor Who”.

Human Cyborg. Un’intervista al Professor Kevin Warwick, che sta cercando di sviluppare veri cyborg. Essere associati ai Cybermen non è molto positivo ma qualcuno potrebbe interessarsi alle reali possibilità che ci aspettano in un futuro prossimo.

The Cyber-Generations. Una galleria che mostra l’evoluzione dei Cybermen nel corso della serie. È un po’ ridondante considerato che segue un extra dedicato alla loro storia ma questo è concentrato sul loro aspetto.

Trails and Continuity. Vari annunci della BBC dell’epoca in cui quest’avventura venne trasmessa per la prima volta.

Isolated Score. L’opzione per guardare quest’avventura con la colonna sonora di Malcolm Clarke in una traccia isolata.

Tra i file in formato PDF inclusi nel DVD c’è anche un articolo dalla rivista “The Listener” di Kit Pedler, uno dei creatori dei Cybermen.

C’è anche un “uovo di Pasqua”.


Dopo il successo del ritorno dei Cybermen dopo diversi anni in “Earthshock”, il produttore John Nathan-Turner e lo script editor Eric Saward intendevano sfruttarli ancora per iniziare la nuova stagione. Saward voleva scrivere lui stesso la nuova sceneggiatura ma il suo ruolo di script editor gli avrebbe portato le ire del sindacato degli sceneggiatori perché intendeva scrivere anche la sceneggiatura per l’avventura finale della stagione.

Alla fine, il nome nei crediti di “Attack of the Cybermen” è quello di Paula Moore ma sui reali contributi al lavoro ci sono varie versioni non molto coerenti tra di loro. Ian Levine, che aveva già collaborato alla produzione di “Doctor Who” in vari modi e aveva anche sottoposto varie idee per possibili avventure, venne coinvolto e suggerì varie idee.

Per scrivere la sceneggiatura, Eric Saward contattò Paula Woolsey, con cui aveva rapporti personali, ma non è chiaro quanto lei abbia realmente lavorato alla storia. Molti sospettano che in realtà la sceneggiatura sia stata scritta da Saward anche se lui l’ha sempre negato.

A prescindere da come siano andate le cose, la sceneggiatura dell’avventura che divenne “Attack of the Cybermen” si basa in parecchi modi su eventi mostrati in serial precedenti, arrivando fino all’inizio della serie classica. Il Dottore e Peri arrivano a Londra e si trovano in un posto che dovrebbe essere lo stesso da cui tutto iniziò in “An Unearthly Child“. Ci sono anche vari riferimenti a precedenti storie in cui c’erano i Cybermen, a cominciare da quella in cui esordirono, “The Tenth Planet“.

Oggi molti fan sono in grado di riconoscere quei riferimenti se hanno visto la serie classica in DVD o comunque possono andare su Internet a cercare informazioni su di esse. All’epoca però solo i fan di lunga data erano in grado di riconoscerle e molti altri dovettero rimanere perplessi. Era molto più probabile che avessero visto “Resurrection of the Daleks“, in cui apparve per la prima volta il personaggio del mercenario Lytton.

Un elemento storico conosciuto da tutti è invece il fatto che all’esterno il Tardis ha l’aspetto di una cabina telefonica della polizia. Occasionalmente, il Dottore spiega a qualcuno che ne è incuriosito che normalmente un Tardis si mimetizza ma a causa di un guasto il suo Tardis è rimasto bloccato con quell’aspetto. John Nathan-Turner ebbe l’idea di far tentare al Dottore di riparare quel guasto per permettere al Tardis di cambiare aspetto sapendo che i media ne avrebbero parlato. Insomma, c’erano dietro puri motivi pubblicitari, infatti la cosa finì con quest’avventura.

Con l’inizio della ventiduesima stagione, “Doctor Who” tornò a essere trasmesso al sabato pomeriggio ma i serial vennero divisi in episodi di circa 45 minuti e non di 25 com’era stato fatto fino a quel momento. Questo cambio di formato offrì la possibilità di gestire in maniera più complessa lo sviluppo di trama e personaggi all’interno dello stesso episodio.

In “Attack of the Cybermen”, la maggiore lunghezza del primo episodio offrì la possibilità di sviluppare parallelamente il Sesto Dottore, con la sua ricerca di una stabilità e il nuovo rapporto con Peri, e la trama riguardante Lytton e i suoi complici ingaggiati per quella che dovrebbe essere una rapina.

Il Sesto Dottore è molto diverso dal Quinto e soprattutto inizialmente non è esattamente simpatico. Anche dopo aver visto “The Twin Dilemma”, per gli spettatori dell’epoca non dev’essere stato facile abituarsi a lui. In qualche modo, è il problema di Peri, per la quale quel cambiamento è stato particolarmente traumatico.

Quando il Tardis capta il segnale inviato da Lytton, il Dottore e Peri vanno a indagare sulla sua origine e la trama va verso il suo principale sviluppo, ambientato sul pianeta Telos. Anche in questo caso, c’è un collegamento con il passato, nello specifico con l’avventura “The Tomb of the Cybermen“, ambientata su quel pianeta.

In “Attack of the Cybermen” c’è un ulteriore sviluppo perché vengono introdotti i Cryon, i nativi di Telos. La loro presenza diventa importante nella trama anche se forse vi aggiunge fin troppa complessità perché la storia dei Cryon si aggiunge a quella dei Cybermen e a quella di Lytton rendendo il secondo episodio un po’ caotico.

Tuttavia, le lamentele principali in genere riguardano i livelli di violenza presenti in quest’avventura, che da questo punto di vista è davvero il seguito di “Resurrection of the Daleks”. Indubbiamente la storia è brutale con molte morti violente e toni davvero cupi, anche per le immagini delle conversioni in Cybermen, e c’è perfino il Dottore che spara ai Cybermen.

In “Doctor Who” si trattava di uno stile fuori dal normale, anche se in quegli anni diventò una tendenza con le inevitabili critiche. Personalmente non mi disturba vedere un’avventura con toni così cupi ma capisco che per qualcuno trovare un programma del genere al sabato pomeriggio possa essere un problema.

In ogni caso, questa nuova apparizione dei Cybermen lasciò il segno, forse anche oltre “Doctor Who”. Ci sono spesso discussioni su quanto i Cybermen abbiano influenzato i Borg di Star Trek e in quest’avventura vengono mostrate le “alcove” e la conversione, elementi che si aggiungono alle frasi tipiche, tutte curiose similitudini tra Cybermen e Borg.

Anche per quanto riguarda i Cryon mi chiedo se abbiano lasciato il segno oltre “Doctor Who”. Il fatto che siano interpretati da donne e la loro gestualità mi fanno sembrare i Cryon di Telos simili ai Taelon della serie “Pianeta Terra – Cronaca di un’invasione” (“Earth: Final Conflict”). Certo, la storia dei Taelon viene sviluppata in maniera completamente diversa ma alcune caratteristiche di fondo sembrano riprese dai Cryon.

Possibili ispirazioni a parte, secondo me “Attack of the Cybermen” è complessivamente una buona avventura nonostante un secondo episodio un po’ caotico. Gli extra nel DVD mi sono sembrati in generale di buon livello e interessanti perciò se non vi disturbano i serial violenti ve ne consiglio l’acquisto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *