La doppia faccia degli UFO o L’enigma dei visitatori di Ian Watson

La doppia faccia degli UFO, conosciuto anche come L'enigma dei visitatori, di Ian Watson
La doppia faccia degli UFO, conosciuto anche come L’enigma dei visitatori, di Ian Watson

Il romanzo “La doppia faccia degli UFO”, conosciuto anche come “L’enigma dei visitatori”, (“Miracle Visitors”) di Ian Watson è stato pubblicato per la prima volta nel 1978. In Italia è stato pubblicato come “L’enigma dei visitatori” dall’Editrice Nord nel n. 298 di “Cosmo Argento” nella traduzione di Viviana Viviani e da Mondadori come “La doppia faccia degli UFO” nel n. 781 di “Urania” e nel n. 180 di “Urania Collezione” nella traduzione di Beata Della Frattina. Quest’ultima edizione è disponibile anche in formato Kindle su Amazon Italia e Amazon UK e in formato ePub su IBS.

Michael Peacocke è un ragazzo quando ha avuto un’esperienza di rapimento alieno. Quando lo psicologo John Deacon lo sottopone a un trattamento ipnotico i ricordi di quegli eventi emergono pienamente ma il dottor Deacon li interpreta come una fantasia sessuale distorta, non credendo che si tratti di ricordi reali.

Quando strane cose cominciano ad accadere al dottor John Deacon, lui è costretto a rivedere la sua interpretazione del racconto di Michael Peacocke. Tuttavia la situazione sembra farsi più confusa invece di chiarirsi. Cos’hanno a che fare quegli eventi con un gruppo religioso egiziano?

“La doppia faccia degli UFO” comincia come una storia di rapimenti alieni quando lo psicologo John Deacon usa l’ipnosi per indurre stati di coscienza alterata in uno dei suoi pazienti, il quale gli racconta la strana storia di un incontro con visitatori extraterrestri. Tuttavia, quello è solo l’inizio e ben presto la trama comincia ad andare ben oltre il folklore ufologico.

Inizialmente, la psicologia viene usata da John Deacon per fornire una spiegazione razionale al racconto di Michael Peacocke interpretandolo in chiave sessuale. Quando però lo psicologo comincia ad avere esperienze personali sempre più bizzarre, le interpretazioni freudiane lasciano il passo alle idee espresse da Carl Jung riguardo al fenomeno UFO o almeno una parte di esse.

I risultati delle indagini di John Deacon sembrano contraddittorie e la trama procede nell’ambiguità, con i possibilit visitatori alieni che in un capitolo sembrano realtà e nel successivo sembrano illusione. È un modo di sviluppare una storia usato varie volte da Ian Watson nel corso della sua carriera perché si tratta di un autore che spesso racconta in vari modi i limiti e le ambiguità di ciò che percepiamo come realtà.

Nel caso di “La doppia faccia degli UFO”, il tentativo di espandere la percezione della realtà di John Deacon viene portato avanti tramite sofisticate tecniche ipnotiche ma nel corso del romanzo vengono aggiunti elementi mistico-religiosi. Una sottotrama ambientata in Egitto inizia in modo indipendente aggiungendo un nuovo livello di consapevolezza di un fenomeno che a quel punto chiamare semplicemente ufologia è fortemente riduttivo.

Alla fine, Ian Watson usa vari strumenti conoscitivi per analizzare diverse facce del fenomeno al centro della storia. Per certi versi, è la storia dell’elefante e dei ciechi che toccano diverse parti dell’animale dandone descrizioni apparentemente contraddittorie che devono essere messe assieme nel modo giusto per fornire un risultato sensato. L’autore fornisce abbondanti descrizioni sviluppate dai vari punti di vista esposti nel romanzo con il risultato che esso è soprattutto orientato alle idee con molte speculazioni.

Per queste sue caratteristiche, “La doppia faccia degli UFO” è un romanzo di notevole complessità raccontato su vari livelli narrativi. Il ritmo tende a essere lento proprio perché vengono continuamente fornite nuove informazioni, soprattutto tramite dialoghi tra alcuni dei personaggi.

Per certi versi è un prodotto degli anni ’70 anche se Ian Watson non è mai stato il tipico rappresentante del movimento della New Wave, che era importante all’epoca ma lo influenzò solo in parte. Questo romanzo mostra come l’autore sia poco legato in generale a generi e sottogeneri e preferisca sviluppare le sue storie prendendo gli elementi che gli sembrano utili a prescindere dalle etichette.

Nel suo complesso, “La doppia faccia degli UFO” mi è sembrato piuttosto pesante e non molto omogeneo. Ian Watson riesce sempre a inserie qualche idea intrigante nei suoi romanzi ma a volte l’insieme di tante idee finisce per essere più un difetto che un pregio perché rende impossibile svilupparle tutte adeguatamente in storie di lunghezza limitata. In questo romanzo in particolare quell’insieme sembra un minestrone mescolato in modo neppure omogeneo.

Qualche anno dopo, Ian Watson ha pubblicato “Creatura del fuoco“, un romanzo che, connotazioni horror a parte, ha alcuni elementi in comune con “La doppia faccia degli UFO”, difetti compresi. Sono romanzi che possono piacere a chi apprezza i temi contenuti e storie molto basate sulle idee.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *