A Quantum Murder di Peter F. Hamilton

A Quantum Murder di Peter F. Hamilton
A Quantum Murder di Peter F. Hamilton

Il romanzo “A Quantum Murder” di Peter F. Hamilton è stato pubblicato per la prima volta nel 1994. È il secondo della trilogia di Greg Mandel e segue “Mindstar Rising“. È inedito in Italia.

Il Professor Edward Kitchener ha vinto ben due premi Nobel ed è uno degli scienziati più celebri del mondo ma continua anche la sua attività di insegnante universitario. In particolare è una sorta di mentore per studenti dotati di capacità superiori. È anche noto per fornire “lezioni particolari” alle studentesse.

Quando Edward Kitchener viene ucciso in un modo particolarmente brutale che ricorda il modus operandi di un serial killer rinchiuso da anni in un manicomio criminale, per la polizia inglese il caso è molto scottante. Kitchener stava lavorando anche a un progetto per la Event Horizon e per vederci chiaro la proprietaria dell’azienda Julia Evans chiede l’aiuto di Greg Mandel.

La trilogia di Greg Mandel è ambientata in un futuro piuttosto vicino in una Gran Bretagna devastata da anni di dittatura del Partito Socialista Popolare. La situazione in questo futuro è resa peggiore dal riscaldamento globale che ha causato seri problemi al territorio. Mandel è un veterano di guerra che ha fatto parte di una brigata molto speciale chiamata Mindstar i cui membri sono stati sottoposti a modifiche fisiologiche per aumentarne le potenziali capacità psichiche.

“A Quantum Murder” è ambientato circa due anni dopo gli eventi di “Mindstar Rising”. Greg Mandel ha smesso di fare l’investigatore privato e si è sposato con Eleanor ma quando Julia Evans gli chiede di indagare sull’omicidio del professor Edward Kitchener non può dirle di no. Di conseguenza, deve nuovamente fare ricorso alle capacità acquisite nell’esercito e lavorare assieme alla polizia, dove non tutti sono contenti della sua presenza, di fatto imposta grazie al potere economico della Event Horizon.

La partecipazione di Edward Kitchener a un progetto della Event Horizon apre la possibilità di un caso di spionaggio industriale con un tentativo di coprirlo con un modo particolarmente brutale di uccidere la vittima che riproduce quello di un serial killer. Al centro di tutto c’è comunque un giallo fantascientifico in cui i primi sospetti sono alcuni studenti, i membri di un piccolo gruppo selezionatissimo sotto la tutela diretta del loro insegnante.

Fin dall’inizio, Peter F. Hamilton mostra di aver creato questi personaggi ognuno con la propria personalità individuale con diverse reazioni all’omicidio del loro insegnante e durante gli interrogatori della polizia e di Greg Mandel. Edward Kitchener non era solo il loro insegnante ma ciò che emerge è che per loro era una sorta di leader carismatico che, pur essendo tutt’altro che un giovanotto, intratteneva abitualmente relazioni sessuali con le sue studentesse.

I personaggi hanno pregi e difetti con la conseguenza che si sono creati rapporti interpersonali piuttosto complessi e non sempre facili. Tutto ciò rende l’indagine più complessa nonostante le capacità di Greg Mandel e la situazione sembra peggiorare quando né lui né i poliziotti sembrano riuscire a trovare indizi che permettano di arrivare a una svolta. Decisioni difficili portano a scoperte che sembrano contraddire ciò che sembrava accertato.

Il giallo è basato su una serie di elementi fantascientifici perciò il lettore deve prestare attenzione a varie tecnologie descritte nel corso del romanzo. Peter F. Hamilton semina vari indizi che possono permettere al lettore attento di capire chi possa essere il colpevole. In sostanza, l’autore non si è limitato a scrivere una storia di fantascienza attorno a un omicidio ma ha cercato di mettere le carte in tavola cercando di evitare un’eccessiva complessità tecnico-scientifica.

Questa storia viene sviluppata nella cornice già usata in “Mindstar Rising” e l’ambientazione è fondamentale anche in “A Quantum Murder”. Peter F. Hamilton inserisce in continuazione dettagli e commenti dei personaggi riguardo alle conseguenze dei cambiamenti climatici. Continua anche a inserire riferimenti alla dittatura che ha devastato l’ex Regno Unito e alcune conseguenze sono importanti nel corso dell’indagine di Greg Mandel.

Questo romanzo contiene momenti d’azione ma l’investigazione si svilluppa soprattutto attraverso conversazioni tra personaggi alla ricerca di indizi e di ragionamenti che possano portare a qualche svolta. La conseguenza è che il ritmo tende a essere piuttosto lento e la tensione deriva dalle difficoltà dell’indagine con una serie di rapporti interpersonali non facili.

“A Quantum Murder” mostra anche l’evoluzione nei protagonisti e nei rapporti tra di loro. Sono tutt’altro che perfetti e ad esempio il carattere di Greg Mandel è tutt’altro che facile e Julia Evans è maturata ma presta ancora molta attenzione ai commenti su ciò che indossa nelle occasioni pubbliche.

Complessivamente, “A Quantum Murder” mi è parso un buon giallo fantascientifico che sfrutta bene il futuro già descritto in “Mindstar Rising”. Il secondo romanzo è indipendente dal primo ma per apprezzare al meglio i protagonisti e il loro universo narrativo è meglio leggerli entrambi. Se vi piace questo tipo di storie ve ne consiglio la lettura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *