Moderni stromatoliti sono stati scoperti per la prima volta in Tasmania

Stromatoliti scoperti in Tasmania (Foto cortesia Proemse et al)
Stromatoliti scoperti in Tasmania (Foto cortesia Proemse et al)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Scientific Reports” descrive la scoperta di moderni organismi che generano stromatoliti, tra i più antichi organismi vissuti sulla Terra, in Tasmania, in un’area della cosiddetta Tasmanian Wilderness, considerata Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO. Nel corso dell’esplorazione di aree umide carsiche, un gruppo di ricercatori si è imbattuto in questi rari organismi, i primi scoperti in Tasmania e quindi utili a capire l’evoluzione e la quasi sparizione di organismi anticamente molto comuni.

I microrganismi che generano le stromatoliti sono simili a quelli che nel Precambriano erano molto abbondanti e che hanno generato l’ossigeno nell’atmosfera primordiale della Terra. Le stromatoliti sono strutture sedimentarie il cui nome deriva dall’unione delle parole greche che significano “tappeto” e “pietra” perché si formano da accumuli generati da tappeti di microrganismi. Oggi però quegli organismi sono rari, di solito in ambienti abbastanza estremi tra cui l’area di Hamelin Pool, a Shark Bay, in Australia, ma finora erano sconosciuti in Tasmania.

Un team di ricercatori guidati dal professor Allen Nutman della University of Wollongong (UOW) in Australia ritiene di aver trovato stromatoliti fossili risalenti a ben 3,7 miliardi di anni fa, che sarebbero i più antichi finora trovati. Tuttavia, questa scoperta ha fatto nascere una controversia e si attendono i risultati di nuovi studi per capire meglio la natura di quei fossili.

Le analisi del DNA degli organismi scoperti in Tasmania mostra che si tratta di una comunità diversa dalle altre conosciute. La comunità batterica è dominata da cianobatteri, Alphaproteobacteria e una proporzione insolitamente elevata di Chloroflexi, seguita da Armatimonadetes e Planctomycetes. L’ecosistema nato in una valle remota è unico e dipende da particolari condizioni ambientali.

I ricercatori hanno fatto notare che si tratta di un ambiente inusuale per gli organismi che generano le stromatoliti con le sue temperature fresche e acqua dolce. I flussi d’acqua piena di minerali potrebbero costituire un fattore fondamentale per la loro sopravvivenza in quell’area, anche perché sono invece sfavorevoli ad altre forme di vita che potrebbero nutrirsi di quegli organismi.

Questa scoperta suggerisce nuove possibilità riguardo agli ambienti in cui gli organismi che generano stromatoliti possono vivere oggi. I ricercatori ritengono che questo sia un punto di inizio per nuove indagini su queste possibilità per capire meglio anche la storia di questi antichissimi organismi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *