The Long Earth di Terry Pratchett e Stephen Baxter

The Long Earth di Terry Pratchett e Stephen Baxter
The Long Earth di Terry Pratchett e Stephen Baxter

Il romanzo “The Long Earth” di Terry Pratchett e Stephen Baxter è stato pubblicato per la prima volta nel 2012. È il primo libro della serie The Long Earth. È al momento inedito in Italia.

Quando le istruzioni per costruire un’apparecchiatura che permette di spostarsi in un universo parallelo vengono rese pubbliche su Internet, per l’umanità si apre una nuova frontiera. Chiunque può farlo e sembrano esserci infiniti universi paralleli dove la Terra è simile ma con alcune differenze e in nessuna di esse si sono evoluti esseri umani.

Quando un essere umano si sposta in un universo parallelo avverte nausea ma Joshua Valienté costituisce un’eccezione. Viene ingaggiato per partecipare a una spedizione di esplorazione delle Terre parallele assieme a un compagno davvero unico, Lobsang, un’intelligenza artificiale che sostiene di essere la reincarnazione di un essere umano.

Negli anni ’80 Terry Pratchett aveva scritto il racconto breve “The High Meggas”, in cui gettava le basi per la serie The Long Earth ma di lì a poco il suo romanzo “Il colore della magia” (“The Colour of Magic”) venne pubblicato ed ebbe successo. Ciò spinse l’autore a concentrare i suoi sforzi sulla serie del Mondo Disco. Solo dopo molti anni una serie di circostanze lo portò a riprendere quell’idea e a svilupparla non da solo bensì assieme al collega Stephen Baxter.

“The Long Earth” si basa sul classico concetto degli universi paralleli in cui ci sono versioni della Terra un po’ diverse dalla nostra. Passare da un universo a un altro è facile ma diventa normale solo quando qualcuno pubblica su Internet le istruzioni per costruire un’apparecchiatura semplice che richiede solo un’adeguata concentrazione per essere assemblata.

Il romanzo racconta le conseguenze dell’apertura di questa nuova frontiera nel corso dei primi anni ma è soprattutto la storia di Joshua Valienté e del suo viaggio attraverso le Terre parallele assieme a Lobsang. Questo viaggio porta alla scoperta non solo di moltissime altre Terre ma anche ma anche di tante informazioni che mostrano una situazione più complessa di quanto sembrasse all’inizio.

Si tratta di un viaggio in tutti i sensi perché nel corso del romanzo Terry Pratchett e Stephen Baxter espandono non solo le conoscenze delle Terre alternative ma allo stesso tempo offrono nuove informazioni sulla storia di Joshua Valienté e sulle conseguenze che l’apertura della nuova frontiera ha sulla Terra degli esseri umani.

All’inizio del romanzo vengono raccontate le circostanze della nascita di Joshua Valienté, che aiutano a capire perché abbia capacità speciali di passare da una Terra a quella successiva. Anche per le persone normali questo tipo di viaggio è facile ma comporta una certa nausea. Una piccola parte della popolazione però rivela una fobia e vede in maniera sempre più negativa quelli che vanno a cercare fortuna in altre Terre.

In “The Long Earth” il viaggio è decisamente più importante della destinazione e in effetti si può dire che non esista una reale destinazione. Joshua Valienté e Lobsang continuano a spostarsi di Terra in Terra ma gli unici esseri umani che incontrano sono originari dalla loro Terra. In alcune Terre altre specie si sono evolute fino a raggiungere livelli di intelligenza più o meno elevate.

Allo stesso tempo, molti altri esseri umani decidono di stabilirsi su una delle Terre parallele. Ciò ha una serie di conseguenze sociali e anche politiche per chi decide di non emigrare o è affetto da fobia e deve rimanere sulla Terra degli esseri umani. Dopo alcuni anni quelle conseguenze cominciano a essere davvero profonde e le idee connesse a questi fenomeni vengono sviluppate in una delle sottotrame.

Ho trovato “The Long Earth” molto intrigante per le tante idee sviluppate a partire dal concetto classico degli universi paralleli. Non necessariamente una collaborazione tra due grandi scrittori dà buoni risultati ma secondo me questo è un caso di successo in cui le capacità di entrambi aggiungono qualcosa alla storia.

Quando avevo scoperto l’esistenza di questa serie mi ero chiesto cosa sarebbe uscito dalla collaborazione di uno scrittore come Terry Pratchett, celebre soprattutto nel campo fantasy, e Stephen Baxter, uno degli autori più importanti di fantascienza “hard”. Leggendo “The Long Earth” ho avuto a volte la sensazione di leggere una storia dai toni fantasy che però contiene elementi scientifici e tecnologici.

Proprio perché il viaggio, in tutte le sue accezioni, è al centro della storia ci sono molte descrizioni. Non è un romanzo d’azione anche se ci sono alcuni eventi decisamente intensi ma spesso si tratta di incontri con molti dialoghi tra vari personaggi. Spesso ci sono dialoghi tra Joshua e Lobsang, che sembra conoscere molti segreti e li rivela pian piano.

Questo modo scelto da Terry Pratchett e Stephen Baxter di sviluppare la storia può non piacere a chi cerca altri tipi di storia più rapidi e intensi. Personalmente il ritmo spesso lento non mi ha infastidito, soprattutto perché le progressive scoperte mi hanno intrigato. “The Long Earth” è basato molto sulle idee e i loro sviluppi mentre i personaggi vengono spesso caratterizzati rapidamente con alcuni dettagli ben scelti. Joshua Valienté è quello decisamente più sviluppato mentre Lobsang tende a rimanere misterioso.

“The Long Earth” termina con un evento importante che è tutt’altro che una fine. Questo romanzo serve a offrire i primi sviluppi delle varie idee contenute nella serie, i quali continueranno nei seguiti. Se queste idee vi intrigano vi consiglio di leggere questo romanzo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *