I microfossili di Weng’an potrebbero essere alghe e non animali

Acritarco trovato nella formazione Doushantuo (Immagine cortesia John Cunningham, University of Bristol)
Acritarco trovato nella formazione Doushantuo (Immagine cortesia John Cunningham, University of Bristol)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Journal of the Geological Society” descrive una ricerca su fossili risalenti a circa seicento milioni di anni fa ritrovati nella località cinese di Weng’an. Un team di ricercatori guidati dall’Università britannica di Bristol ritiene che potrebbe trattarsi non di alcuni dei più antichi resti di animali mai trovati bensì di alghe.

Nell’area di Weng’an c’è la formazione Doushantuo, caratterizzata da rocce sedimentarie che contengono un’abbondante quantità di fossili in eccellente stato di conservazione. Nei suoi strati sono stati trovati microfossili con un’età che va da 550 a 635 milioni di anni fa, nell’Ediacarano, un periodo geologico per molti versi ancora misterioso. Essi sono fonte di molte discussioni sull’interpretazione degli organismi che vissero a quell’epoca, davvero unici e per questo motivo difficili da ricostruire pienamente partendo da pochi fossili.

Tra i tanti fossili trovati nella formazione Doushantuo ci sono acritarchi, che formano un gruppo molto variegato di microfossili. Molto probabilmente si tratta di organismi eucarioti, cioè composti da cellule complesse come animali, piante e funghi ma la loro classificazione è al momento molto vaga, tanto che formano un gruppo eterogeneo in cui vengono inseriti microfossili non ancora ben identificati.

La notizia positiva è che nella formazione Doushantuo sono stati trovati microfossili molto ben conservati che permettono l’identificazione di strutture subcellulari, compresi i possibili nuclei cellulari. Si tratta di un tipo di identificazione possibile grazie a sofisticate analisi tomografiche ma si tratta delle uniche informazioni disponibili per cercare di capire se si tratti di animali o di organismi di altri tipi. Ciò perché non sono riconoscibili come resti di animali adulti ma solo come cellule singole o gruppi di cellule che possono costituire embrioni o altre parti di organismi.

Vari ricercatori hanno indicato alcune caratteristiche cellulari di fossili scoperti a Weng’an come indizio sulla loro natura animale. Tuttavia, si tratta di caratteristiche comuni anche ad altri gruppi di organismi multicellulari, incluse le alghe. In assenza di elementi che possano provare la loro natura, è impossibile assegnarli a un gruppo specifico.

Questa nuova ricerca offre più domande che risposte mostrando le ambiguità delle caratteristiche degli organismi di Weng’an. È l’ennesima dimostrazione delle difficoltà che i paleontologi stanno incontrando nel capire la natura degli organismi del periodo Ediacarano, così diversi non solo da quelli odierni ma anche da quelli che si sono evoluti nei periodi immediatamente successivi.

Un ulteriore problema a Weng’an è che le operazioni minerarie stanno diventando più intense. Lo scavo di fosfati per la produzione di fertilizzanti potrebbe portare alla distruzione delle rocce contenenti questi microfossili preziosi per comprendere un periodo dell’evoluzione della vita sulla Terra ancora per molti versi misterioso.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *