Forse i primi animali apparsi sulla Terra sono stati i gelatinosi ctenofori

Mertensia ovum, una specie di ctenofori (Foto cortesia Arctic Exploration 2002, Kevin Raskoff, MBARI, NOAA/OER)
Mertensia ovum, una specie di ctenofori (Foto cortesia Arctic Exploration 2002, Kevin Raskoff, MBARI, NOAA/OER)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Ecology & Evolution” offre una risposta alle discussioni su quale sia il più antico gruppo di animali comparso sulla Terra. Secondo un team di biologi evoluzionisti della Vanderbilt University e dell’Università del Wisconsin a Madison gli ctenofori furono i primi animali e non le spugne, come ritengono in molti. Questa conclusione è stata raggiunta confrontando una serie di geni di 18 rami dell’albero genealogico degli esseri viventi usandone 6 di animali, piante e funghi come rami di controllo.

Gli ctenofori (Ctenophora) costituiscono un phylum con un numero ridotto di specie oggi esistenti che però sono molto diversificate. Si tratta di animali marini composti quasi completamente d’acqua e da questo punto di vista assomigliano agli cnidari (Cnidaria), i membri del phylum che include le meduse. A causa del loro corpo soffice e gelatinoso, fossili di ctenofori sono molto rari ma alcuni trovati nell’Argillite di Burgess sono davvero antichi dato che risalgono a circa 500 milioni di anni fa.

Il problema nel comprendere quale gruppo di animali sia stato il primo a comparire sulla Terra è da lungo tempo fonte di discussioni. Tradizionalmente, l’albero genealogico degli animali è stato costruito basandosi sulla valutazione della loro complessità. La semplicità delle spugne ha convinto molti che esse siano state i primi animali ma la crescente diffusione delle analisi genetiche è diventata sempre più importante nelle ricerche biologiche aiutando tra le altre cose a capire le varie parentele in una disciplina chiamata filogenomica.

Nel 2008 uno dei primi studi filogenomici già suggerì che gli ctenofori potessero essere i primi animali comparsi sulla Terra e non le spugne. Fu l’inizio di una controversia in cui diversi ricercatori hanno espresso le loro motivazioni nell’indicare l’uno o l’altro gruppo come il più antico. Poche settimane fa un articolo pubblicato sulla rivista “Cell” indicava le spugne come le più antiche e affermava che indicare gli ctenofori era un errore dovuto alla loro rapida evoluzione molecolare che generava l’impressione di parentele in realtà inesistenti.

Antonis Rokas, professore di scienze biologiche alla Vanderbilt University ha ideato un nuovo metodo di analisi filogenomica assieme a Xing-Xing Shen e all’assistente professore Chris Todd Hittinger dell’Università del Wisconsin a Madison. Secondo loro si tratta di un metodo che ha funzionato molto bene nel 95% dei casi testati ma ha portato a differenze in apparenza inconciliabili nel rimanente 5%.

I ricercatori hanno deciso di concentrarsi su 18 parentele controverse per capire i motivi di quei risultati almeno in apparenza errati. Per fare ciò, hanno cominciato a confrontare singoli geni dei principali candidati in ognuna delle potenziali parentele. Si tratta di un tipo di ricerca che di solito riguarda centinaia di migliaia di geni e i ricercatori hanno determinato quanto ognuno di essi supporti l’ipotesi degli ctenofori o delle spugne come primi animali. Il risultato è che gli ctenofori hanno decisamente più geni che li indicano come primi a divergere dagli altri rispetto alle spugne.

È difficile pensare che i risultati di questa ricerca verranno accettati senza ulteriori discussioni dato che l’argomento è così controverso e il recente articolo pubblicato su “Cell” ha dato risultati opposti. I progressi nelle tecniche genetiche e in discipline come la filogenomica porteranno certamente ad altre ricerche, chissà con quali risultati.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *