Una ricerca filogenomica conferma che le spugne sono gli animali più antichi

Spugna marina della specie Aplysina aerophoba
Spugna marina della specie Aplysina aerophoba

Un articolo pubblicato sulla rivista “Current Biology” descrive una ricerca che attraverso lo stato dell’arte di analisi statistiche ha testato modelli evolutivi comunemente utilizzanti nel campo della filogenetica per capire quale sia il gruppo di animali più antico comparso sulla Terra. Un team di ricercatori ha concluso che si tratta delle spugne (foto ©Yoruno), confermando alcune precedenti ricerche e contraddicendone altre che indicavano gli ctenofori come i più antichi in una controversia che continua da anni.

I progressi nelle analisi genetiche hanno permesso di migliorare notevolmente la comprensione delle parentele tra le varie famiglie di animali, eppure c’è ancora molto da chiarice. Sempre più in questi casi vengono utilizzati termini tecnici connessi a nuove tecnologie che hanno portato questi progressi ma anche una maggior complessità nelle analisi dei dati e nella comprensione delle ricerche che sfruttano le continue novità.

I computer vengono utilizzati da molto tempo per effettuare analisi di dati biologici perciò si parla di bioinformatica. Le ricerche genetiche basate su di essa per l’elaborazione dei dati sono parte di una nuova branca della biologia molecolare che è stata chiamata genomica. Negli ultimi anni, la genomica è stata applicata anche alla filogenetica, lo studio delle varie ramificazioni di un gruppo di organismi, portando alla nascita della filogenomica.

Ricerche filogenomiche sono già state condotte per cercare di capire quale sia il gruppo di animali più antico comparso sulla Terra con esiti diversi. Secondo quella descritta in un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Ecology & Evolution” si tratta degli ctenofori, phylum Ctenophora, ma negli ultimi anni c’è stato una sorta di avanti-e-indietro in questo campo. Le diverse conclusioni sono dovute ai diversi metodi di analisi, che sono diventati più sofisticati nel corso degli anni e si sono basati su maggiori quantità di dati.

In questa nuova ricerca sono stati applicati gli ultimi sviluppi di tecniche statistiche agli insiemi di dati usati nel campo della filogenetica nello studio dell’evoluzione dei primi animali. Vari modelli possibili sono stati creati che descrivono diverse storie evolutive in cui le spugne o gli ctenofori sono emersi per primi con la conseguenza che vi sono diverse parentele tra i vari gruppi di animali.

Nel test effettuato i ricercatori hanno valutato quale ipotesi tra quella che le spugne fossero i primi animali e quella che gli ctenofori lo fossero descrivesse meglio gli insiemi di dati disponibili. Il risultato è che i modelli che descrivono meglio gli insiemi di dati disponibili favoriscono l’ipotesi delle spugne mentre i modelli che non riescono a descrivere gli insiemi di dati favoriscono gli ctenofori.

Secondo i ricercatori questo test costituisce una prova che chiude la discussione ma in questi casi è difficile stabilirlo senza ulteriori conferme. Purtroppo è impossibile cercare prove nei fossili perché gli ctenofori hanno corpi gelatinosi perciò i loro fossili sono rari. Gli scienziati devono ricorrere a ricerche indirette e la conseguenza è che ogni nuovo studio può offrire conclusioni diverse e non si sa se mai arriveranno quelle definitive.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *