Forse la proliferazione delle alghe permise agli animali di emergere oltre 600 milioni di anni fa

Estratto di rocce sedimentarie (Foto cortesia Stuart Hay/ANU)
Estratto di rocce sedimentarie (Foto cortesia Stuart Hay/ANU)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” descrive una ricerca che offre una spiegazione all’apparizione degli animali sulla Terra. Secondo un team di ricercatori guidati dalla Australian National University (ANU) gli animali si sono evoluti al culmine di una serie di eventi. Ci fu la fine del periodo glaciale conosciuto come Terra a palla di neve e la diffusione delle alghe, che diventarono assieme a sostanze semplici una fondamentale fonte di nutrienti che permise a organismi più complessi di emergere.

Per la maggior parte della storia della vita sulla Terra gli organismi sono stati unicellulari ma a un certo punto cominciarono ad apparire organismi più compless. Dopo centinaia di milioni di anni è difficile ricostruire quelle fasi dell’evoluzione. L’apparizione degli animali ha influenzato profondamente la vita sulla Terra ma la scarsità di fossili di quell’epoca remota rende ancora difficile l’analisi di quell’evento.

Il team internazionale che ha compreso ricercatori dell’ANU, dell’Istituto Max Planck per la Biogeochimica e l’Università di Brema in Germania guidato dal professor Jochen Brocks dell’ANU ha studiato tracce di antichi organismi per cercare di capire le ragioni dell’apparizione degli animali. Questi ricercatori hanno trovato qualcosa di interessante a partire da circa 650 milioni di anni fa, l’ascesa della alghe.

Il periodo geologico preso in considerazione per questa ricerca è il Cryogeniano, tra 720 e 635 milioni di anni fa circa. Esso comprende le glaciazioni Sturtiana e Marinoana, epoche in cui secondo una parte dei ricercatori i ghiacci hanno coperto tutto il pianeta trasformandolo in quella che viene chiamata “Terra a palla di neve”. La possibile influenza di quelle glaciazioni sull’evoluzione degli animali è da tempo oggetto di discussione e secondo il team di Jochen Brocks la risposta è positiva.

Secondo i ricercatori la glaciazione Sturtiana ebbe profondi effetti sull’ambiente anche perché i ghiacciai nei loro spostamenti polverizzarono intere montagne rilasciando molte sostanze semplici che, alla fine della glaciazione, finirono nei mari, trasportate dai fiumi. Assieme alla risalita delle temperature, la presenza di quelle sostanze permise alle alghe di proliferare perché molte di essere erano nutrienti.

Quella proliferazione rappresentò un passaggio importante dal dominio degli oceani da parte dei batteri a quello di organismi più complessi. Fu un cambiamento fondamentale perché creò un nuovo tipo di ecosistema in cui non c’erano solo semplici sostanze nutrienti ma anche alghe, un cibo in grado di fornire una maggior quantità di energia.

Quelle alghe non hanno lasciato fossili perciò i ricercatori hanno dovuto cercare altre tracce. Specificamente, analizzando rocce sedimentarie di quell’epoca hanno trovato resti delle molecole lasciate dalla alghe. L’esame mostra la proliferazione delle alghe, ideale perché organismi in grado di cibarsi di esse si evolvessero: gli animali.

Forse i primi animali furono spugne ma ciò è oggetto di discussione perché varie ricerche lo indicano ma c’è chi sostiene che i primi animali furono in realtà i gelatinosi ctenofori. Questa nuova ricerca non dice nulla su questo argomento ma offre nuove idee riguardo all’apparizione degli animali. Le discussioni sono già cominciate e probabilmente continueranno ancora a lungo perché i dati sono limitati e ciò rende difficile la loro interpretazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *