The Walking Dead – settima stagione

Andrew Lincoln nel 2012
Andrew Lincoln nel 2012

Avviso. Questa recensione contiene molti spoiler sulla settima stagione della serie “The Walking Dead”!

Il 2 aprile (il 3 aprile in Italia) è terminata la settima stagione della serie “The Walking Dead”.

La settima stagione è stata prodotta e trasmessa con il formato ormai diventato usuale: 16 episodi dei quali 8 sono stati trasmessi tra ottobre e dicembre 2016 e gli altri 8 tra febbraio e aprile 2017. Per la prima volta c’è stato un vero calo di audience dopo il picco del primo episodio e ciò potrebbe essere un segno che molti spettatori si stanno stufando della serie

La sesta stagione di “The Walking Dead” era finita con la sconfitta del gruppo di Alexandria per mano di Negan e dei suoi Salvatori. Il “cliffhanger” aveva lasciato gli spettatori a chiedersi chi sarebbe stato ucciso da Lucille, la mazza da baseball avvolta nel filo spinato che Negan si porta appresso.

Il primo episodio della settima stagione è uno dei più drammatici di tutta la serie e comincia con la morte di Abraham e Glenn. Daryl, per aver osato tentare di ribellarsi, viene portato via. Rick è costretto a diventare lo schiavetto di Negan per evitare che ci siano altre vittime, a cominciare da Carl.

Il cast della settima stagione di “The Walking Dead” è costituito da:

  • Andrew Lincoln (foto ©Angela George) nel ruolo di Rick Grimes
  • Danai Gurira nel ruolo di Michonne
  • Norman Reedus nel ruolo di Daryl Dixon
  • Chandler Riggs nel ruolo di Carl Grimes
  • Melissa McBride nel ruolo di Carol Peletier
  • Lauren Cohan (foto ©Gage Skidmore) nel ruolo di Maggie Greene
  • Sonequa Martin-Green nel ruolo di Sasha
  • Alanna Masterson nel ruolo di Tara Chambler
  • Josh McDermitt nel ruolo di Eugene Porter
  • Christian Serratos nel ruolo di Rosita Espinosa
  • Seth Gilliam nel ruolo di Gabriel Stokes
  • Lennie James nel ruolo di Morgan Jones
  • Jeffrey Dean Morgan nel ruolo di Negan

Il primo episodio ha suscitato critiche per i livelli di violenza mostrati ma sinceramente la cosa mi ha lasciato perplesso. La brutalità in quel mondo dopo l’apocalisse zombie è la norma, semmai in “The Walking Dead” ci sono fin troppi episodi pseudo-introspettivi in cui succede poco o nulla a dare un’impressione diversa.

Sicuramente Negan porta un livello di violenza maggiore del normale ma anche una buona dose di umorismo e spesso i due elementi sono mescolati. Complessivamente, Negan mi pare un cattivo sviluppato meglio della media dei personaggi di “The Walking Dead” e questo arricchisce la serie.

Alla settima stagione era difficile pensare che la serie sarebbe stata completamente stravolta ma l’arrivo dei Negan con i suoi Salvatori faceva sperare in un ritmo più rapido. Invece, dopo l’inizio col botto c’è stata un’ulteriore frammentazione della storia in sottotrame che a volte sono di interesse come minimo dubbio.

In alcuni casi, si tratta di sviluppi che hanno un senso, a cominciare dalla scoperta di altre comunità abbastanza lontane da Alexandria e Hilltop. In particolare, è importante la comunità chiamata il Regno con il suo re Ezekiel. È importante anche la storia di Daryl, inizialmente prigioniero di Negan.

Il problema è che ben presto lo sviluppo delle sottotrame ricade nei difetti visti nelle stagioni precedenti. I momenti pseudo-introspettivi diventano lunghissimi, in particolare quelli legati a Carol, e ci sono azioni di una stupidità imbarazzante, a cominciare dai vari tentativi di uccidere Negan.

Nell’episodio “Tu sei il mio sole” (“Sing Me a Song”) Carl avrebbe la possibilità di uccidere Negan ma per motivi misteriosi non gli spara. Nell’episodio “Dall’altro lato” (“The Other Side”) Sasha e Rosita intendono uccidere Negan da lontano con un fucile da cecchino ma abbandonano il piano già dopo il primo tentativo solo perché il loro bersaglio era coperto. Peggio ancora, dopo una discussione si lanciano in un attacco senza senso che ovviamente fallisce miseramente.

L’accordo tra Alexandria e le altre comunità scoperte nel corso degli episodi per combattere i Salvatori segue linee prevedibili per parecchi episodi lasciando le sorprese per gli ultimi. Il vero e proprio attacco del gruppo di Rick alla comunità di sole donne scoperta da Tara inizia finalmente l’azione.

Tra le sottotrame positive della settima stagione metto quella riguardante Eugene dopo che viene portato via da Negan. Il suo modo di interagire con Negan, le sue mogli e altre persone tra i Salvatori se non altro hanno permesso di sviluppare una parte della storia in maniera un po’ diversa dal solito.

Ho trovato l’ultimo episodio deludente con una parte iniziale inutile incentrata su Sasha che sembra servire solo ad allungare i tempi del presunto gran finale. La battaglia vera e propria dura relativamente poco ed è più che altro uno sparare a casaccio con qualche eccezione come l’intervento della tigre Shiva.

Lauren Cohan nel 2013
Lauren Cohan nel 2013

Era prevedibile che i produttori preferissero continuare la storia di Negan, infatti la settima stagione vede la fine di una battaglia e l’inizio di una guerra. È la fine di una stagione di alti e bassi che è meglio di alcune precedenti con bassi e bassissimi ma non esaltante viste le premesse. D’altra parte, ormai è chiaro che “The Walking Dead” è una serie basata soprattutto sulla comicità involontaria di comportamenti assurdi e morti idiote e tutto ciò che c’è di più è da accogliere con gioia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *