From Ice to Ashes di Rhett C. Bruno

From Ice to Ashes di Rhett C. Bruno
From Ice to Ashes di Rhett C. Bruno

Il romanzo “From Ice to Ashes” di Rhett C. Bruno è stato pubblicato per la prima volta nel 2017. È inedito in Italia.

Kale Drayton è stato un ladruncolo per la maggior parte della sua vita ma per evitare la galera è stato costretto a cambiare vita. Dopo essere stato arrestato per un furto, l’unica alternativa era prestare servizio su un’astronave, un lavoro non facile per un nativo di Titano che deve stare agli ordini di superiori terrestri.

Quando sua madre si ammala e ha bisogno di cure costose, Kale Drayton deve procurarsi i soldi in qualsiasi modo. Continuare a prestare servizio sull’astronave non avrebbe senso ma un misterioso contatto gli offre di pagare le cure necessarie a sua madre se caricherà un programma nel computer dell’astronave.

“From Ice to Ashes” non è il primo romanzo di Rhett C. Bruno ambientato in un futuro in cui parte del sistema solare è stata colonizzata ma è del tutto indipendente. Malcolm Graves, protagonista del romanzo “Titanborn”, viene citato un paio di volte: se avete letto quel romanzo si tratta di una sorta di “uovo di Pasqua” altrimenti potrà incuriosire il lettore ma non gli crea problemi.

In quest’universo narrativo, la Terra è stata devastata dalle conseguenze dell’impatto di un asteroide e gli abitanti del pianeta si sono sparsi in giro per il sistema solare. Molte colonie erano già state create in precedenza e in luoghi dove la gravità è molto bassa nel corso delle generazioni i nativi hanno sviluppato adattamenti fisiologici.

I nativi di Titano, una delle lune di Saturno, sono tra quelli che hanno sviluppato differenze fisiche rispetto ai terrestri ma ciò li rende anche vulnerabili alle loro malattie. Tuttavia, il problema peggiore è che nel sistema solare i terrestri detengono un notevole potere economico che consente loro di decidere le condizioni di lavoro per i nativi di Titano.

Nella società descritta in “From Ice to Ashes” c’è un vero e proprio razzismo da parte dei terrestri nei confronti dei nativi di Titano, a cui vengono riservati i lavori peggiori. In questa situazione, Kale Drayton è una delle tante vittime di quella discriminazione e, crescendo in povertà, finisce per diventare un ladro.

Costretto a una vita onesta anche se dura dopo essere stato arrestato, Kale Drayton finisce coinvolto in una vicenda molto più grande di lui per pagare le cure a sua madre. La storia dell’ex ladro che deve partecipare a un altro colpo e scopre che la situazione è ben diversa da quella che gli era stata proposta può sembrare un cliché ma serve solo per iniziare una trama che si espande progressivamente ben oltre la storia personale del protagonista.

Tutti questi elementi sociali e politici nei quali il lettore può vedere paralleli con la storia terrestre vengono mescolati in “From Ice to Ashes” con altri più tipici della space opera classica. Buona parte del romanzo è ambientata nello spazio in un’avventura con molta azione e colpi di scena sotto forma di eventi e di segreti rivelati che continuano fino all’epilogo.

Il romanzo è quasi completamente narrato in prima persona da Kale Drayton ma attraverso i suoi occhi il lettore può vedere anche buoni ritratti degli altri personaggi importanti. Ciò permette a Rhett C. Bruno di sviluppare personaggi complessi che non sono necessariamente buoni o cattivi. È il tipo di storia in cui vari personaggi non sono esattamente ciò che sembrano e il lettore se ne accorge pian piano conoscendo progressivamente le loro personalità e le loro motivazioni.

Queste caratteristiche portano a uno sviluppo della trama con un ritmo generalmente molto rapido per un romanzo che è piuttosto breve per gli standard moderni. Rhett C. Bruno è abile nell’inserire molti dettagli con poche parole piazzate qua e là che danno profondità ai personaggi e a tutto l’universo narrativo in cui è ambientato “From Ice to Ashes”.

Il risultato di tutto ciò è un romanzo che ho trovato davvero intrigante. Getta le basi per ulteriori sviluppi ma ha un suo finale perciò potete leggerlo senza poi dovervi procurare per forza eventuali seguiti. Per questi motivi consiglio la lettura di questo  bel mix di vari sottogeneri.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *