L’Eretmorhipis carrolldongi era un rettile marino che visse circa 250 milioni di anni fa e aveva somiglianze con l’ornitorinco

Un articolo pubblicato sulla rivista “Scientific Reports” riporta la scoperta di due nuovi esemplari di Eretmorhipis carrolldongi, un rettile marino che visse circa 250 milioni di anni fa, nel periodo Triassico Inferiore, nell’odierna Cina. Un team di ricercatori ha studiato questi nuovi esemplari con particolare interesse perché dei precedenti uno aveva il cranio ma era in un cattivo stato di conservazione e l’altro era privo di cranio. I nuovi esemplari mostrano che questo rettile aveva similitudini con i moderni ornitorinchi, con una sorta di becco cartilagineo e recettori che gli permettevano di cacciare basandosi sul tatto.

Il Eretmorhipis carrolldongi è stato identificato solo in una ricerca pubblicata sulla rivista “PLoS ONE” nel maggio 2015 grazie al ritrovamento di un secondo esemplare perché il primo, scoperto nel 1991 da Robert L. Carroll e Zhi-ming Dong, era in un cattivo stato di conservazione. Questa specie venne classificata nell’ordine degli hupehsuchi (Hupehsuchia), parenti degli ittiosauri che hanno in comune il fatto che vissero nel Triassico inferiore nell’odierna Cina.

Il team che ha studiato i due nuovi esemplari di Eretmorhipis carrolldongi comprende la maggior parte dei ricercatori che identificarono diedero il nome a questa specie. La possibilità di studiare i crani di questi rettili ha permesso loro di capire meglio le caratteristiche di questi rettili e alcune convergenze evolutive in comune con i moderni ornitorinchi.

250 milioni di anni fa nell’area in cui viveva l’Eretmorhipis carrolldongi c’era un mare poco profondo, circa un metro, sopra una piattaforma di carbonato che si estendeva per centinaia di chilometri. I fossili di questo rettile sono stati trovati in buchi più profondi nella piattaforma. Nelle vicinanze non sono stati trovati fossili che possano indicare di cosa si nutrissero ma secondo il professor Ryosuke Motani, un paleontologo dell’Università della California a Davis, il loro cibo era costituito da piccoli invertebrati.

Il corpo dell’Eretmorhipis carrolldongi era lungo circa 70 centimetri e ossuto e probabilmente era uno scarso nuotatore. Aveva una piccola testa con occhi minuscoli che suggeriscono che avesse una vista scarsa. Le somiglianze con l’ornitorinco, con un becco cartilagineo e un buco nel mezzo, suggerisce che avesse recettori che gli permettevano di usare il tatto per cacciare piccoli invertebrati nel fango in condizioni in cui c’era poca luce.

L’immagine in alto (L. Cheng et al, Scientific Reports, Creative Commons 4.0) mostra lo fossile di uno dei nuovi esemplari di Eretmorhipis carrolldongi e un disegno del suo scheletro. L’immagine in basso (Cortesia Gianluca Danini. Tutti i diritti riservati.) mostra una ricostruzione artistica di questo rettile marino.

L’Eretmorhipis carrolldongi aveva caratteristiche che suscitano curiosità ma è anche interessante da un punto di vista scientifico perché mostra uno dei rami dell’evoluzione dei rettili marini all’inizio del periodo Triassico. La diversificazione di questi animali nel corso di quel periodo è oggetto di discussione tra i paleontologi e le varie specie di hupehsuchi scoperte negli ultimi decenni mostrano sempre di più quanto fosse stata rapida già nella sua parte iniziale.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *