Annientamento di Jeff VanderMeer

Annientamento di Jeff VanderMeer (edizione britannica)
Annientamento di Jeff VanderMeer (edizione britannica)

Il romanzo “Annientamento” (“Annihilation”) di Jeff VanderMeer è stato pubblicato per la prima volta nel 2014. Ha vinto i premi Nebula e Shirley Jackson come miglior romanzo dell’anno. È il primo libro della trilogia dell’Area X. In Italia è stato pubblicato da Einaudi in Supercoralli nella traduzione di Cristiana Mennella.

Una biologa, un’antropologa, una topografa e una psicologa costituiscono la dodicesima spedizione nell’Area X. Dopo i risultati drammatici delle spedizioni precedenti, le quattro scienziate sperano di ottenere finalmente un successo nel capire le trasformazioni avvenute in quell’area e gli altri strani fenomeni che avvengono e che hanno cambiato anche i membri delle spedizioni precedenti.

Le quattro donne conoscono l’una dell’altra il minimo indispensabile per la spedizione, legato alle rispettive abilità. Nel corso della loro esplorazione scoprono quella che la biologa chiama una torre che non si erge nel cielo ma affonda nel terreno. Nella loro esplorazione saranno costrette ad affrontare non solo le stranezze dell’Area X ma anche i loro problemi interiori.

In “Annientamento” il lettore viene catapultato nella misteriosa Area X assieme alle quattro donne che formano la dodicesima spedizione che tenta di risolvere i misteri attorno a essa. Attraverso il diario personale che la biologa tiene seguendo le istruzioni che le sono state date, pian piano il lettore comincia a ottenere alcuni dettagli sull’Area X e sulla spedizione ma anche una progressiva introspezione della protagonista.

Il romanzo è per certi versi un viaggio interiore più che l’esplorazione di un luogo pieno di misteri e le sue caratteristiche rendono difficile etichettarlo. Ha vinto il Nebula, che viene dato a opere di fantascienza e fantasy, ma anche il Shirley Jackson, che viene dato a opere di suspense psicologica, horror e fantastico dark. È stato etichettato anche come weird. Si tratta di un caso in cui le etichette sono limitative.

L’atmosfera creata da Jeff VanderMeer è piuttosto onirica dato che le protagoniste sono in un luogo in cui accadono cose fuori dal normale, senza riferimenti al punto che neppure i loro nomi vengono mai menzionati e tutto ciò viene continuamente alternato all’introspezione della biologa. Quest’intreccio di interiore ed esteriore è il punto che fin dall’uscita di “Annientamento” ha diviso i lettori perché chi riesce a immergersi in quell’atmosfera la trova affascinante e apprezza il romanzo mentre chi non ci riesce non avverte la tensione delle protagoniste e rischia la noia.

Jeff VanderMeer si è ispirato a un’escursione che ha fatto in Florida per quasi vent’anni vedendo nei venti chilometri abbondanti del percorso tante specie di piante e animali. In sostanza, c’è una base reale per l’ambiente descritto in “Annientamento” da cui l’autore parte per creare l’Area X.

L’idea di un’area in cui gli organismi siano in qualche modo mutati e anche gli esseri umani che vi entrano possano in qualche modo essere mutati non è certo nuova e leggendo “Annientamento” si possono sentire echi di opere come “Stalker”, conosciuto anche come “Picnic sul ciglio della strada”, di Arkadi e Boris Strugatski, ed “Eden” di Stanislaw Lem. L’autore ha aggiunto altre cose ad esempio mettendo in risalto la natura con la sua varietà e in questo caso le sue stranezze. Ciò è cruciale nello sviluppo del romanzo perché l’intreccio tra interiore ed esteriore include il rapporto tra le protagoniste e l’ambiente the stanno esplorando.

La difficoltà nel leggere un romanzo di questo tipo è aumentata dal fatto che la biologa è per molti versi isolata anche dalle sue compagne di viaggio, in parte per le istruzioni ricevute e in parte per il suo carattere. Le sue motivazioni vengono almeno in parte mostrate pian piano e non aiutano a provare empatia nei suoi confronti mentre delle altre tre donne la biologa sa poco e quindi neppure il lettore impara molto.

Nel 2018 Netflix ha rilasciato un film basato su “Annientamento” che però si discosta parecchio dal romanzo, anche nel significato del titolo. Per certi versi il film è più convenzionale, nel senso che le protagoniste hanno i loro nomi e ci sono altri punti di riferimento nella storia, incluse alcune spiegazioni su ciò che avviene nell’Area X, in particolare in un finale di notevole impatto visivo. Alcuni lettori che hanno trovato il romanzo noioso hanno apprezzato il film, altri che si sono immersi nella strana atmosfera del romanzo hanno trovato il film troppo convenzionale.

Jeff VanderMeer ha pubblicato due seguiti ad “Annientamento” ma per i lettori che hanno vissuto la lettura come un’esperienza interiore e non sentono la necessità di spiegazioni il romanzo funziona benissimo anche da solo. Per questo motivo ne consiglio la lettura a chi cerca questo tipo di opera.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *