La fortezza dei cosmonauti di Ken MacLeod

La fortezza dei cosmonauti di Ken MacLeod
La fortezza dei cosmonauti di Ken MacLeod

Il romanzo “La fortezza dei cosmonauti” (“Cosmonaut Keep”) di Ken MacLeod è stato pubblicato per la prima volta nel 2000. È il primo libro della trilogia delle Macchine della Luce. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nel n. 1541 di “Urania” e nel n. 189 di “Urania Collezione” nella traduzione di Marcello Iatosti.

Matt Cairns è un programmatore che accetta anche lavori non esattamente legali sfruttando la sua abilità nel penetrare nei sistemi informatici. I suoi contatti lo portano a tentare di penetrare nel sistema di una stazione spaziale dove scopre ben più di quanto si aspettasse finendo coinvolto in una storia che riguarda anche il primo contatto con una specie aliena.

Sul pianeta Mingulay gli esseri umani vivono assieme a sauri e kraken, sui quali devono contare per i viaggi interstellari. Gregor Cairns fa parte di una famiglia che vorrebbe scoprire i segreti necessari a costruire astronavi interstellari proprie ma ciò richiede non solo di risolvere una serie di problemi tecnici ma anche evitare di suscitare l’ira degli dei.

In questo libro iniziale della trilogia delle Macchine della Luce, Ken MacLeod inizia due sottotrame ambientate a circa due secoli di distanza che inizialmente sono completamente separate e a un certo punto i loro sviluppi cominciano a mostrare come il futuro prossimo abbia portato a quello più lontano. La sottotrama nel futuro prossimo è ambientata in un mondo alternativo in cui l’URSS ha conquistato l’Europa occidentale instaurando un blando regime comunista che sembra essere accettato supinamente dalla maggioranza dei cittadini.

Soprattutto nella sottotrama ambientata nel futuro prossimo l’elemento politico è molto importante ma è quello che mi crea i maggiori problemi. Non riesco a prendere sul serio l’Europa dipinta da Ken MacLeod, forse per l’odio per il comunismo sviluppato nel corso di una vita vissuta al confine con la (ora ex) Yugoslavia. Per di più quella sottotrama si basa su una contrapposizione Europa/USA come se l’URSS dopo aver conquistato l’Europa occidentale abbia perso importanza e le altre nazioni fossero irrilevanti. Si tratta di fantascienza ma davvero trovo arduo sospendere la mia incredulità.

Paradossalmente, dopo aver in qualche modo semplificato la situazione mondiale, Ken MacLeod sviluppa ciò che ne rimane in modo sofisticato, inserendo fazioni in entrambi gli schieramenti con varie sfumature ideologiche. Personaggi con varie idee e opinioni appaiono nel corso del romanzo, anche se tendono a essere usati solo per rappresentare quelle posizioni, senza un vero sviluppo.

La storia di Matt Cairns include una serie di dettagli tecnici che probabilmente risulteranno ostici a chi ha limitate conoscenze nel campo dell’informatica e possono essere invece apprezzati da chi è esperto nel campo. La parte che ho trovato di gran lunga più interessante nella sottotrama ambientata nel futuro prossimo è quella riguardante il primo contatto con una specie aliena. Essa si collega con l’altra sottotrama, dove pian piano Ken MacLeod fornisce qualche informazione interessante su sauri e kraken, a cominciare dalle loro origini per capire anche chi siano gli dei che vengono menzionati occasionalmente.

Per il lettore, è necessario prestare attenzione ai dettagli inseriti ne “La fortezza dei cosmonauti” perché creano le basi per quest’ucronia con i prossimi secoli di storia dell’umanità e dei suoi rapporti con altre specie. I continui passaggi, anche improvvisi, da una sottotrama all’altra possono creare confusione e la parte iniziale del romanzo è lenta per la necessità di introdurre almeno alcuni dei tanti elementi del romanzo.

“La fortezza dei cosmonauti” può essere una lettura frustrante e non solo per la pesante parte politica. Ci sono vari eventi con tanto di intermezzi romantici in entrambe le sottotrame, che però in quella ambientata sul pianeta Mingulay arrivano fino a un certo punto, senza una vera conclusione. Si nota chiaramente che questo è solo il primo libro di una serie perciò se i temi vi interessano dovrete comunque procurarvi anche i seguiti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *