La fauna di Ediacara forse si sviluppò in un ambiente ricco di batteri

Spriggina flounensi
Spriggina flounensi

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Communications” descrive una ricerca sulle condizioni ambientali in cui gli organismi conosciuti come fauna di Ediacara vissero. Un team di ricercatori dell’Università della California a Riverside (UCR) hanno utilizzato biomarcatori presenti in antiche rocce per ottenere nuove informazioni sulle condizioni e sulle fonti di cibo di alcuni degli organismi più bizzarri della storia della vita sulla Terra. Hanno concluso che i loro habitat erano ricchi di batteri che contribuivano all’ecosistema.

I fossili di Ediacara risalgono ad un periodo che va dai 635 ai 542 milioni di anni circa fa e sono da sempre al centro di controversie nel campo della paleontologia perché sono diversi da tutti gli altri organismi conosciuti con la conseguente difficoltà nel classificarli. Ad esempio, la Spriggina floundersi (foto ©Verisimilus) è stata classificata in vari gruppi molto diversi nel corso del tempo. I primi organismi appartenenti alla fauna di Ediacara vennero trovati nel 1868 ma solo dopo molti anni i ricercatori cominciarono a comprendere la loro importanza.

Tra i vari misteri relativi a quell’epoca remota c’è quello riguardante le cause di quella che fu una grande differenziazione a livello biologico, quella che in gergo viene chiamata una radiazione evolutiva. Secondo una delle teorie la crescita di ossigeno fu il motore dell’ascesa degli organismi multicellulari come viene visto in collegamento al Grande Evento di Biodiversificazione dell’Ordoviciano, decine di milioni di anni dopo il periodo Ediacarano. Tuttavia, fonti di nutrimento potrebbero aver avuto la loro importanza.

Un team di ricercatori guidati da Gordon Love, professore di biogeochimica alla UCR, ha cercato di stabilire le cause della radiazione dell’Ediacarano esaminando fossili molecolari. Si tratta di biomarcatori, lipidi fossili prodotti da comunità biologiche dell’epoca e preservate all’interno di rocce sedimentarie assieme ai fossili degli organismi. Essi vissero nella Baltica, un antico continente che include una parte dell’attuale Eurasia, tra 560 e 540 milioni di anni fa.

I biomarcatori hanno indicato una notevole presenza di composti generati da batteri. Ciò suggerisce che in quell’ambiente essi fossero perfino più importanti delle alghe, un gruppo di organismi eucarioti che stava emergendo. Le tracce di composti possono aiutare a capire quali gruppi di organismi fossero più dominanti e alcuni cambiamenti nell’ecosistema in un periodo per molti versi ancora poco conosciuto. C’era un rapporto complesso tra fauna di Ediacara, batteri e altri gruppi come le spugne e le ricerche continueranno per accumulare altri dati.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *