Star Trek: Discovery – Mi prenderai per mano?

Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) e il Capitano Philippa Georgiou (Michelle Yeoh) in Mi prenderai per mano? (Immagine cortesia CBS / Netflix)
Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) e il Capitano Philippa Georgiou (Michelle Yeoh) in Mi prenderai per mano? (Immagine cortesia CBS / Netflix)

“Mi prenderai per mano?” (“Will You Take My Hand?”) è il quindicesimo episodio della serie “Star Trek: Discovery”, l’ultimo della prima stagione, e segue “La guerra fuori, la guerra dentro“.

Nota. Quest’articolo contiene spoiler su “Mi prenderai per mano?”.

Il Capitano Philippa Georgiou (Michelle Yeoh) guida le operazioni nella missione sul pianeta Qo’noS nonostante qualche problema con l’equipaggio, non abituato a suo atteggiamento, tipico nell’universo dello specchio. Durante la ricognizione che dovrebbe servire a raccogliere informazioni, il Cadetto Sylvia Tilly (Mary Wiseman) scopre il vero piano e Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) si trova di nuovo nella posizione di dover compiere scelte decisive.

Il finale della prima stagione di “Star Trek: Discovery” termina il grande arco narrativo della guerra contro i Klingon con tanti echi di eventi precedenti. Michael Burnham è la protagonista della serie e questo finale rappresenta per lei un momento importante, in cui finalmente capisce cosa voglia dire essere umana e forse trova un equilibrio emotivo. Per il resto però come finale è stato un po’ moscio.

Lo scontro tra i metodi dell’universo dello specchio, con il piano per distruggere Qo’noS, e i principi della Federazione, con un’alternativa non violenta, è interessante ma affrettato e quindi senza un reale approfondimento, come la risoluzione dell’arco narrativo. Ricordando le parole di L’Rell (Mary Chieffo) negli episodi precedenti, sembra curioso che faccia terminare la guerra e che ci riesca senza complicazioni ma la ricerca del colpo di scena anche a scapito della coerenza è un difetto visto più volte in questa prima stagione di “Star Trek: Discovery”.

La missione su Qo’noS rappresenta per me il perfetto esempio di frustrazione causata da questa serie. Durante il briefing vengono citati nomi connessi alla storia Klingon, citati anche in una canzone cantata in “Star Trek: Deep Space Nine” e “Star Trek: Voyager” ma continuiamo ad aspettare di capire come la serie sia coerente con quella originale.

Anche per questo motivo, la prima stagione di “Star Trek: Discovery” è terminata tra luci e ombre. Dire che un nuovo telefilm abbia bisogno di un po’ per trovare la rotta giusta è una battuta fin troppo facile e in questo caso ci sono stati alcuni elementi tra sviluppo dei personaggi e trame che hanno lasciati perplessi molti fan.

L’aspetto dei Klingon ha suscitato discussioni fin da quando è stato rivelato, tanto che molti fan chiamano questa versione Klingoff. I cambiamenti successivi alla serie originale erano stati motivati dal budget maggiore dei film e delle serie successive e secondo me il tentativo di spiegazione dato in “Enterprise” solleva più problemi di quanti ne risolva. Nulla in “Star Trek: Discovery” ha giustificato tale cambiamento.

Incongruenze con la serie originale. “Star Trek: Discovery” è ambientata un decennio prima della serie originale e secondo i produttori nella stessa linea temporale. Nel 2017 sarebbe stato ridicolo avere monitor a tubo catodico e possiamo applicare al look delle astronavi lo stesso ragionamento fatto per i Klingon, anche se ciò può suonare ironico dopo il loro cambiamento.

I veri problemi riguardano personaggi e storie e a volte c’è l’impressione che produttori e sceneggiatori non abbiano le idee chiare o che abbiano cambiato idea nel corso della produzione. Elementi totalmente nuovi come la propulsione a spore devono essere spiegati adeguatamente. Ci sono anche altri problemi come il sistema di occultamento dei Klingon, che nella serie classica sembra una novità assoluta nell’episodio in cui viene usato dai romulani.

Riguardo ai personaggi il Capitano Gabriel Lorca è il primo di cui lo sviluppo non è chiaro. Inizialmente sembrava un Capitano che portava ambiguità etiche e morali in una situazione di guerra. Era già stato fatto con Sisko in “Star Trek: Deep Space Nine” ma poteva avere senso.

La scoperta della verità sulle origini di Lorca indebolisce tutto ciò e ci dice solo che in una situazione di guerra i metodi tipici dell’universo dello specchio vanno bene. Se Lorca non avesse tentato di strangolare l’Ammiraglio Katrina Cornwell magari nessuno avrebbe contestato il suo comando fino al colpo di scena. Anche le successive scelte sembrano confermare che tutto sia stato funzionale a quel concetto per arrivare al finale di stagione in un confronto fin troppo rapido tra esso e i principi della Federazione.

Lo sviluppo di Ash Tyler. Nei primi episodi il personaggio soffriva di quella che sembrava una sindrome da stress post-traumatico ma tutto ciò ha perso molto rapidamente forza con l’aumentare dei sospetti sulla sua vera identità. Alla fine, il tutto era un disturbo legato a un’identità instabile. Insomma, anche in questo caso tutto ciò che era stato sviluppato attorno al personaggio era solo un inganno.

Anche il fatto che i colpi di scena riguardanti i personaggi fossero stati ampiamente anticipati nel fandom è un fatto negativo. Anche le trame sono in genere facilmente prevedibili. O gli autori hanno scarsa fantasia o considerano “Star Trek: Discovery” una serie per famiglie che richiede di evitare trame troppo complesse. In ogni caso non è una bella cosa.

C’è chi ha usato come paragone la prima stagione di “Star Trek: The Next Generation”, che aveva alcuni episodi imbarazzanti. In quel caso però c’era la necessità di reinventare l’universo di Star Trek mentre nel caso di “Star Trek: Discovery” in teoria era tutto pronto e si trattava solo di scrivere storie di buona qualità.

Il finale di stagione ha avuto buoni momenti nei rapporti tra i personaggi, che mi sono sempre sembrati forse l’elemento più forte della serie, per il resto non mi ha eccitato molto. La mia emozione si è moltiplicata mille volte negli ultimi minuti grazie all’incontro con l’Enterprise. La seconda stagione è stata già confermata, vedremo se gli sceneggiatori riusciranno a scrivere qualcosa di più intrigante e coerente e sfruttare la mitologia di Star Trek.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *