Star Trek: Discovery – La guerra fuori, la guerra dentro

Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) ne La guerra fuori, la guerra dentro (Immagine cortesia CBS / Netflix)
Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) ne La guerra fuori, la guerra dentro (Immagine cortesia CBS / Netflix)

“La guerra fuori, la guerra dentro” (“The War Without, The War Within”) è il quattordicesimo episodio della serie “Star Trek: Discovery” e segue “Il passato è il prologo“.

Nota. Quest’articolo contiene spoiler su “La guerra fuori, la guerra dentro”.

Dopo il contatto con la Federazione, la USS Discovery viene raggiunta dall’Ammiraglio Katrina Cornwell (Jayne Brook) e da Sarek (James Frain). La situazione della guerra è perfino peggiore di quella evidente per l’equipaggio a prima vista e richiede misure estreme, perfino disperate, per cambiarla.

Come il titolo suggerisce, “La guerra fuori, la guerra dentro” sviluppa sia la trama relativa alla guerra con i Klingon che i problemi che i personaggi devono affrontare. La scoperta riguardante il Capitano Gabriel Lorca ha colpito tutti. Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) ha portato con sé l’ormai ex Imperatore (Michelle Yeoh), Ash Tyler (Shazad Latif) è alla ricerca della sua identità e tutti gli altri devono gestire perdite e cambiamenti.

Le interconnessioni tra i problemi connessi alla guerra e quelli connessi ai rapporti interpersonali costituiscono le basi dell’episodio. Di conseguenza, esso è introspettivo anche se una parte fondamentale della trama riguarda i nuovi piani per il contrattacco contro i Klingon.

L’Ammiraglio Katrina Cornwell trova anche alleati improbabili e anche lei in qualche modo deve gestire strani rapporti come quello già iniziato con L’Rell (Mary Chieffo) e quello nuovo con una Philippa Georgiou diversa da quella che conosceva. In quest’episodio mostra di essere davvero pronta a tutto per cambiare lo stato della guerra.

Fin dall’inizio della serie, Michael Burnham è stata al centro della storia e anche in quest’episodio deve affrontare una serie di problemi personali. I suoi comportamenti hanno avuto giustificazioni che spesso ho trovato comprensibili solo se non vengono analizzati. Il problema principale è che parliamo di un’umana educata alla filosofia vulcaniana che ancora sembra incapace di trovare un equilibrio e di conseguenza in troppe occasioni non sembra molto sotto controllo.

Per Michael Burnham, la guerra dentro è su più fronti dato che deve gestire il rapporto con Ash Tyler, quello con la Philippa Georgiou dell’universo dello specchio e quello con Sarek non è mai facile anche se in questo caso sembra essere almeno una sorta di faro. Gli echi dell’universo dello specchio si vedono nell’incontro tra Sarek e Georgiou, dove si vedono le similitudini tra le due versioni di Michael.

Sempre riguardo a quegli echi, la vera delusione che ho avuto da quest’episodio è la scoperta che la Discovery dello specchio è stata distrutta e la sua storia liquidata con poche battute. Sinceramente mi aspettavo molto di più da un’astronave imperiale comandata da un Capitano notorio per la sua ferocia.

Il colpo di scena che chiude “La guerra fuori, la guerra dentro” mostra che la Federazione è disperata dati i rischi di affidare una missione fondamentale a una persona che ha valori ben diversi. Ho trovato l’episodio soddisfacente per quanto riguarda la gestione dei personaggi mentre lo sviluppo della trama connessa alla nuova missione della USS Discovery continuerà nel finale di stagione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *