Il Kootenayscolex barbarensis era un anellide che visse circa 500 milioni di anni fa

Fossile di Kootenayscolex barbarensis (Immagine cortesia Jean-Bernard Caron / Royal Ontario Museum)
Fossile di Kootenayscolex barbarensis (Immagine cortesia Jean-Bernard Caron / Royal Ontario Museum)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Current Biology” descrive una ricerca sul Kootenayscolex barbarensis, un polichete (classe Polychaeta) che visse circa 508 milioni di anni fa nel sito dell’odierno Marble Canyon, nell’Argillite di Burgess in Canada. Karma Nanglu e il suo supervisore Jean-Bernard Caron dell’Università di Toronto e del Museo Reale dell’Ontario hanno studiato quest’antichissimo anellide. Si tratta di un animale marino anche se è imparentato con gli attuali vermi che vivono sulla terraferma. La cosa più importante è che la sua scoperta fornisce nuove informazioni sull’origine della testa negli anellidi.

Il phylum degli anellidi (Annelida) comprende molti animali odierni come vermi, sanguisughe e lombrichi. La classe dei policheti è quella che include specie generalmente marine. La grande varietà di specie di anellidi ha reso difficile capire quale aspetto potessero avere i loro antenati più primitivi, un problema non raro nel campo della paleontologia ma ancor più serio nel caso degli anellidi. Si tratta infatti di animali a corpo molle con la conseguenza che i loro fossili sono rari.

Nel caso dei policheti, i fossili sono soprattutto di mascelle di alcune specie e tubi mineralizzati. In molti casi sono stati trovati fossili con alcune somiglianze con i policheti appartenenti a quella che viene chiamata fauna di Ediacara ma la loro classificazione è molto incerta. Le discussioni su quesi fossili sono molte perché è difficile stabilire con ragionevole certezza le parentele.

Fossili di altre specie di antichi anellidi trovati in passato erano in uno stato di conservazione tutt’altro che perfetto. Il loro studio suggeriva che le loro teste fossero indistinguibili dal resto dei loro corpi ma era impossibile stabilirlo con ragionevole certezza. La situazione è cambiata con le nuove scoperte effettuate nell’Argillite di Burgess, un sito tra i più noti del mondo per i fossili molto ben conservati.

Nel corso dell’ultimo secolo, nell’Argillite di Burgess sono stati scoperti vari depositi di fossili risalenti al periodo Cambriano (tra 541 e 485 milioni di anni fa circa). Nel 2012 ne è stato scoperto uno in cui sono stati trovati oltre 500 fossili di anellidi tra i quali la specie Kootenayscolex barbarensis.

Questo polichete mostra la presenza delle appendici chiamate chete sulla testa. Ciò ha convinto Karma Nanglu e Jean-Bernard Caron che la testa degli anellidi si sia evoluta dai segmenti posteriori del loro corpo, anch’essi dotati di chete posizionate in modo simile.

Questi fossili di Kootenayscolex barbarensis sono così ben conservati che è stato possibile esaminare anche sedimenti nelle loro viscere. Il risultato suggerisce che questi antichissimi policheti riciclassero materiali organici dai sedimenti come i loro cugini moderni. Questi materiali ritornavano nella catena alimentare grazie ad altri animali che si nutrivano di questi anellidi.

Il Kootenayscolex barbarensis era un minuscolo animale, tanto che l’esemplare più grande è lungo circa 2,5 centimetri, e gli anellidi non sono gli organismi che stimolano il maggiore interesse nel pubblico. Tuttavia, hanno il loro ruolo negli ecosistemi in cui vivono e questa ricerca suggerisce che l’avessero già mezzo miliardo di anni fa.

Ricostruzione di Kootenayscolex barbarensis (Immagine cortesia Danielle Dufault / Royal Ontario Museum)
Ricostruzione di Kootenayscolex barbarensis (Immagine cortesia Danielle Dufault / Royal Ontario Museum)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *