I ditteri di Marco Visentin

I ditteri di Marco Visentin
I ditteri di Marco Visentin

Il romanzo “I ditteri” di Marco Visentin è stato pubblicato per la prima volta nel 2017 da Licosia nel n. 2 della collana “Vertigo”.

Silvia K. è una giovane entomologa ha scritto una tesi intitolata “Prove specifiche del carattere sovraintellettuale della comunicazione tra le mosche”. In essa, espone quelle che secondo lei sono le prove che i ditteri e in particolare le mosche posseggano un sub-gene, una particella ipotetica responsabile della trasmissione extrasensoriale dei messaggi.

Le circostanze avevano portato Silvia K. a lavorare per un’azienda che produce insetticidi, dove però si era resa conto che i guadagni vengono prima di qualsiasi considerazione etica e morale. Tornata agli studi, aveva scritto la sua tesi, che aveva mandato alla Commissione sulla Verità Tecnologica e Scientifica.

Contattata dalla Scienza Nuova, un’organizzazione sovragovernativa avente l’obiettivo di valorizzare la ricerca scientifica e le sue applicazioni concrete, Silvia K. ha l’occasione di applicare le sue ricerche in un modo imprevisto con conseguenze per l’intera umanità.

La prima parte de “I ditteri” è sostanzialmente una satira con qualche ispirazione kafkiana. La protagonista Silvia K., già colpita da alcune disavventure familiari che l’hanno lasciata orfana, deve affrontare una serie di frustrazioni connesse a problemi incontrati sia nello studio che al lavoro. La conseguenza è spesso l’apatia se non la depressione.

Marco Visentin ne ha per tutti tra i problemi dell’università e quelli in un’azienda dove il profitto è l’unica priorità a scapito di qualsiasi considerazione etica e morale. Le difficoltà di Silvia K. sono raccontate a volte in maniera brutale, come nell’occasione in cui fa sesso con il suo capo per essere spostata di mansione ed è la prima a rendersi conto di quanto ciò sia squallido.

L’elemento fantascientifico, legato alla tesi di Silvia K. sulle mosche, può sembrare inizialmente marginale ma viene sviluppato diventando centrale nella trama nelle parti successive. Questo cambiamento rispecchia quello della vita della protagonista dopo che ha accettato un’offerta che non poteva rifiutare.

Anche la società in cui vive la protagonista viene descritta molto meglio in corrispondenza con il cambiamento nella vita della protagonista. Nella prima parte i riferimenti potevano far pensare a una visione satirica della nostra società ma nelle parti successive mostrano una situazione decisamente distopica.

Questi temi si combinano in una trama incentrata su esperimenti genetici che ufficialmente hanno lo scopo di creare esseri umani più sani e meglio integrati. Le dichiarazioni rassicuranti nascondo una situazione molto più inquietante che da kafkiana sembra diventare più wellsiana, nel senso che ricorda maggiormente “L’isola del dottor Moreau“.

La crescente alienazione vista dalla protagonista Silvia K. e non solo viene raccontata anche in questo caso a volte in maniera brutale. Inizialmente le cavie degli esperimenti sono criminali o comunque persone disadattate e quindi inaccettabili per una società dove tutto dev’essere almeno sulla carta perfetto.

Lo scopo finale della ricerca è quello di trovare un “trattamento” da applicare a tutta l’umanità. Ciò significa che la separazione tra i ricercatori e i soggetti del “trattamento” dovrebbe esistere solo nella fase sperimentale. In questa situazione, il confine tra vittima e carnefice non è sempre chiara.

Il romanzo inizia con un ritmo lento, più orientato al lato satirico anche attraverso le descrizioni degli stati d’animo di Silvia K. con le sue delusioni. Nelle parti successive il cambiamento nella vita della protagonista viene rispecchiato in una storia in cui cominciano a succedere molte cose.

È un tipo di storia in cui i personaggi sono funzionali alla trama e a una serie di considerazioni e riflessioni fatte da Silvia K. e in alcuni casi da altri personaggi. È molto incentrato sulla vita della protagonista, che è l’unico personaggio davvero sviluppato.

Complessivamente, “I ditteri” è una distopia spesso molto abrasiva che mostra l’alienazione e la schizofrenia di una società che assomiglia anche troppo alla nostra. Lo consiglio in particolare per gli spunti di riflessione che offre al lettore.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *