Abaddon’s Gate – La fuga di James S. A. Corey

Abaddon's Gate - La fuga di James S. A. Corey
Abaddon’s Gate – La fuga di James S. A. Corey

Il romanzo “Abaddon’s Gate – La fuga” (“Abaddon’s Gate”) di James S. A. Corey è stato pubblicato per la prima volta nel 2013. È il terzo nella serie Expanse e segue “Caliban – La guerra“. Ha vinto il premio Locus come miglior romanzo dell’anno. In Italia è stato pubblicato da Fanucci nella traduzione di Stefano A. Cresti.

La protomolecola che per qualche tempo era rimasta su Venere ha lasciato il pianeta per andare a costruire vicino a Urano l’Anello. Quando un ragazzo cinturiano con una navicella di fortuna passa attraverso l’Anello, finisce in un luogo sconosciuto e viene rapidamente ucciso da una violentissima decelerazione. Le immagini che ha inviato mettono in allarme tutto il sistema solare.

L’equipaggio dell’ex astronave della flotta marziana Rocinante ha avuto un buon periodo ma il governo marziano sembra improvvisamente intenzionato a riprendersi la sua proprietà e l’unica scappatoia sembra quella di lavorare per una giornalista diretta verso il sistema di Urano. Lì varie astronavi, civili e militari, in rappresentanza delle varie fazioni umane cercano di affrontare in vari modi quella nuova incognita.

James S. A. Corey è lo pseudonimo di due scrittori: Daniel Abraham, che da solo scrive soprattutto fantasy, e Ty Franck, che ha lavorato come assistente di George R.R. Martin. Assieme stanno scrivendo le storie della serie Expanse, una space opera ambientata in un futuro in cui l’umanità ha colonizzato parte del sistema solare.

“Abaddon’s Gate – La fuga” comincia poco tempo dopo “Caliban – La guerra” e rappresenta l’inizio di un’espansione dell’universo narrativo della serie Expanse che potrebbe avere notevoli sviluppi. Ciò perché la protomolecola aliena scoperta all’inizio della serie ha costruito vicino all’orbita di Urano l’Anello, un portale che dà l’accesso a un luogo diverso.

La situazione politica nel sistema solare era già complessa con le Nazioni Unite e Marte sostanzialmente in guerra, anche se molto dipende dalla definizione del termine, mentre l’APE continua a lavorare per rafforzare le posizioni dei cinturiani. Gli eventi collegati alla protomolecola hanno modificato gli equilibri di potere e dopo la scoperta che l’Anello è un portale tutte le fazioni vogliono studiarlo da vicino.

L’equipaggio della Rocinante e James Holden in particolare sono tra quelli che preferirebbero rimanere lontano dall’Anello ma sono costretti a unirsi alle altre astronavi in viaggio verso il manufatto alieno. Il detective Miller, tra i protagonisti di “Leviathan – Il risveglio”, occasionalmente appare a Holden come una sorta di fantasma. Si tratta di un fenomeno iniziato con la nuova attività della protomolecola e ciò sembra fin dall’inizio tutt’altro che una coincidenza.

Quest’inizio di “Abaddon’s Gate – La fuga” è molto intrigante perché apre prospettive davvero nuove. Nella serie Expanse l’umanità ha colonizzato buona parte del sistema solare ma il tipo di propulsione utilizzato ne limita l’espansione. L’inserimento di un manufatto che apre un portale simile a quelli visti nella saga di Stargate ma grandi abbastanza per fari passare intere astronavi può spostare la frontiera umana in maniera davvero notevole.

Purtroppo cominciano rapidamente anche quelli che mi sono sembrati i problemi principali di “Abaddon’s Gate – La fuga”, connessi ad alcuni dei protagonisti delle sottotrame del romanzo. James Holden è l’unico protagonista rimasto dai romanzi precedenti il cui punto di vista continua a rappresentare le avventure dell’equipaggio della Rocinante. Gli altri punti di vista sono quelli di nuovi personaggi ma due su tre hanno portato un allungamento della storia secondo me troppo spesso inutile.

Nello specifico, Clarissa Mao è importante soprattutto nella prima parte del romanzo, successivamente la sua storia potrebbe essere intitolata “50 sfumature di confusione mentale”. Le sue motivazioni sono chiare all’inizio ma diventano sempre più nebulose nella seconda parte del romanzo, senza un vero approfondimento psicologico che avrebbe rafforzato il personaggio.

Annushka “Anna“ Volovodov al contrario ha una sottotrama che ho trovato poco interessante nella parte iniziale perché riguarda la sua storia personale ma è importante successivamente, anche perché convenientemente finisce al posto giusto nel momento giusto in particolare in un’occasione.

La trama ha anche alcuni altri problemi come il fatto che l’astronave “Behemoth” è stata affidata a un capitano che è incompetente. Molti eventi del romanzo sono la conseguenza del fatto che non è in grado di gestire situazioni fuori dal normale eppure è stato mandato in una situazione chiave per il futuro dell’intera umanità.

Alla fine tra i nuovi protagonisti Carlos “Bull” c de Baca è l’unico a essere sempre al centro di eventi importanti. Anche per il suo rapporto personale con il leader dell’APE Fred Johnson, il suo punto di vista rimane interessante anche quando riguarda la sua vita e il suo passato. Sulla Behemoth, dov’è il capo della sicurezza, deve anche gestire i difficili rapporti col suo capitano e cercare di evitare che combini guai.

Il caos che deriva da una combinazione di ignoranza e incompetenza porta a una situazione estremamente rischiosa nell’immediato per gli equipaggi e i passeggeri di tutte le astronavi. L’aspetto positivo è un tema che ne deriva: gli umani coinvolti devono decidere se comportarsi come esseri razionali o come stupide scimmie e la scelta determinerà non solo il loro futuro.

I due romanzi precedenti della serie Expanse non erano capolavori ma mi erano sembrati più solidi dal punto di vista dello sviluppo delle sottotrame. Invece “Abaddon’s Gate – La fuga” mi ha dato sensazioni ambivalenti perché contiene sviluppi davvero intriganti ma mi è parso decisamente troppo stiracchiato. Paradossalmente, dopo tanti capitoli che mi sono sembrati inutili il finale mi è invece sembrato affrettato e spero che qualche filo narrativo venga ripreso in qualche seguito. Nonostante i difetti, se volete continuare la serie Expanse non potete saltarlo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *