Caliban – La guerra di James S. A. Corey

Caliban - La guerra di James S. A. Corey
Caliban – La guerra di James S. A. Corey

Il romanzo “Caliban – La guerra” (“Caliban’s War”) di James S. A. Corey è stato pubblicato per la prima volta nel 2012. È il secondo nella serie Expanse e segue “Leviathan. Il risveglio“. In Italia è stato pubblicato da Fanucci nella traduzione di Stefano A. Cresti.

Su Ganimede c’è una tregua piena di tensione tra le Nazioni Unite e Marte ma una battaglia scoppia quando una creatura mostruosa uccide i Marines di entrambi gli eserciti di guardia sulla luna di Giove. Roberta “Bobbie” Draper, sergente d’artiglieria dei Martian Marines, è l’unica superstite e deve testimoniare su ciò che è successo ma finisce invischiata in giochi politici che la portano a lavorare per il vice-Sottosegretario delle Nazioni Unite Chrisjen Avasarala.

Jim Holden e l’equipaggio della ex nave della flotta marziana Rocinante pattugliano lo spazio per conto dell’Alleanza dei Pianeti Esterni (APE). Quando vengono avvertiti che qualcosa sta succedendo su Ganimede vanno a indagare scoprendo che la situazione sta precipitando. Incontrano il botanico Praxidike “Prax” Meng, la cui figlia è stata rapita in strane circostanze e assieme a lui scoprono che qualcuno ha condotto esperimenti con la protomolecola aliena.

James S. A. Corey è lo pseudonimo di due scrittori: Daniel Abraham, che da solo scrive soprattutto fantasy, e Ty Franck, che ha lavorato come assistente di George R.R. Martin. Assieme stanno scrivendo le storie della serie Expanse, una space opera ambientata in un futuro in cui l’umanità ha colonizzato parte del sistema solare.

“Caliban – La guerra” inizia qualche tempo dopo la fine di “Leviathan. Il risveglio”. Continua la storia raccontata nel primo romanzo perciò è necessario averlo letto per capire chi siano i membri dell’equipaggio della Rocinante e i tanti riferimenti agli eventi precedenti. In sostanza il secondo romanzo costituisce la seconda parte di una storia più ampia.

La minaccia causata dalla protomolecola aliena sembra scongiurata ma qualcosa che fa pensare diversamente succede su Ganimede. Tuttavia, stavolta non si tratta di esseri umani ridotti a una specie di zombie che possono infettare chiunque venga a contatto con loro ma una specie di supersoldato che massacra due squadre di Marines terrestri e marziani superaddestrati e molto ben armati.

Il secondo romanzo ripropone per molti versi la trama del primo mascherando la cosa con un tono diverso e con diversi personaggi di cui raccontare le storie. In “Leviathan. Il risveglio” la storia del detective Miller e gli eventi su Eros aggiungevano alla trama toni noir e horror. In “Caliban – La guerra” mancano queste connotazioni mentre c’è uno sviluppo molto maggiore del lato politico.

Il diverso sviluppo delle sottotrame si vede nel fatto che in “Caliban – La guerra” esse vengono sviluppate alternando le storie di ben quattro diversi protagonisti. Del primo romanzo rimane solo Jim Holden mentre vengono aggiunte quelle della Marine marziana Roberta “Bobbie” Draper, del vice-Sottosegretario delle Nazioni Unite Chrisjen Avasarala e del botanico di Ganimede Praxidike “Prax” Meng.

Continua una certa tendenza all’uso di cliché nello sviluppo di certe parti della trama che sono prevedibili e soprattutto dei personaggi. La mia impressione è che gli autori preferiscano concentrarsi sull’azione e ricorrano a questi cliché per permettere ai lettori di capire facilmente la personalità, le motivazioni e le reazioni agli eventi dei personaggi.

C’è di positivo che i protagonisti rimasti dal primo romanzo hanno una certa evoluzione, in particolare Jim Holden, un idealista pronto a scatenare dei gran casini in tutto il sistema solare basandosi su informazioni incomplete. In qualche modo le esperienze passate e l’influenza di Naomi lo aiutano almeno a limitare i danni.

Anche i lati positivi del primo romanzo vengono mantenuti in “Caliban – La guerra” con tanta azione e colpi di scena in una space opera con connotazioni molto classiche. Gli autori sono bravi a sviluppare anche gli intrighi politici mantenendo comunque il ritmo elevato. C’è un buon equilibrio tra la trama legata alla tensione tra Terra e Marte con le fazioni all’interno delle Nazioni Unite e quella legata agli eventi sulla Rocinante.

Come il primo romanzo, “Caliban – La guerra” ha un finale, anche se vari punti della storia rimangono aperti ai seguiti. Secondo me il finale è la parte più debole perché gli autori vi concentrano una serie di cliché per cui ho avuto una forte sensazione di già visto. Anche in questo caso gli autori sembravano interessati più che altro a chiudere il romanzo evitando complicazioni per mantenere il ritmo alto.

Continuo a pensare che almeno i primi due romanzi della serie Expanse siano sopravvalutati ma devo ammettere che gli autori sono abili a mascherarne i difetti con una narrazione fluida che porta il lettore ad arrivare alla fine senza pensarci troppo. Se vi interessa una space opera divertente senza troppe complicazioni, “Caliban – La guerra” e il resto della serie vanno benissimo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *